EUROPA DA RECOVERY? NO, DA RICOVERO – ALL’EUROGRUPPO, ELETTO PRESIDENTE L’IRLANDESE DONOHOE RAPPRESENTANTE DI UNO DEI PAESI CONTRARI AL RECOVERY FUND – SCONFITTO IL FRONTE DEL SUD CHE SOSTENEVA LA SPAGNOLA NADIA CALVINO (APPOGGIATA DA ITALIA E FRANCIA) - LA RIBELLIONE DEI ‘FRUGALI’ COMPLICA LA NEGOZIAZIONE DEGLI AIUTI EUROPEI - MERKEL E MACRON CHIEDONO UN ACCORDO URGENTE ENTRO LA FINE DI QUESTO MESE. MA IL PRIMO MINISTRO OLANDESE MARK RUTTE DICE CHE NON C'È FRETTA…

-

Condividi questo articolo

Da El PAIS

 

Paschal Donohoe Paschal Donohoe

I paesi rigoristi e quelli più tolleranti con le tasse – scrive El Pais - ostacolano le aspirazioni di Calviño all' Eurogruppo e difendono una risposta alla crisi economica più contenuta e con un maggiore controllo della spesa.

 

“Paesi molto piccoli con molto poco peso", è stata la descrizione che Nadia Calviño ha fatto nel 2018 del gruppo conosciuto come Nuova Lega Anseatica, una trincea nata in seguito all'uscita del Regno Unito dall'UE e che sotto la guida dei Paesi Bassi cerca di evitare un possibile direttorio post-Brexit dei quattro maggiori partner (Germania, Francia, Italia e Spagna).

 

Le parole di Calviño l'hanno perseguitata in questi due anni. E hanno finito per diventare l'epitaffio della sua candidatura alla presidenza dell'Eurogruppo, che si è infranta contro un rivale apparentemente piccolo del gruppo anseatico, ma che ha ottenuto il sostegno della maggioranza dei 19 ministri delle finanze dell'Eurogruppo.

 

Nadia Calviño Nadia Calviño

La ribellione dei piccoli rende visibile la complessità della scacchiera europea. L'incertezza ora incombe anche sul vertice europeo della prossima settimana, dove si negozierà il fondo di ripresa per la crisi pandemica e il quadro di bilancio dell'UE per il 2021-2027.

 

I paesi arrivano divisi in gruppi che assomigliano in parte ai gruppi formatisi nell'Eurogruppo: le potenze che sono guidate da Francia e Germania da un lato, e i piccoli paesi del nord guidati dai Paesi Bassi dall'altro. Fonti UE sottolineano il valore di Donohoe ma avvertono che il risultato dell'Eurogruppo "è il trionfo di paesi che raramente guardano all'interesse europeo e che in ogni negoziato si concentrano sull'equilibrio dei benefici nazionali". Una combinazione pericolosa per un fondo di recupero che, secondo Berlino e Parigi, deve basarsi su un'iniezione di mezzo miliardo di euro di sussidi.

 

nadia calvino con paolo gentiloni nadia calvino con paolo gentiloni

Merkel e Macron chiedono un accordo urgente entro la fine di questo mese per l'urgenza di aiutare l'Italia e la Spagna, i due governi più colpiti dalla Covid-19. Ma il primo ministro olandese Mark Rutte dice che non c'è fretta e vuole negoziare un budget al ribasso e un fondo di recupero basato su crediti e con richieste di esborso molto severe. I sostenitori dell'accordo si affidavano al rullo franco-tedesco per superare gli ostacoli di Paesi Bassi, Svezia, Austria e Danimarca. Ma la Lega Anseatica ha appena dimostrato che può circondare coloro che volano più in alto e far sì che le loro ali smettano di battere. La caduta è quindi inevitabile.

 

paschal donohoe paschal donohoe

La vittoria del ministro irlandese, Paschal Donohoe, dovrebbe servire a sanare le ferite tra il Nord, che chiede più moderazione e disciplina fiscale, e il Sud, che chiede una visione più sociale dell'Europa. La sua elezione è stata un campanello d'allarme per l'asse franco-tedesco. Il fatto che il voto nell'Eurogruppo non sia stato ponderato dal peso economico o dalla popolazione dei partner ha avuto un ruolo nella vittoria dell'Irlanda. Ma anche così, il risultato dimostra che il sostegno di partner potenti come Calviño non è sufficiente per vincere. "A Bruxelles non c'è un piccolo amico o un piccolo nemico", dice una fonte dell'UE. "Dobbiamo parlare con tutti".

giuseppe conte pedro sanchez giuseppe conte pedro sanchez

 

La rivolta dei piccoli contro il candidato sostenuto da Merkel, Macron o Conte conferma che l'Unione non è più il vecchio club dove il coordinamento tra le grandi capitali ha fissato inesorabilmente l'agenda.

 

L'Unione a 27 membri, e l'Eurozona a 19, ospita costellazioni di interessi molto variabili che si allineano in modo diverso in ogni momento e che possono portare a risultati inaspettati come la vittoria di Donohoe di giovedì.

 

GIUSEPPE CONTE PEDRO SANCHEZ GIUSEPPE CONTE PEDRO SANCHEZ

Anche la cancelliera tedesca Angela Merkel non ha più la capacità di imporre i suoi criteri, come ha dimostrato l'anno scorso. Il suo accordo con la Francia, l'Italia e la Spagna per concedere la presidenza della Commissione europea al socialista olandese Frans Timmermans è stato interrotto dal Partito popolare europeo, dove anche diverse delegazioni di piccoli paesi hanno fatto marcia indietro e hanno rivendicato il posto, che è finito nelle mani della conservatrice Ursula von der Leyen.

paschal donohoe paschal donohoe

 

La sconfitta di Calviño conferma anche che le dinamiche dei partiti politici, per anni anestetizzati a Bruxelles dal consenso europeista, sono sempre più presenti nelle istituzioni europee. La sconfitta del vicepresidente del governo spagnolo è dovuta, in parte, alla lotta popolare e socialista per la distribuzione delle posizioni in gioco.

 

Dal 2013 i socialisti hanno assunto la presidenza dell'Eurogruppo, con l'olandese Jeroen Dijsselbloom all'inizio, e il portoghese Mário Centeno in seguito. La posizione ha in parte compensato il predominio del PPE in altre istituzioni come la Presidenza della Commissione, il Consiglio e il Parlamento.

 

PEDRO SANCHEZ GIUSEPPE CONTE PEDRO SANCHEZ GIUSEPPE CONTE

Ma l'equilibrio si è in parte spostato dopo le elezioni del Parlamento europeo del 2019. Il PPE rimane a capo della Commissione, ma i liberali, con Charles Michel, assumono la presidenza del Consiglio, e il socialista David Sassoli è a capo del Parlamento.

 

I socialisti hanno voluto mantenere la presidenza dell'Eurogruppo, visto che il mandato di Sassoli scade a metà mandato alla fine del prossimo anno ed è probabile che venga sostituito da qualcuno di un altro gruppo. Questa situazione lascerà i socialisti, il secondo gruppo alle elezioni del 2019, senza alcuna presidenza fino alle prossime elezioni del 2024.

 

CONTE MERKEL SANCHEZ MACRON CONTE MERKEL SANCHEZ MACRON

Ma il Partito popolare europeo ha avvertito, dopo che Rye ha annunciato il suo ritiro, che non avrebbe accettato questa logica e che avrebbe contestato il posto. E quando Donohoe ha annunciato la sua partenza, il PPE ha espresso chiaramente il suo sostegno all'irlandese, in un gesto che sarebbe passato praticamente inosservato anni fa, ma che questa volta ha contribuito al risultato. Poco importa che l'irlandese rappresenti un paese accusato di dumping fiscale per attirare, con agevolazioni fiscali, multinazionali che evitano così di tassare gli utili realizzati nel resto dell'UE.

rutte rutte

 

"L'esito dell'Eurogruppo lascia presagire una battaglia campale per i futuri posti che sorgeranno e in cui la chiave di ripartizione tenga conto del colore politico dei candidati", lasciano presagire fonti comunitarie. Altre fonti riferiscono, tuttavia, che nella vittoria di Donohoe sono confluiti fattori diversi e che sia i sostegni di Calviño che quelli dell'Irlandese erano trasversali, da sinistra a destra. La spagnola era sostenuta da paesi come la Grecia, con il governo monocolore del PPE. E l'irlandese, pur non volendo rivelare l'origine dei suoi voti, ha assicurato dopo essere stato eletto che provenivano da tutto lo spettro politico.

PAOLO GENTILONI NADIA CALVINO PAOLO GENTILONI NADIA CALVINO NADIA CALVINO 1 NADIA CALVINO 1 MARK RUTTE ANGELA MERKEL MARK RUTTE ANGELA MERKEL MERKEL MACRON MERKEL MACRON MERKEL MACRON MERKEL MACRON MARK RUTTE ANGELA MERKEL 2 MARK RUTTE ANGELA MERKEL 2 pierre gramegna e paschal donohoe pierre gramegna e paschal donohoe

 

Condividi questo articolo

politica

“GIUSEPPI” SPARANE UN’ALTRA – SIAMO AL CONTE CHE SMENTISCE CONTE: SUL GIALLO DELLA MANCATA ISTITUZIONE DELLA ZONA ROSSA AD ALZANO E NEMBRO SPUNTA L’INTERVISTA DEL 2 APRILE IN CUI LA VOLPE CON LA POCHETTE DICE DI ESSERE A CONOSCENZA DELL’ALLARME DEL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO – UNA VERSIONE SMENTITA DAVANTI AI GIUDICI IL 12 GIUGNO QUANDO HA GIURATO DI NON AVER VISTO IL VERBALE – GLI ALLEATI MOLLANO LO SCHIAVO DI CASALINO: “HA VOLUTO I PIENI POTERI? ORA È UN PROBLEMA SUO…”