ESSERE “AMICI” DELLA CINA VUOL DIRE FARSI DIVORARE - LO STA SCOPRENDO ANCHE PUTIN CHE, IN CAMBIO DEL SOSTEGNO CINESE DOPO LO SCOPPIO DELLA GUERRA IN UCRAINA, DOVRA’ CEDERE A XI JINPING IL PORTO DI VLADIVOSTOK: IL PRINCIPALE PORTO DELL'ESTREMO ORIENTE RUSSO DIVENTERÀ DI FATTO UN HUB INTERNO DELLA CINA E SARÀ USATO SIA PER USI COMMERCIALI CHE MILITARI - È L’ENNESIMO SEGNO DELLA DIPENDENZA DEL CREMLINO DA PECHINO CHE, AL CONTRARIO, NON VUOLE LEGARSI TROPPO ALLE IMPORTAZIONI DI GAS E PETROLIO DA MOSCA. E PUNTA SULLE REPUBBLICHE EX SOVIETICHE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo Lamperti per “la Stampa”

 

VLADIVOSTOK VLADIVOSTOK

Per quasi due secoli è stata conosciuta come Haishenwai ed era governata dalla dinastia Qing. Nel 1860, è passata all'impero russo con uno dei trattati "ineguali" del "secolo dell'umiliazione" che il Partito comunista ha giurato non tornerà più. Dal 1° giugno, Vladivostok tornerà un po' cinese. E senza bisogno di scontri armati come quelli dell'era di Mao Zedong. No, grazie a un accordo di cui si sta parlando moltissimo sui social di Pechino, il principale porto dell'estremo oriente russo diventerà di fatto un hub interno della Cina.

 

xi jinping e putin - immagine creata con l intelligenza artificiale midjourney xi jinping e putin - immagine creata con l intelligenza artificiale midjourney

Sarà utilizzato per trasportare merci dalla provincia Nord-orientale dello Jilin a quella orientale dello Zhejiang. Un risparmio enorme di tempi e costi per la Cina. Le merci arriveranno al porto di Vladivostok su rotaia o camion, senza dover pagare tariffe o tasse. E per arrivare a destinazione ci metteranno circa l'80% in meno.

 

Già in precedenza c'erano stati accordi simili con la Russia, ma quello su Vladivostok ha un altro valore […] perché il porto ha usi sia commerciali sia militari. Il via libera all'accesso cinese è un ulteriore segnale di fiducia da parte del Cremlino. Ma anche di accresciuta dipendenza di Mosca da Pechino. Tendenza accentuata drammaticamente dopo la guerra in Ucraina che ha spinto sempre di più Vladimir Putin tra le braccia di Xi Jinping […]

 

XI JINPING VLADIMIR PUTIN 3 XI JINPING VLADIMIR PUTIN 3

Proprio la cantieristica navale è uno dei settori individuati da Mikhail Mishustin in cui rafforzare la cooperazione bilaterale, insieme alla produzione di droni e all'agroalimentare. […] Dopo l'aumento del 30% dell'interscambio nel 2022, le esportazioni russe sono aumentate del 67% nei primi 4 mesi del 2023 ed entro la fine dell'anno si prevede una crescita del 40% nel settore dell'energia, con il netto superamento dei 2 milioni di barili di greggio al giorno.

 

VLADIVOSTOK SU GOOGLE MAPS VLADIVOSTOK SU GOOGLE MAPS

Ma diversi analisti ritengono che con il 2023 si raggiungerà un "plateau" dell'import cinese di energia, che a oggi rappresenta il 74,5% delle importazioni totali di Pechino dalla Russia. […] Xi non sembra intenzionato a diventare troppo dipendente da gas e petrolio di Mosca. Secondo Reuters, Pechino sta infatti dando priorità a un nuovo gasdotto col Turkmenistan rispetto ai lavori sul Power of Siberia 2.

 

Anzi, starebbe utilizzando l'annuncio del futuro collegamento con la Russia via Mongolia per far avanzare a prezzi meno alti il progetto dell'Asia centrale. La Cina punta tantissimo sulle repubbliche ex sovietiche […], con Putin costretto a concedere maggiore spazio di manovra rispetto al passato per l'accresciuto squilibrio nei rapporti con Pechino. Ma Mosca non vuole certo essere considerata un semplice sparring partner. E passare informazioni riservate alla Cina è ancora considerato alto tradimento.

XI JINPING VLADIMIR PUTIN XI JINPING VLADIMIR PUTIN

 

Nei giorni scorsi è stato arrestato Alexander Shiplyuk, direttore dell'Istituto siberiano Khristianovich di meccanica teorica e applicata. È accusato di aver consegnato materiale classificato durante una conferenza in Cina. Dal 2020 sono almeno tre i casi di scienziati e specialisti russi incriminati per spionaggio a favore di Pechino. Un segnale che Mosca non vuole perdere vantaggi tecnologici, nemmeno con un presunto amico senza limiti.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)