ERA MEGLIO SE NON CI AN-DAVOS – TRUMPONE SI PRENDE IL PALCO DEL “WORLD ECONOMIC FORUM” PARLANDO DI OTTIMISMO, DEGLI ACCORDI COMMERCIALI CON LA CINA E ATTACCA INDIRETTAMENTE GRETA THUNBERG: “RESPINGIAMO I PROFETI PERENNI DELLA SVENTURA. LA PAURA E IL DUBBIO NON SONO BUONI CONSIGLIERI” - LA RAGAZZINA SI FA FOTOGRAFARE ANNOIATA IN PLATEA POI LASCIA L’AUDITORIUM – VIDEO

-

Condividi questo articolo

Davos, Donald Trump contro gli ambientalisti ''profeti di sventura''

 

Giuliana Ferraino per www.corriere.it

 

donald trump a davos donald trump a davos

Tutti pazzi per Trump, anche quest’anno che il climate change e l’appello per adottare un capitalismo inclusivo e sostenibile sono al centro del dibattito del World Economic Forum. Il presidente americano Donald Trump è in ritardo di una ventina di minuti sul programma, ma la folla di Davos lo attendeva pazienza per ore in piedi e per accaparrarsi un posto nella Congress Hall, strapiena. Ancora di più che nel 2018. Trump comincia a parlare alle 11.49.

greta thunberg annoiata dal discorso di trump a davos 1 greta thunberg annoiata dal discorso di trump a davos 1

 

Abito scuro, camicia bianca e cravatta rossa d’ordinanza. In 30 minuti di discorso, Trump non fa sorprese. Il messaggio è lo stesso di sempre: «Il sogno americano di nuovo qui, più grande, migliore e più forte che mai». Sotto la sua presidenza, l’America prospera: sono tornati le fabbriche («12 milioni, che saliranno 60 mila») e i posti di lavoro («sono stati creati 7 milioni id nuovi posti un numero impensabile», i salari stanno salendo di nuovo, gli investimenti tornano negli Stati Uniti (un quarto di tutti gli investimenti esteri diretti nella prima metà del 2019). A dispetto della Federal Reserve che «ha rialzato i tassi di interesse troppo in fretta e li ha tagliati troppo lentamente».

 

donald trump arriva a davos donald trump arriva a davos

La forza degli accordi commerciali

il tweet di donald trump prima di arrivare a davos il tweet di donald trump prima di arrivare a davos

Trump cita l’accordo della fase 1 firmato con la Cina e anticipa che «presto comincerà il negoziato per la fase 2» e il nuovo trattato commerciale che ha sostituito il «disastroso Nafta». Sono il nuovo modello di trattato commerciale per il XXI secolo, afferma, un modello che «protegge il settore manifatturiere e i posti di lavoro». È stato possibile «grazie ai dazi, li useremo anche con altri. L’Europa è avvertita. Ma è solo l’inizio. Gli Usa, che hanno raggiunto l’indipendenza energetica, stanno per avviarsi verso «un periodo di crescita straordinaria», a dispetto delle previsioni del Fondo monetario che proprio ieri a Davos ha indicato un rallentamento per gli Usa. Grazie a «una massiccia deregolamentazione» e agli effetti dei nuovi trattati commerciali. L’unica concessione al tema della sostenibilità è l’annuncio, di cui si dichiara molto orgoglioso, che gli Stati Uniti aderiranno all’iniziativa del Wef di piantare mille miliardi di alberi entro il decennio.

greta thunberg annoiata dal discorso di trump a davos greta thunberg annoiata dal discorso di trump a davos

 

world economic forum davos world economic forum davos

«No a profeti di sventura»

Il riferimento agli ambientalisti è solo indiretto: «Dobbiamo respingere i profeti perenni della sventura. Questo non è il momento del pessimismo. Questo è il momento dell’ottimismo», ha detto Trump dopo l’intervento di questa mattina di Greta Thunberg. Nel suo intervento Trump ha aggiunto che «la paura e il dubbio non sono buoni consiglieri». «Per abbracciare e accogliere le possibilità di domani dobbiamo respingere questa apocalisse che ci era stata prospettata - ha insistito - Dobbiamo dimenticare quelli che ieri ci prospettavano un futuro buio e cupo». «Noi - ha affermato - non lasceremo succeda».

greta thunberg parla a davos greta thunberg parla a davos greta thunberg lascia l'auditorium durante il discorso di donald trump a davos greta thunberg lascia l'auditorium durante il discorso di donald trump a davos donald trump arriva a davos 2 donald trump arriva a davos 2 donald trump a davos 1 donald trump a davos 1 greta thunberg davos greta thunberg davos il discorso di greta thunberg a davos il discorso di greta thunberg a davos greta thunberg a davos greta thunberg a davos greta thunberg davos greta thunberg davos davos jet privati ed elicotteri davos jet privati ed elicotteri l'arrivo di donald trump a davos visto dal cielo l'arrivo di donald trump a davos visto dal cielo i jet privati all'aeroporto di zurigo per davos i jet privati all'aeroporto di zurigo per davos donald trump parla a davos e il fondatore del wef klaus schwab ascolta donald trump parla a davos e il fondatore del wef klaus schwab ascolta donald trump arriva a davos 3 donald trump arriva a davos 3 greta thumberg a davos greta thumberg a davos donald trump a davos 2 donald trump a davos 2 greta thunberg sul piedistallo a davos greta thunberg sul piedistallo a davos ivanka trump con il marito jared kushner a davos ivanka trump con il marito jared kushner a davos

 

Condividi questo articolo

politica

ITALIA A RISCHIO CAOS – “ASSALTI AI FORNI DEL PANE E SCIPPI DELLE BUSTE DELLA SPESA: L’EMERGENZA, OLTRE A QUELLA SANITARIA, È SOCIALE - MENTRE FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA E STATI UNITI HANNO ADOTTATO MISURE SENZA PRECEDENTI, IL GOVERNO CONTE TENTENNA CON APPENA 25 MILIARDI CHE POTREBBERO AL MASSIMO DIVENTARE 100. ANCHE QUI È LA BUROCRAZIA - DEL MINISTRO DEL TESORO GUALTIERI IN PARTICOLARE - A OSTACOLARE I PROVVEDIMENTI - OCCORRONO AZIONI CORAGGIOSE E RAPIDE DA PARTE DELGOVERNO, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI” – NON LO DICE SALVINI O MELONI MA IL DIRETTORE DE ‘’LA STAMPA’’ MAURIZIO MOLINARI

L’EUROPA DEI PARACULI - AL PREMIER OLANDESE MARK RUTTE, IL PIÙ DURO OPPOSITORE AGLI EUROBOND SALVA-CRISI, CONTE POTREBBE RICORDARE CHE L'ITALIA PERDE OGNI ANNO CIRCA 20 MILIARDI DI EURO DI IMPONIBILE SUI PROFITTI REALIZZATI DA MULTINAZIONALI ITALIANE CON SEDI IN PARADISI FISCALI, DI CUI 17 IN PAESI EUROPEI. AMSTERDAM È LA PREFERITA PER GLI AGNELLI (FCA, CNH E FERRARI). IN LUSSEMBURGO HANNO CERCATO DI PAGARE MENO TASSE ALL’ITALIA FERRERO, DEL VECCHIO, ROCCA, MONTEZEMOLO, DELLA VALLE, GARRONE