GIGGINO ‘A POLTRONA - DE MAGISTRIS NON CI PENSA AFFATTO A LASCIARE L’INCARICO. MA TRA POCO POTREBBE SCATTARE LA SOSPENSIONE, E IL PD PREME PER ANDARE AL VOTO

Il sindaco di Napoli insiste: “La condanna è sbagliata, solo le elezioni potranno cacciarmi. E nel 2016 mi ricandiderò, decideranno i cittadini” - La sospensione dalla carica, con i poteri che passano al vice Tommaso Sodano, potrebbe arrivare molto presto. Picierno e Bassolino spingono per le urne…

Condividi questo articolo


luigi de magistris luigi de magistris

Dario Del Porto per “la Repubblica

 

La sospensione dall’incarico è imminente, il partito delle elezioni preme alle porte di Palazzo San Giacomo. Ma il sindaco di Napoli Luigi de Magistris resiste ancora all’assedio iniziato dopo la condanna a un anno e tre mesi per abuso d’ufficio nel caso Why Not. Dopo una seduta lunga quasi 24 ore, il consiglio comunale ha approvato il bilancio con un voto in più rispetto alla maggioranza necessaria.

 

E pazienza se anche un ex collega come Antonio Ingroia lo invita a lasciare l’incarico. De Magistris non cede. «Sto portando Napoli fuori da una crisi gravissima. Se mi dimetto, arriverà il commissario. La politica me lo chiede, per questo non lo faccio», dice il sindaco che anzi guarda già a una ricandidatura nel 2016: «Ricostruirò il mio consenso giorno dopo giorno, alla fine come sempre decideranno i cittadini. La condanna è profondamente sbagliata, solo le elezioni potranno cacciarmi».

 

LUIGI DE MAGISTRIS LUIGI DE MAGISTRIS

Nelle prossime ore però potrebbe scattare la sospensione dalla carica prevista dalla legge Severino: «Non è automatico - replica - Se accadrà ne prenderò atto, ma sospensione non significa dimissioni. Le sospensioni sono a tempo. A Napoli c’è il caffè sospeso, io farò il sindaco sospeso. Starò in strada, con i miei concittadini, e riparerò anche qualche buca con le mie mani».

 

LUIGI DE MAGISTRIS LUIGI DE MAGISTRIS

In caso di applicazione della legge Severino, il timone della giunta dovrebbe passare nelle mani del vice sindaco Tommaso Sodano, a sua volta condannato in primo grado ma per un reato, la resistenza a pubblico ufficiale, per il quale non è prevista la sospensione. «Ma il sindaco sono io afferma de Magistris - i napoletani hanno eletto me, il vice avrebbe solo funzioni formali». Il clima politico però è in fermento.

 

INGROIA DE MAGISTRIS INGROIA DE MAGISTRIS

La sospensione del primo cittadino potrebbe indurre il consiglio comunale a staccare la spina prima della scadenza naturale. Il Pd va in pressing, con il deputato Leonardo Impegno, che chiede le urne «per uscire dallo psicodramma», attaccano anche l’europarlamentare Pina Picierno e l’ex governatore Antonio Bassolino. Ipotesi che De Magistris non prende neanche in considerazione. I toni sono più bassi, la sostanza non cambia.

 

PINA PICIERNO PINA PICIERNO

Riserva anche una bordata al premier Matteo Renzi sul decreto “sblocca Bagnoli”, definito come «uno degli attacchi più forti, scorretti dal punto di vista costituzionale e più autoritari» ricevuti. Tutto chiarito invece con Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità anticorruzione, che aveva detto di non condividere le frasi di de Magistris contro i magistrati: «Ci siamo scambiati sei sms. Mi ha invitato a non perdere fiducia nelle istituzioni, ma chi da anni subisce ingiustizie come me, non può mantenere sempre il profilo di Raffaele».

raffaele cantone raffaele cantone

 

Nell’intervento pronunciato in consiglio comunale, c’è spazio anche per l’ironia: «Voglio ringraziare Putin e Obama - ha detto de Magistris - per non essere intervenuti nella vicenda che mi ha visto protagonista, oltre al Santo Padre e al comandante della Nato. Per il resto, mi pare siano intervenuti tutti».

 

Antonio Bassolino e moglie Antonio Bassolino e moglie

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...