DRAGHI CONTINUA A CHIAMARE ZELENSKY: MA QUANDO VA A KIEV? – IL VIAGGIO DEL PREMIER IN UCRAINA ERA STATO VENTILATO, POI RIMANDATO E INFINE CONGELATO – IERI LA NUOVA TELEFONATA, IN CUI “MARIOPIO” HA RIBADITO IL SOSTEGNO ITALIANO E IL SÌ DI ROMA A NUOVE SANZIONI CONTRO LA RUSSIA – IL LEADER UCRAINO HA RISPOSTO CON LA SOLITA LISTA DELLA SPESA: “SPERO CHE L’ITALIA CONTINUI A SOSTENERCI CON I SISTEMI DI DIFESA E I DISPOSITIVI MILITARI CHE CI SERVONO, CHE CI AIUTI A DIVENTARE PAESE CANDIDATO A ENTRARE NELL’UE E CHE CI AIUTI A SBLOCCARE LE MERCI NEI PORTI…”

-

Condividi questo articolo


Marco Galluzzo per il “Corriere della Sera”

 

mario draghi premiato all atlantic council mario draghi premiato all atlantic council

«Non siamo ancora pronti per dei veri negoziati di pace. Ne potremo discutere solo quanto avremo riconquistato tutti i territori che la Russia ci ha sottratto dal primo giorno della guerra. Spero che l'Italia continui a sostenerci con i sistemi di difesa e i dispositivi militari che ci servono per la nostra lotta di liberazione.

 

Che ci aiuti a diventare Paese candidato ad entrare nell'Unione Europea, nonostante le resistenze di alcuni membri della Ue, a cominciare da Berlino. Che ci aiuti a sbloccare il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia in discussione a Bruxelles e le merci bloccate dai russi nei nostri porti».

volodimyr zelensky 3 volodimyr zelensky 3

 

È stato il premier Mario Draghi ieri sera a cercare il presidente dell'Ucraina. Ma è stato Volodymyr Zelensky, al telefono, a fare un lungo elenco di richieste - ribadendo la posizione di fermezza di queste ore - al nostro presidente del Consiglio. Un lungo elenco che ha in parte rivendicato scrivendo su Twitter, puntualizzando che è stato cercato dal nostro capo del governo, che la telefonata è avvenuta su iniziativa italiana.

 

mario draghi luigi di maio roberto garofoli roberto cingolani applausi per zelensky mario draghi luigi di maio roberto garofoli roberto cingolani applausi per zelensky

I due leader si sono confrontati più volte al telefono dall'inizio del conflitto, ma non si sono mai visti di presenza. Una visita del presidente del Consiglio a Kiev, fra le ipotesi sino a qualche giorno fa, sembra per ora congelata, rimandata ad un momento più opportuno.

 

Zelensky, con un tweet, ha ringraziato il leader italiano per il «sostegno incondizionato all'Ucraina nel suo percorso verso l'Ue». Nel corso della telefonata, ha scritto il presidente ucraino, «abbiamo parlato di cooperazione sulla difesa, della necessità di accelerare il sesto pacchetto di sanzioni e di sbloccare i porti ucraini, ho anche ringraziato per il sostegno incondizionato all'Ucraina nel suo percorso verso l'Ue», ha aggiunto.

volodymyr zelensky 1 volodymyr zelensky 1

 

«La Russia ha bloccato 22 milioni di tonnellate di raccolto pronto per l'esportazione nei porti ucraini», aveva fatto sapere lo stesso Zelensky, poche ore prima, durante un briefing con il primo ministro portoghese Antonio Costa, che ieri è stato nella capitale ucraina, promettendo 250 milioni di euro di ulteriori aiuti da parte del Portogallo.

 

boris johnson volodymyr zelensky a kiev boris johnson volodymyr zelensky a kiev

Anche Palazzo Chigi ha diffuso una nota poco dopo la telefonata, una nota in cui vengono ribaditi e confermati quasi tutti i punti del confronto sottolineati da Zelensky. Draghi ha assicurato che farà di tutto per sbloccare a Bruxelles - nel corso del Consiglio europeo straordinario di fine mese - il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, un pacchetto che al momento vede i membri dell'Unione Europea ancora divisi sull'embargo al petrolio di Mosca.

PUTIN ZELENSKY PUTIN ZELENSKY

 

Quanto alla pace, «l'Ucraina, e solo l'Ucraina, definirà quando e come finirà la guerra», ha affermato ieri il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba. «Eserciteremo il nostro diritto all'autodifesa ai sensi dell'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite a seguito di un brutale attacco armato. Il presidente Zelensky è stato chiaro. Non abbiamo bisogno della terra di nessun altro, ma non rinunceremo a ciò che è nostro».

IL TWEET DI VOLODYMYR ZELENSKY SULLA MANCATA RISPOSTA A DRAGHI IL TWEET DI VOLODYMYR ZELENSKY SULLA MANCATA RISPOSTA A DRAGHI volodimyr zelensky 3 volodimyr zelensky 3 VOLODYMYR ZELENSKY CON MITCH MCCONNELL E LA DELEGAZIONE REPUBBLICANA A KIEV VOLODYMYR ZELENSKY CON MITCH MCCONNELL E LA DELEGAZIONE REPUBBLICANA A KIEV VOLODYMYR ZELENSKY MITCH MCCONNELL VOLODYMYR ZELENSKY MITCH MCCONNELL

 

Condividi questo articolo

politica

“SE CONTE DECIDESSE DI FARE POLITICA E LASCIASSE IL GOVERNO DRAGHI, SAREI DISPOSTO A DARE UNA MANO” – BOOM! MICHELE SANTORO È PRONTO A SCENDERE (DI NUOVO) IN POLITICA AL FIANCO DI “GIUSEPPI”, MA SOLO SE SI STACCA DA “MARIOPIO” E DAL PD: “IN ITALIA MANCA LA SINISTRA, E NON È UN MISTERO, MA SI PUÒ RICOSTRUIRE UN'OFFERTA PLITICA INTORNO ALLA QUESTIONE DELLA GUERRA" - "SE LA LOGICA È QUELLA DI CASALINO, UNA ‘CASETTA NUOVA’ PER LA ‘MERCANZIA VECCHIA’, NON CI CASCA NESSUNO. NIENTE STAMPELLE AL PD. IO CI CREDO. CONTE È ARRIVATO IN POLITICA PER GENTILE CONCESSIONE, MA NON CI PUÒ RESTARE A LUNGO. O LA FA, LA POLITICA, O NON ESISTERÀ PIÙ”

“SIAMO SICURI CHE UN PO’ DI PUTIN NON CI SERVIREBBE” – MATTIA FELTRI PROVA A RICAPITOLARE I PUNTI SALIENTI DELLO PSICODRAMMA CONTE-GRILLO-TRAVAGLIO: “PARE CHE DRAGHI ABBIA CALDEGGIATO LA RIMOZIONE DI GIUSEPPE CONTE. PARE, PERCHÉ DRAGHI NEGA. A CONFERMARE SONO LO STESSO CONTE E UNA SETTANTINA DI PARLAMENTARI E AMICI” – “IL PREMIER DECIDE DI AFFRETTARE IL RITORNO A ROMA DA MADRID. CONTE ANNUNCIA IL DRAMMATICO FACCIA A FACCIA: CI VEDIAMO OGGI. DRAGHI HA UN'IDEA DIVERSA: NON NE SO NULLA. SERVE ALMENO UN'ALTRA…”

ERDOGAN ABBAIA E MORDE – LUCIO CARACCIOLO: “È STATO IL PROTAGONISTA DEL VERTICE NATO DI MADRID. STA TESSENDO LA TRAMA DI UNA SFERA D'INFLUENZA AMPLISSIMA. IL SUO RAGGIO D'AZIONE VA DALLA TRIPOLITANIA AL CORNO D'AFRICA, DAI BALCANI ALL'AZERBAIJAN, CON PERNO SUL GRANDE MEDITERRANEO. OBIETTIVO, EMANCIPARSI DAL VINCOLO ANATOLICO PER AFFERMARSI POTENZA ANCHE MARITTIMA, CAPACE DI SPINGERSI VERSO LE GRANDI ROTTE OCEANICHE. LÌ DOVE SI GIOCA LA PARTITA STRATEGICA CHE DECIDERÀ IL FUTURO DI QUESTO SECOLO: LO SCONTRO FRA AMERICA E CINA” –