LA GENTE DÀ BUONI CONSIGLI QUANDO NON PUO' DARE IL CATTIVO ESEMPIO – DALLE MAZZATE DI PRODI E D’ALEMA A SCHLEIN, AI SILURI DI BOSSI CONTRO SALVINI, I CONSIGLI DEI VECCHI CAPI CHE I NUOVI LEADER NON ASCOLTANO MAI - TRA I SUGGERIMENTI NON RICHIESTI ANCHE QUELLI DI FINI ALLA MELONI E DI GRILLO A CONTE. MA NON ASCOLTARE NON SEMPRE PORTA BENE, BASTI PENSARE A RENZI E AL REFERENDUM - PS: IL MONITO PER LA MELONI TRATTO DA "ACCATTONE", PRIMO FILM DI PASOLINI...

-

Condividi questo articolo


Roberto Gressi per il “Corriere della Sera” -Estratti

 

prodi schlein prodi schlein

(...) Siamo un po’ tutti assediati dai consigli, e la politica non fa eccezione. Che poi uno dice: che c’è di meglio di un leader senior che, dall’alto della ormai raggiunta serenità olimpica e disinteressata, dà consigli a un leader junior? E invece manco per niente, eccolo qua il consiglio che brucia come una frustata, o che te li mette tutti contro perché non lo segui, o addirittura punta a farti cadere in trappola.

 

Umberto Bossi, per esempio, che da rude uomo del Nord non sta tanto a perdere tempo in sottigliezze. «Matteo, lo vuoi un consiglio d’amico? Fatti da parte. Meglio ancora: togliti dai piedi. E quelli tra voi, leghisti, che hanno ancora un po’ di cervello, si sbrighino a mandarlo a dare il pane alle papere o a guardare i cantieri, ché quello lì la questione settentrionale non sa nemmeno che cosa sia». Salvini lo ha già più volte raccontato che quando era poco più che un ragazzino il Senatùr lo riempiva di insulti, e quindi c’è abituato e lo ascolta con gratitudine. Anche se poi, quando parla con i suoi a quattr’occhi pare che dica di Bossi cose vietate ai minori. Ma il segretario del Carroccio può consolarsi, perché comunque è in buona o pessima compagnia.

bossi salvini bossi salvini

 

Eccolo allora Romano Prodi, che con la sua paciosa aria di curato di campagna tira tra i piedi di Elly Schlein un siluro mica da ridere, a lei che pensava magari di candidarsi alle elezioni europee come capolista in tutte le circoscrizioni: «Se ci metti cinque candidature e poi ne scegli una vuol dire che alle altre quattro non ci vai. In alcuni casi non ci vai proprio. Questo è un vulnus per la democrazia».

 

massimo d alema foto di bacco massimo d alema foto di bacco

Altro che consiglio, questa è proprio una bella mazzata. Anche se il Professore ci tiene a smentire che sia un attacco alla segretaria: «Io non stoppo nessuno, parlo solo di candidature multiple. Se continuiamo a indebolire la democrazia, poi non ci lamentiamo se arriva la dittatura». Alla faccia del bicarbonato di sodio, direbbe Totò. Ma pure Massimo D’Alema è generoso nel regalare consigli alla segretaria: «Alcuni atteggiamenti di Conte riescono irritanti, ma Schlein si è dimostrata quella più consapevole che alla fine queste opposizioni si dovranno presentare unite. Però Conte e Schlein non bastano, hanno bisogno di avere anche una componente più centrista».

 

Poi magari viene da chiedersi chi lo avesse consigliato in tema di alleanze, quando alla nascita del D’Alema 2 si prese come sottosegretario, per poche ore, il mussoliniano Romano Misserville. Sotterranea, carsica, circola pure una domanda subdola: chi consiglia i consiglieri? C’è insomma anche chi sospetta che ci sia chi sfrutta la più che umana vanità dei leader che furono per tentare di azzoppare i leader in campo: «Dài, diglielo tu che sei un padre nobile, a te deve ascoltarti di sicuro…».

 

conte grillo conte grillo

Nemmeno chi sta sullo scranno più alto di Palazzo Chigi si salva. Gianfranco Fini: «Spero che Giorgia Meloni colga l’occasione del 25 aprile per dire senza ambiguità che la destra italiana i conti con il fascismo li ha fatti fino in fondo quando è nata An… Meloni è abile e preparata, ma ora apra Fratelli d’Italia e sia più liberale sui diritti civili…». Che Giorgia non abbia fatto salti di gioia per questi consigli lo sanno pure i sassi e le viene in soccorso Tolkien: «I consigli sono doni pericolosi, e tutte le strade possono finire in un precipizio».

BEPPE GRILLO E GIUSEPPE CONTE AL CONVEGNO SULL INTELLIGENZA ARTIFICIALE 3 BEPPE GRILLO E GIUSEPPE CONTE AL CONVEGNO SULL INTELLIGENZA ARTIFICIALE 3

 

Poi c’è Beppe Grillo, che almeno lui non si preoccupa poi tanto di ammantare da consigli i suoi giudizi su Giuseppe Conte, e senza perdere tempo passa direttamente all’invettiva: «I problemi del Movimento non potrà mai risolverli, perché non ha visione politica né capacità manageriali… Se deroga sul secondo mandato dovrà fare a meno di me… Era un c. di professorino che stava lì a fare l’esegesi del diritto romano… È perfetto per la politica, parla e non si capisce niente…».

 

Certo, c’è da dire che i leader junior il più delle volte non li stanno a sentire proprio, i senior. E non ascoltare non sempre porta bene, basti pensare a Renzi e al referendum, o a Salvini con il Papeete. Allora magari per i leader valgono da monito le parole del Profeta: «Accattò, senti quello che te dice er Profeta: oggi te vendi l’anello, domani la catenina, fra sette giorni pure l’orologio e fra settantasette giorni nun c’avrai nemmeno l’occhi pe’ piagne». Da «Accattone», film d’esordio di Pier Paolo Pasolini.

meloni fini meloni fini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO