GIORGIA FA UN BRINDISI ALLA FACCIA DI SALVINI: L'AUTONOMIA PUÒ ATTENDERE – DAL VINITALY LA MELONI FA CAPIRE CHE IL VOTO SULLA RIFORMA LEGHISTA SLITTERÀ A DOPO LE EUROPEE: “NON DIPENDE DA ME. LUNGI DAL GOVERNO METTERE PRESSIONE AL PARLAMENTO” – IL PRESIDENTE DELLA CAMERA, LORENZO FONTANA, TRA GLI ULTIMI IRRIDUCIBILI SALVIANI, SBOTTA: “NON POSSIAMO CONCEDERE ALTRO TEMPO PER DISCUTERE DI AUTONOMIA” – L'AVVERTIMENTO DELLA DUCETTA AL CAPITONE SUL TERZO MANDATO: “A LIVELLO PARLAMENTARE PER ORA NON C’È UNA MAGGIORANZA”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giampaolo Visetti per “la Repubblica”

 

giorgia meloni al vinitaly giorgia meloni al vinitaly

Vengo, non vengo: va bene, vengo. Nella notte tra domenica e lunedì Giorgia Meloni cede al pressing del ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida e rivede l’agenda post attacco dell’Iran contro Israele. La lobby del Vinitaly non accetta assenze giustificate […]

 

Per mezza giornata visita gli stand dei colossi nazionali del vino, scatta selfie, assaggia e sorride: la scaletta è calibrata tra potere delle aziende, sostegno a FdI, peso delle regioni e opportunità di campagna elettorale pre-Europee. […]

 

Meloni invece si presenta al Vinitaly raggiante, accolta dai ministri Lollobrigida, dai colleghi Valditara e Santanché (platealmente ignorata e forse non è un caso), oltre che dal governatore veneto Luca Zaia, padrone di casa che non smetterà mai di starle vicino e di ridere con lei.

 

giorgia meloni - vinitaly giorgia meloni - vinitaly

Il tour prevede un discorso agli studenti, photo opportunity negli stand attentamente selezionati da Lollobrigida e doppio extra: omaggio al plenipotenziario “padrone di casa” Zaia e a mister tivù Bruno Vespa, qui nelle vesti di produttore di una cantina che in Puglia sta crescendo a vista d’occhio.

 

In prestigio ma anche in fatturato. Controllo del governo sulla Rai? «Lo giudichino i cittadini», dice Meloni: poi per venti minuti si ritira a fare il punto proprio con la vecchia guardia Rai Vespa. E chissà che non si siano confrontati sui nodi più spinosi del momento, per l’azienda pubblica, dalla par-condicio alla fuga di Amadeus. [...]

 

luca zaia e giorgia meloni - vinitaly luca zaia e giorgia meloni - vinitaly

Tra brindisi e assaggi di tortellini la missione veneta serve però, prima di tutto, a guadagnare tempo sul fronte Autonomia. Moneta di scambio per il premierato, la riforma spacca-Italia minaccia gli equilibri Fdi-Lega. L’annuncio della premier, preoccupata da uno scontro pre-voto Ue a destra, è chiaro: «Il voto sull’Autonomia il 29 aprile — dice — non dipende da me. Lungi dal governo mettere pressione al Parlamento. Sono fiduciosa, ma non è questione di giorno più o giorno meno. Dipende anche da quanta opposizione verrà fatta: il punto è che abbiamo dimostrato che stiamo andando avanti».

 

giorgia meloni francesco lollobrigida al vinitaly giorgia meloni francesco lollobrigida al vinitaly

La linea meloniana del rinvio al dopo 9 giugno è accolta anche da Igor Iezzi, capogruppo della Lega in commissione Affari costituzionali, che dice «settimana più, settimana meno non cambia nulla». Il presidente della Camera Lorenzo Fontana, tra gli ultimi irriducibili di Salvini, si affretta però a ribadire la «non disponibilità della maggioranza» a «concedere altro tempo per discutere» sull’Autonomia differenziata.

 

Intanto Luca Zaia a Verona sorride e regala all’amica premier la bandiera della Serenissima con il leone di San Marco, icona della libera repubblica veneziana: prepara però liste venetiste extra-Lega, anti-Salvini e in opposizione a Fdi. «A livello parlamentare — lo avverte subito Meloni — per il terzo mandato dei presidenti di Regione per ora non c’è una maggioranza. Ma è ancora presto per vedere».

 

luca zaia e giorgia meloni - vinitaly luca zaia e giorgia meloni - vinitaly

Tradotto: se Salvini non vuole implodere sul “salva-Zaia”, non alzi le barricate sullo “spacca Italia” prima delle Europee. Altro che brindisi al neo-sovranismo localista: sull’Autonomia il centrosinistra prepara oltre mille emendamenti in Parlamento, Meloni fa capire che non le sono sgraditi e Zaia, dopo averle donato anche un leone in vetro di Murano, viene lasciato solo con i suoi consiglieri a stappare una bottiglia nel padiglione del suo Veneto. In vino veritas: la primavera dell’Autonomia per adesso può attendere. Con buona pace di Salvini e dei suoi.

 

Al Vinitaly un noto produttore di prosecco chiede così alla presidente Meloni: «Ministra, facciamo una foto?» Risposta secca: «Ministra sì, perché in effetti c’ho tutte le deleghe».

MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI