DA GAZA ALL’IRAN, PER GLI AMERICANI L’OBIETTIVO RESTA LO STESSO: PLACARE NETANYAHU – IL PREMIER ISRAELIANO, PRESSATO DALL’ESTREMA DESTRA CHE SOSTIENE IL SUO GOVERNO, VOLEVA RISPONDERE ALL’ATTACCO IRANIANO SUBITO. SOLO LA TELEFONATA DI BIDEN L’HA FERMATO: “AVER RESPINTO L’ATTACCO È UNA VITTORIA, DIMOSTRA LA VOSTRA CAPACITÀ DI DIFENDERVI INSIEME AGLI ALLEATI”. MA QUANTO RESISTERÀ “BIBI”, CHE È USCITO RAFFORZATO?

-

Condividi questo articolo


1. LA TELEFONATA DI JOE A BIBI CHE HA EVITATO IL CAOS

Benedetta Guerrera per l’ANSA

 

netanyahu biden netanyahu biden

E' stata una telefonata nel cuore della notte ad evitare che tutto il Medio Oriente prendesse fuoco, con esiti impensabili. Mentre l'attacco iraniano era ancora in corso e il mondo tratteneva il fiato, Joe Biden ha alzato la cornetta dalla Casa Bianca per chiamare Benyamin Netanyahu, rassicurarlo sull'incrollabile sostegno di Washington dopo gli attriti sulla guerra a Gaza ma avvertirlo altrettanto chiaramente che gli Stati Uniti non si sarebbero fatti trascinare in una guerra contro Teheran. E quindi non avrebbero sostenuto una contro rappresaglia israeliana.

 

attacco dell iran a israele cielo di gerusalemme attacco dell iran a israele cielo di gerusalemme

L'insuccesso dell'offensiva del regime iraniano - al 99% respinta dall'Iron Dome israeliano e dalle forze americane, britanniche, francesi e giordane - è "una vittoria" di Israele, un successo strategico che "dimostra la vostra capacità di difendervi dai vostri nemici" assieme agli alleati, è stato il messaggio che il commander-in-chief ha consegnato al vecchio amico Bibi nel tentativo (per il momento riuscito) di placarne la rabbia e prevenire una reazione contro l'Iran e i suoi alleati in Libano, Siria e Yemen.

 

Secondo fonti israeliane citate dal New York Times, proprio in seguito alla telefonata il premier israeliano avrebbe bloccato la ritorsione sollecitata dai falchi del suo gabinetto di guerra.

 

"Ogni discussione che ha avuto, ogni decisione che ha preso Biden erano volte ad evitare un allargamento del conflitto. Gli Stati Uniti non vogliono la guerra", ha spiegato in serata il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americana John Kirby. "L'Iran voleva provocare un grave danno ad Israele ma ha fallito grazie ai sistemi di difesa israeliani e dei loro partner", hanno sottolineato anche due alti funzionari dell'amministrazione americana in una telefonata con un gruppo ristretto di giornalisti.

 

iran attacca israele 77 iran attacca israele 77

Quanto ad un'eventuale controffensiva, l'amministrazione Usa ha spiegato che "le controparti israeliane ci hanno fatto capire che non vogliono un'escalation nell'area", ma il dialogo su "come procedere" dopo l'attacco dell'Iran "prosegue". Biden continua comunque ad insistere per la via della diplomazia, la sua preferita anche se ora più accidentata che mai, sulla quale sta cercando di portare il resto del mondo, a partire dai partner del G7, con i quali ha avuto una riunione di emergenza convocata dall'Italia.

 

"Condanniamo all'unanimità l'attacco senza precedenti dell'Iran contro Israele", hanno sottolineato i leader al termine del vertice, invitando "tutte le parti a dar prova di moderazione" ma avvertendo di essere pronti a prendere misure contro eventuali nuovi attacchi da parte del regime di Teheran.

 

JOE BIDEN - BENJAMIN NETANYAHU JOE BIDEN - BENJAMIN NETANYAHU

L'appello alla calma è arrivato anche da Russia, Cina, Qatar, Egitto ed Emirati Arabi Uniti, mentre il Consiglio di sicurezza dell'Onu si è riunito in seduta straordinaria. Il ministero degli Esteri russo ha esortato "tutte le parti coinvolte a mostrare moderazione. Contiamo sul fatto che gli Stati regionali risolvano i problemi esistenti con mezzi politici e diplomatici". Le autorità di Pechino si sono dette preoccupate da una possibile escalation e hanno chiesto a tutti gli attori coinvolti "di esercitare moderazione". E stavolta anche la Turchia ha avvertito Teheran di evitare "ulteriore tensione nella regione".

 

2. LA LUNGA NOTTE DI JOE E BIBI "HAI GIÀ VINTO, FERMATI QUI"

Estratto dell’articolo di Alberto Simoni per “La Stampa”

 

iron dome in funzione iron dome in funzione

[…]  A Washington oggi si nota la compattezza del mondo arabo in questo frangente e mandarla in frantumi sarebbe un regalo a tutti i nemici regionali, da Hamas a Hezbollah e ovviamente all'Iran. Biden ieri ha parlato con il maggiore alleato, il re Abdullah di Giordania, e Blinken ha avuto una telefonata con l'omologo egiziano Sameh Shoukry e il turco Hakan Fidan, entrambi preoccupati per un'escalation.

 

iraniani festeggiano attacco a israele 11 iraniani festeggiano attacco a israele 11

Dentro l'Amministrazione, però, serpeggiano i dubbi sulla tenuta di Netanyahu, fino a quando terrà il piede pigiato sul freno? Due funzionari del Pentagono hanno espresso il loro scetticismo alla Nbc. Nei corridoi del Consiglio per la Sicurezza nazionale la fiducia verso Netanyahu è ai minimi, la gestione dell'invasione di Gaza in tutte le sue fasi ha complicato il rapporto.

 

I funzionari ammettono «che ci sono dei disaccordi evidenti» e qualcuno con La Stampa si lascia andare a un più colorito «la gestione della vicenda nella Striscia da parte di Israele è stata orribile» auspicando che sul fronte iraniano Netanyahu possa essere contenuto.

 

JOE BIDEN - BENJAMIN NETANYAHU JOE BIDEN - BENJAMIN NETANYAHU

Anche se gli stessi funzionari alla domanda su come pensano che Israele possa rispondere se non «accontentarsi» della vittoria di cui ha parlato Biden, hanno risposto: «La questione non è solo se, ma cosa può fare Israele, e la decisione spetta a loro».

 

Israele, comunque, sarà difesa e viene ribadito che «non esiteremo – dice un alto esponente del governo Usa nel corso di una conference call con i giornalisti accreditati – ad agire per proteggere le nostre forze e a sostegno di Israele». La postura militare Usa resterà disposta per rispondere ad altre minacce.

 

lancio missile iran lancio missile iran

[…]  Washington attendeva una replica per il raid di Damasco più contenuta, la convinzione era che Teheran volesse «pareggiare i conti». Ma senza lo straordinario lavoro della difesa aerea (gli Usa hanno sparato con batterie in Iraq e dai caccia torpedinieri Carney e Arleigh Burke nel Mediterraneo) oggi la storia sarebbe quella di una disfatta.

 

«Teheran voleva arrecare danni seri» allo Stato ebraico, è l'analisi americana. A operazione conclusa, mentre ancora il team di Biden era nella Situation Room, da Teheran è giunto un messaggio che, in pratica, diceva che per l'Iran l'attacco era finito. […]

teheran iraniani festeggiano dando alle fiamme bandiere israeliane e statunitensi teheran iraniani festeggiano dando alle fiamme bandiere israeliane e statunitensi JOE BIDEN CON BIBI NETANYAHU IN ISRAELE JOE BIDEN CON BIBI NETANYAHU IN ISRAELE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI