ESPOSIZIONE CAPITALE - GIAMPIERO MASSOLO, PRESIDENTE DEL COMITATO PROMOTORE DI EXPO 2030, È FIDUCIOSO SULLA CANDIDATURA DI ROMA PER L'ESPOSIZIONE UNIVERSALE: “CREDO IN QUESTA CITTÀ. ABBIAMO CANDIDATURE TEMIBILI ACCANTO ALLA NOSTRA. CIASCUNO HA PUNTI FORTI E PUNTI DEBOLI, TUTTI CERCHERANNO DI FAR VALERE AL MASSIMO I PROPRI PUNTI DI FORZA E NESSUNO FARÀ SCONTI…”

-

Condividi questo articolo


giampiero massolo foto di bacco giampiero massolo foto di bacco

(ANSA) - "Sono molto fiducioso, ma ci sarà tanto da fare". Lo dice il presidente del comitato promotore di Expo 2030, l'ambasciatore Giampiero Massolo, nel corso di un punto stampa con i giornalisti a Roma.

 

"Se non fossi fiducioso non mi sarei gettato nell'impresa - aggiunge -. Credo in questa città, che considero mia anche se non sono nato qui". "Abbiamo candidature temibili accanto alla nostra - spiega -, altre quattro: Busan in Corea del Sud, Odessa in Ucraina, Riyad in Arabia Saudita e Mosca in Russia. Ciascuno ha punti forti e punti deboli, tutti cercheranno di far valere al massimo i propri punti di forza e nessuno farà sconti".

giampiero massolo 2 giampiero massolo 2 EXPO ROMA 2030 - 9 EXPO ROMA 2030 - 9

 

Condividi questo articolo

politica

TRAVAGLIO DIXIT: CONTE VUOLE IL VOTO ANTICIPATO – PEPPINIELLO APPULO NON CONTROLLA I GRUPPI PARLAMENTARI E RISCHIA DI NON ARRIVARE AL 2023: È PER QUESTO CHE HA RIFIUTATO LA GENTILE OFFERTA DI LETTA, CHE GLI VOLEVA REGALARE IL SEGGIO DI GUALTIERI ALLA CAMERA – IL DIRETTORE DEL “FATTO” DA MESI SPINGE PER PRESERVARE L’AVVOCATO DI PADRE PIO SOTTO URNA. COSÌ CONTE SI TOGLIEREBBE DALLE PALLE L’ALA GOVERNISTA DEL MOVIMENTO CAPEGGIATA DA DI MAIO – C’È SOLO UN PROBLEMA: BISOGNA SPEDIRE DRAGHI AL COLLE…

LO SCIOPERO GENERALE NON È CONTRO DRAGHI, MA CONTRO I PARTITI! – LANDINI: “IL PREMIER HA TENTATO DI PROPORRE UN PUNTO DI MEDIAZIONE CON LA SUA MAGGIORANZA, MA È STATO BRUTALMENTE MESSO IN MINORANZA DAI PARTITI. PENSANO PIÙ ALLE PROPRIE BANDIERINE ELETTORALI CHE AGLI INTERESSI DELL’ITALIA” – “SCIOPERO IMMOTIVATO? È UN’OBIEZIONE INFONDATA. IL GOVERNO DA MESI HA RICEVUTO LE NOSTRE RICHIESTE UNITARIE SU FISCO, PENSIONI, POLITICHE INDUSTRIALI E LOTTA ALLA PRECARIETÀ. LE RISPOSTE NON SONO ADEGUATE…”

“PUTIN NON INVADERÀ L’UCRAINA” – IAN BREMMER: “I COSTI SAREBBERO TROPPO ALTI. SIGNIFICHEREBBE RINUNCIARE AL GASDOTTO NORD STREAM 2 E SAREBBE UN’OPERAZIONE MOLTO IMPOPOLARE IN RUSSIA” – “MOSCA È INFURIATA PERCHÉ L’UCRAINA STA RICEVENDO PIÙ SOSTEGNO DALLA NATO, MA PUTIN È IN UNA POSIZIONE DIPLOMATICA DI FORZA. LA CRISI ENERGETICA PEGGIORA OGNI GIORNO E L’EUROPA È A CORTO DI RIFORNIMENTI. FORSE NON INVIERÀ UOMINI E CARRI ARMATI OLTRE IL CONFINE, MA PRENDERÀ ALTRE MISURE…”