FELTRI SI BEVE LA MAGGIORANZA ROSÉ: “L’ESECUTIVO PIÙ ASSURDO DELLA STORIA REPUBBLICANA NASCERÀ, ZOPPO E RIMBAMBITO MA NASCERÀ E TENTERÀ DI MUOVERE QUALCHE PASSO” – “CIÒ CHE SPINGE QUESTI POLITICI DA STRAPAZZO A COLLABORARE NON È UNA INTESA DI MASSIMA BENSÌ IL DESIDERIO DI RIMANERE AVVITATI ALLA POLTRONA. CI STUPISCE CHE MATTARELLA NON LI BUTTI FUORI DAL QUIRINALE”

-

Condividi questo articolo

Vittorio Feltri per “Libero Quotidiano”

 

GOVERNO CONTE BIS BY TERRE IMPERVIE GOVERNO CONTE BIS BY TERRE IMPERVIE

Tutto si complica. Ogni minuto qualcuno protesta e pretende qualcosa di più. Organizzare un esecutivo fra cronici litiganti si sta rivelando una impresa più dura del previsto. Di Maio vuole la luna nel pozzo, Zingaretti si irrigidisce e compie tre passi indietro. Conte si agita e cerca di stringere i tempi. La lotta tra Pd e M5S è all' ultimo sangue.

 

giuseppe conte nicola zingaretti 1 giuseppe conte nicola zingaretti 1 giuseppe conte luigi di maio 3 giuseppe conte luigi di maio 3

Un osservatore politico neutrale e distaccato scriverebbe che date queste premesse un accordo di governo non sia possibile, la distanza che separa i due partiti è immensa, incolmabile. Ma noi che siamo cinici e per nulla bari, nonostante la bagarre in corso, siamo convinti che alla fine i contendenti piuttosto che andare a casa e affrontare elezioni anticipate saranno in grado di predisporre una squallida pace armata. E l' esecutivo più assurdo della storia repubblicana nascerà, zoppo e rimbambito ma nascerà, e tenterà di muovere qualche passo.

 

salvini e conte salvini e conte

Non pensiamo che percorrerà un lungo tratto di strada, però non rinuncerà al tentativo di stare in piedi. Ciò che spinge questi politici da strapazzo a collaborare non è una intesa di massima finalizzata a risolvere qualche problema del Paese, bensì il desiderio di rimanere avvitati alla poltrona. Ne comprendiamo l' ambizione smodata, che accomuna tutti i componenti del Parlamento, ma segnaliamo loro che non basta la tigna che li tiene avvinghiati al potere per guidare una nazione. Servono un minimo di competenza e spirito di servizio, che non mi pare facciano parte del patrimonio culturale dei grillini e degli ex comunisti, tutti individui improvvisatisi senatori e deputati senza possedere una struttura intellettuale idonea.

 

giuseppe conte al senato con pochette a 3 punte giuseppe conte al senato con pochette a 3 punte consultazioni la delegazione del pd da mattarella paolo gentiloni nicola zingaretti andrea marcucci consultazioni la delegazione del pd da mattarella paolo gentiloni nicola zingaretti andrea marcucci

Lo stesso Conte che si dà arie da statista è un dilettante allo sbaraglio il quale ha già dimostrato in varie circostanze di non essere all' altezza delle proprie aspirazioni. Immaginiamo che Mattarella, persona stimabile, sia consapevole di avere a che fare con uomini modesti, e ci stupisce il fatto che non li butti fuori dal Quirinale. Anche questo è un mistero abbastanza buffo.

giuseppe conte al g7 di biarritz con pochette a 4 punte 1 giuseppe conte al g7 di biarritz con pochette a 4 punte 1 giuseppe conte riceve l'incarico per la formazione del suo secondo governo 9 giuseppe conte riceve l'incarico per la formazione del suo secondo governo 9 IL RITORNO DEL CONTE IL RITORNO DEL CONTE giuseppe conte contro salvini in senato giuseppe conte contro salvini in senato consultazioni delegazione pd con mattarella consultazioni delegazione pd con mattarella LA TRATTATIVA PD-M5S VISTA DA STAINO LA TRATTATIVA PD-M5S VISTA DA STAINO PAPEETE COCKTAIL: LUIGI DI MAIO GIUSEPPE CONTE NICOLA ZINGARETTI BY GIANBOY PAPEETE COCKTAIL: LUIGI DI MAIO GIUSEPPE CONTE NICOLA ZINGARETTI BY GIANBOY

 

Condividi questo articolo

politica

“L’ITALIA È DIVENTATA UNA SOCIETÀ SIGNORILE DI MASSA” - LUCA RICOLFI, NEL SUO ULTIMO LIBRO, SPIEGA COME SIA POSSIBILE CONCILIARE LA FINE DELLA CRESCITA ECONOMICA CON IL CONSUMO OPULENTO - “SIAMO DIVENTATI SIGNORI SENZA ESSERE STATI CAPITALISTI. IL CONSUMO ECCEDE I BISOGNI ESSENZIALI, SUPERA IL TRIPLO DEL LIVELLO DI SUSSISTENZA E SI REGGE SU TRE PILASTRI. LA RICCHEZZA REALE ACCUMULATA DAI NONNI, LA DISTRUZIONE DELLA SCUOLA E LA FORMAZIONE DI UN'INFRASTRUTTURA SCHIAVISTICA…”