IL GIOCO DELL’OCA DEL PD: BASTA CON L’AGENDA DRAGHI, SI TORNA DA CONTE - DELUSO DA DRAGHI (CHE STA LAVORANDO PER NON LASCIARE NEI GUAI LA MELONI), ENRICHETTO TORNA A IMMAGINARE UN CAMPO LARGO CON CONTE IN PARLAMENTO (MA LUI SARA’ ANCORA SEGRETARIO PD?) - QUESTO NON CAMBIA LE PROSPETTIVE DEI DEM CHE ALLA FINE DEI GIOCHI PREFERISCONO LA COMPAGNIA DEI CINQUE STELLE A RENZI E CALENDA. NON C’È RUSSIA O POPULISMO CHE POSSA DIVIDERLI…

-

Condividi questo articolo


Vittorio Macioce per “il Giornale”

 

CONTE LETTA CONTE LETTA

Le elezioni, a sinistra, serviranno a definire quanto pesa la succursale del Pd. Il trucco per ora è nel marchio. Giuseppe Conte ha preso in prestito quello dei Cinque stelle per zavorrare la sua carriera politica. Quando si è smarcato dal governo non aveva calcolato tutte le conseguenze di quella mossa, ma è un uomo che scommette sulla sua fortuna e ora su quello strappo sta costruendo la propria identità. «Metodo Draghi? Il metodo di un uomo solo al comando è sbagliato e insidioso come regola».

 

I grillini ormai sono «l'agenda Conte», da contrapporre a quella di Draghi un tempo cara a Enrico Letta, ma con il passare dei giorni sempre più sfumata. Il paradigma del «contismo» è una pratica vecchia. Si chiama assistenzialismo e recupera le abitudini di una certa Dc clientelare, la stessa che ha finito per addormentare il Sud. «I percettori del reddito di cittadinanza chiedono dignità. Napoli insorga come capitale del Mediterraneo». La sola differenza è che le promesse di Conte si basano su un potere molto più instabile. Non c'è nulla di questo che possa in realtà spaventare il Pd, che quando rivendica la vocazione governativa non fa altro che rassicurare i suoi clientes.

GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA

 

L'anomalia del Partito democratico è semmai il dover fare i conti con la democrazia. Non ha mai avuto i voti per governare in santa pace, legittimando il potere con il consenso. Si è dovuto arrabattare con esecutivi tecnici o con maggioranze più o meno improbabili. L'obiettivo è riuscirci anche questa volta, pur sapendo che non sarà facile, ma scommettendo sul fallimento dell'Italia.

 

La destra, sostengono, non potrà governare, perché spaventa i mercati e l'Europa ed è indigesta alle casematte dell'accademia e dello spettacolo. Quando Letta, come fa ogni giorno, evoca come una sventura nazionale la vittoria della Meloni si affida a questa strategia. Non ci crede neppure lui, ma è l'unica arma elettorale che ormai sa utilizzare.

 

giuseppe conte enrico letta 2 giuseppe conte enrico letta 2

Su questo fronte si aspettava qualcosa di più da Draghi, che invece sta lavorando per non lasciare nei guai i prossimi vincitori, chiunque essi siano. Letta insomma desiderava che anche l'attuale capo del governo seguisse la sceneggiatura del fascismo alle porte. Draghi non lo sta facendo e questo corrode i piani del Pd. L'agenda Draghi non è quindi più una bandiera.

 

Non resta che sperare in un pareggio agguantato all'ultimo minuto, pregando che il non voto pesi più a destra che a sinistra. È qui che Conte può tornare utile. L'alleanza elettorale era impraticabile perché troppo sfacciata, ma nel palazzo le cose cambiano. «Non ho ancora capito - si chiede Letta - perché Conte abbia fatto cadere draghi».

 

letta conte calenda letta conte calenda

Il Pd non si vergogna a immaginare un «campo largo parlamentare», dove Conte può spogliarsi dei panni da avvocato populista e ritrovare il senso della sua avventura politica, che in fondo è quella del notabile buono per ogni evenienza. Il problema è capire che fine farà Letta, che appare come un segretario con un futuro piuttosto corto.

 

GIUSEPPE CONTE SANNA MARIN ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE SANNA MARIN ENRICO LETTA

Questo comunque non cambia le prospettive del suo partito che alla fine dei giochi preferisce la compagnia dei Cinque stelle al centrosinistra di Renzi e Calenda. Il fattore umano pesa di più. Non importa che Conte si sia mostrato inaffidabile, per qualche strana alchimia i vertici del Pd continuano a considerarlo uno di loro.

Non c'è Russia o populismo che possa dividerli. Il Conte bis resta una nostalgia della sinistra.

letta conte di maio letta conte di maio conte letta conte letta

 

 

Condividi questo articolo

politica

“NON SI CHIEDE A UN PRIMO MINISTRO SE HA IMPARATO UNA LEZIONE” – BRUNO VESPA, OSPITE DI FORMIGLI A “PIAZZAPULITA”, DÀ UNA SCUDISCIATA AI GIORNALISTI CHE ALLA CONFERENZA STAMPA CON LA MELONI SI SONO INCAZZATI PER LE POCHE RISPOSTE DELLA PREMIER: “IO NON SO COME ALTRI AVREBBERO RISPOSTO. LA DOMANDA SI FA PER SAPERE LE COSE. IL CASO SAVIANO? QUELLO DI CUI UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NON PUÒ FARE A MENO È DENUNCIARE UNA PERSONA CHE AFFERMA CHE È CORRESPONSABILE DELLA MORTE DI UN BAMBINO IN MARE. SI CHIAMA ATTRIBUZIONE DEL FATTO DETERMINATO…”

AMARO LUCANO PER SOUMAHORO - LA LEGA ALL’ATTACCO SUGLI INTRECCI TRA IL COSIDDETTO “MODELLO RIACE” DI LUCANO E QUELLO DELLA FAMIGLIA DI SOUMAHORO. IL CONSORZIO AID AL CENTRO DELL'INCHIESTA HA AVUTO SEDE IN QUELLO DELLA COOP IN CALABRIA DI UN IMPRENDITORE, CARMINE FEDERICO, INDAGATO DALLA CORTE DEI CONTI INSIEME ALL'EX SINDACO DI RIACE. FEDERICO HA FIRMATO INOLTRE I BILANCI DELLA SUOCERA DI SOUMAHORO. IL LEGHISTA TRIPODI: "E’ IL SISTEMA LATINA. I FATTI CI STANNO DANDO RAGIONE"

DAGOREPORT! CHIAMATELO MISTERO DEL TESORO, ANZICHÉ MINISTERO - L’ENIGMA È IL FUTURO DEL DIRETTORE GENERALE, ALESSANDRO RIVERA. PUR INVISO A SALVINI E MELONI, IL FLEBILE MINISTRO GIORGETTI NON VUOLE ACCOMPAGNARLO ALLA PORTA. COSÌ IL TETRO PALAZZONE DI VIA XX SETTEMBRE SI È DI NUOVO SPACCATO IN DUE: DA UNA PARTE IL TESORO CAPITANATO DAL LEGHISTA SENZA QUALITÀ, DALL’ALTRA LE FINANZE NELLE MANI DEL VICE-MINISTRO MAURIZIO LEO, FEDELISSIMO DI GIORGIA - OVVIAMENTE LEO, QUELLO CHE GLI DICE GIORGETTI GLI ENTRA DA UNA PARTE E GLI ESCE DALL’ALTRA E, IN SOSTANZA, FA IL MINISTRO “OCCULTO” DELLE FINANZE