È FINITA LA PACCHIA PER CONTE: IL CONSENSO PER IL GOVERNO VA GIÙ DI SEDICI PUNTI RISPETTO ALL'INIZIO DELL'EMERGENZA MENTRE QUELLO PERSONALE DEL PREMIER SCENDE DEL 10% - NEL GRADIMENTO DEGLI ITALIANI, “GIUSEPPI” VIENE RAGGIUNTO DA ZAIA E POI C’È DRAGHI. MALE DI MAIO E ZINGARETTI - TRA I MENO AMATI DI BATTISTA, CRIMI, GRILLO E RENZI - LA LEGA PRIMO PARTITO (23%) MA IN CALO, POI IL PD AL 21,5% - CONTINUA A VOLARE “FRATELLI D’ITALIA” AL 16,2% CHE SUPERA UN M5S IN CRISI DI IDENTITÀ, 16% - IRRILEVANTI ITALIA VIVA E CALENDA

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Ilvo Diamanti per “la Repubblica”

 

il giallo dell orologio di conte durante la conferenza stampa 2 il giallo dell orologio di conte durante la conferenza stampa 2

La paura generata dal Coronavirus non accenna a ridursi. E, anzi, cresce. Insieme al contagio. Al contrario la fiducia nei confronti del governo sta scendendo costantemente, dopo il picco raggiunto nella scorsa primavera. È l' aspetto, forse, più immediato che emerge dal sondaggio dell' Atlante Politico condotto da Demos negli ultimi giorni. Peraltro, il consenso verso il governo appare ancora elevato. Espresso dalla maggioranza dei cittadini: il 55%. Ma negli ultimi mesi risulta in costante calo. È, infatti, sceso di 2 punti nell' ultimo mese, di 5 rispetto a giugno. E di 16 rispetto allo scorso marzo, quando la pandemia ha fatto irruzione nella nostra vita.

zingaretti di maio zingaretti di maio

 

I recenti provvedimenti ottengono un favore sensibilmente inferiore (per quanto maggioritario) rispetto a quello espresso verso le misure prese nei mesi precedenti. A partire dal lockdown decretato in marzo. Così abbiamo assistito a un significativo cambiamento del clima d' opinione[…] la fiducia nel governo, come abbiamo detto, continua a calare. […]

 

La fiducia nei confronti di Giuseppe Conte continua ad essere elevatissima: 58%. Tuttavia, si tratta di 12 punti in meno, rispetto a marzo, quando aveva toccato il 70%. Inoltre, per la prima volta, non è più solo, in testa al gradimento dei cittadini. Perché è stato raggiunto da Luca Zaia. Presidente del Veneto. […] Dopo di loro, con il 54% dei consensi, incontriamo Mario Draghi. […]

giuseppe conte conferenza stampa a villa pamphilj 15 giuseppe conte conferenza stampa a villa pamphilj 15

 

Dietro di loro (con il 40%) si colloca Roberto Speranza, Ministro della Salute (speranza e salute: un duplice auspicio). Seguono diversi leader "nazionali": Meloni, Gentiloni, Salvini, Franceschini, Bonino, Berlusconi. Più sotto: Di Maio e Zingaretti. Le principali variazioni riguardano il calo di consensi verso il governatore dell' Emilia- Romagna, Bonaccini. E soprattutto verso il Presidente della Campania, De Luca. […] In fondo alla classifica, non per caso, troviamo i leader del M5S, Di Battista e Crimi. Insieme al fondatore Beppe Grillo. E a Matteo Renzi. […]

 

Berlusconi Renzi Berlusconi Renzi

Davanti a tutti, con il 23%, resta la Lega. Che […] continua a perdere ancora consensi. Un punto e mezzo, negli ultimi due mesi. […] Così il PD si avvicina. Ora è al 21,5%. Mentre il M5S, l' alleato di governo, scivola sotto al 16%. Meno della metà di quanto ottenuto alle Politiche del 2018. Così viene superato dai Fratelli d' Italia di Giorgia Meloni, che raggiungono il 16,2%. […] Forza Italia, infine, "resiste" oltre il 7%. Ormai da mesi.

Il Centro-Destra appare, quindi, ancora largamente maggioritario. [… il Partito di Renzi resta marginale. […] Questo sondaggio sembra, dunque, annunciare la fine della stagione del consenso intorno al governo e al suo Capo. Senza che l' opposizione ne tragga vantaggio. […]

MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI SELFIE IN PIAZZA MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI SELFIE IN PIAZZA

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209