GOVERNO SULL’ORLO DI UNA CRISI DI RENZI – IL NUOVO OBIETTIVO DI MATTEUCCIO È LA FARNESINA! IL SENATORE SEMPLICE DI RIGNANO VORREBBE SCIPPARE IL MINISTERO DEGLI ESTERI A DI MAIO, PER DARE UN SENSO ALLA SUA PARTECIPAZIONE AL GOVERNO DEL TIRARE A CAMPARE - IL PD SE LA RIDE. E POI CHE SI FA CON LUIGINO? E SOPRATTUTTO, CI SI PUÒ FIDARE DI UN RENZI RI-GALVANIZZATO DAGLI INCONTRI CON I POTENTI DEL MONDO?

-

Condividi questo articolo

Vittorio Macioce per “il Giornale”

 

matteo renzi assemblea nazionale di italia viva 7 matteo renzi assemblea nazionale di italia viva 7

La smania di Matteo Renzi arriva fino al ministero degli Esteri. Cosa accade quando pensi di essere un fuoriclasse e non te ne va più bene una? Ti sbatti, ti arrovelli, maledici, ti ingrugnisci, le provi tutte, convinto che prima o poi la ruota della fortuna girerà, basta che una delle tante mosse messe sulla scacchiera ti porti a dama.

 

luigi di maio xi jinping luigi di maio xi jinping

Se poi il carattere è di uno che non si arrende allora rilanci ad oltranza, alzando la posta sempre più su. Renzi si sente prigioniero di un inspiegabile insuccesso. La scommessa di lasciare il Pd si sta rivelando un azzardo che non paga. Stare in una maggioranza di governo senza lasciare un segno lo snerva. L' immobilismo per lui puzza di morte. Non si accontenta di vivacchiare in attesa di tempi migliori. Non è da lui. Deve fare qualcosa. Cosa? Quello che tutti i giorni ripete a chi gli sta vicino è un aut aut. È un bivio. È bianco o nero. O fa cadere il governo o si prende in qualche modo il governo.

 

farnesina farnesina

Tutti e due gli scenari sono un salto nel vuoto. Far saltare il banco significa affrontare il mare aperto, gettarsi in una prospettiva elettorale, con la speranza di acquartierarsi al «centro» e cercare poi sponde finora considerate contronatura, con un' inversione verso destra.

VLADIMIR PUTIN LUIGI DI MAIO VLADIMIR PUTIN LUIGI DI MAIO

L' altra è ancora più spericolata. È dare scacco matto a tutti con un pedone. La suggestione è questa: regalare un volto renziano al Conte bis.

 

Non può chiaramente prendere il posto del premier. Quello di cui ha bisogno è un rimpasto. In questi giorni se ne sta parlando. Conte conosce la partita. Il Pd sghignazza sulle ambizioni di Italia viva. Gli uomini intorno a Zingaretti fanno sapere con sarcasmo che il rimpasto si può pure fare, ma a un partitino che risica un due per cento di consensi gli lasciano un ministero, meno di quelli che ha ora.

 

renzi zingaretti renzi zingaretti

È questo il punto. Quello che interessa a Renzi è appunto un ministero. L' importante è che sia quello giusto, uno che pesa, uno che conta. Un ministero in grado di accogliere un peso massimo come lui. La smania di Renzi allora ha un indirizzo preciso: ministero degli Esteri.

Renzi alla Farnesina darebbe un senso a questo governo del tira a campare. Immaginatelo. Nel bene o nel male avrebbe tutto un altro spessore.

LA PAPPAGORGIA DI MATTEO RENZI LA PAPPAGORGIA DI MATTEO RENZI

 

Renzi che disegna la politica estera, che siede con i potenti del mondo, che ritrova un ruolo, una missione, una centralità, un carattere. Renzi che tornerebbe finalmente protagonista.

Questa idea da un po' di tempo stuzzica Matteo. Il problema è riuscire nell' impresa. Che fare per esempio di Giggino Di Maio? Lo mandi a casa? Lo cacci via dopo che ha già perso la leadership dei Cinque Stelle? Perché no.

mike pompeo luigi di maio mike pompeo luigi di maio

 

nicola zingaretti giuseppe conte nicola zingaretti giuseppe conte

Di Maio ormai è un fantasma grillino. È uno sconfitto. Grillo lo ha delegittimato in pubblico, Casaleggio in privato dice che ormai è perso. Non è più una figura spendibile. La politica è cinica e quando ti vede in ginocchio fa in fretta a darti l' ultimo calcio. I renziani sono insomma convinti che la sorte di Di Maio non sia un problema.

 

MATTEO RENZI IN SENATO MATTEO RENZI IN SENATO

La vera partita è con il Pd. È a loro che bisogna mettere paura. Zingaretti per disinnescare i ricatti di Matteo punta sulla pattuglia dormiente di «responsabili» al Senato. Un gruppo centrista pronto a soccorrere il governo in caso di bizze renziane. Ma queste truppe ci sono? Sono pronte? Si sveglieranno in tempo? È qui che Renzi vede uno spazio d' azione. Il suo magari è un bluff, ma qualcuno deve andare a vederlo. Quello che è certo è che Matteo ogni giorno sta giocando con il fuoco. Il piromane ora vuole renzizzare il governo. O gli tolgono il cerino di mano, o lo assecondano o prima o poi brucerà tutto.

 

Condividi questo articolo

politica

"COSÌ UTILIZZI LO SFINTERE DI UN ALTRO" - FRANCO GABRIELLI SFANCULA IL SALVINI, MINISTRO DELL’INTERNO: “IN UN PAESE NORMALE CI AVREBBERO GIÀ PRESO A CALCI NEL SEDERE" - IL CAPO DELLA POLIZIA AD UN SEMINARIO FORMATIVO PER DIRIGENTI SINDACALI NE SPARA DI TUTTI I COLORI: “LA LEGA AL GOVERNO NON HA CHIUSO GLI UFFICI DELLA POLSTRADA? BEH: GRAZIE, GRAZIELLA E…”, DICE GABRIELLI LASCIANDO IN SOSPESO IL FAMOSO DETTO. E SULLA RICHIESTA DI INVIARE PIÙ PERSONALE, AGGIUNGE: "AH SI? TUA SORELLA. O TUO CUGINO" – VIDEO DELL’AVVELENATA

IL VIRUS SFIDA E WALTER RISPONDE - DAI FILM CON MARIO MEROLA A ESPERTO DI CORONAVIRUS: LA STORIA DI WALTER RICCIARDI MEMBRO ESECUTIVO DELL'ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ E CONSULENTE SPECIALE DEL MINISTRO SPERANZA, CHE NEGLI ANNI '70 HA RECITATO CON GIULIANA DE SIOALIDA VALLIMICHELE PLACIDOSTEFANIA SANDRELLIMARIA SCHNEIDER E SOPRATTUTTO MARIO MEROLA. I RUOLI IN ''L’ULTIMO GUAPPO‘' (1978), ''IL MAMMASANTISSIMA E NAPOLI… LA CAMORRA SFIDA E LA CITTÀ RISPONDE'' (1979)