GRILLO-COMICS: I ‘’PORTACAZZATE’’ MESSORA E MARTINELLI

Travaglio sbertuccia i blogger assoldati dai grillini: “Martinelli dice che l’euro fu ‘la mossa massonica di un gruppo di banchieri’ e Messora insulta su facebook i giornalisti ‘spala-merda’. Se, come dicono, parlano ‘a titolo personale’ si dimettano dall’incarico di portavoce”…

Condividi questo articolo


Marco Travaglio per "Il Fatto Quotidiano"

parodia di grillo nei panni del sergente hartman di full metal jacketparodia di grillo nei panni del sergente hartman di full metal jacket

Nel ‘94, per metter fine alla cacofonia dei suoi ministri che parevano usciti da Prova d'orchestra di Fellini, il Cainano nominò portavoce del suo primo governo Giuliano Ferrara. Che, come ministro dei Rapporti col Parlamento, aveva già instaurato col Parlamento i peggiori rapporti della storia repubblicana. L'uomo giusto al posto giusto.

Beppe GrilloBeppe Grillo

Anche come portavoce comunque non fu niente male: appena aprì bocca, accusò Borrelli di parlare "come un capomandamento mafioso" innescando una guerra termonucleare col Quirinale (c'era Scalfaro, non Mister Monito) e con la magistratura. Assediato da tutti i fronti, B. tolse la voce al portavoce, sospirando: "Qui ci vorrebbe un portasilenzi".

Da allora Ferrara portò solo se stesso, che comunque era già un bell'impegno. Qualcosa di simile, mutatis mutandis, accade da due giorni al M5S, dopo la geniale trovata di Casaleggio di spedire a Roma due noti blogger, Messora e Martinelli, come portavoce dei gruppi parlamentari. Messora è noto per le sue posizioni complottiste, espresse con foga in alcuni programmi tv, soprattutto L'ultima parola di Paragone. Martinelli è noto in rete per aver seguito come inviato, per i blog di Grillo e Di Pietro, alcuni processi dimenticati dalla stampa di regime (tipo Dell'Utri).

CLAUDIO MESSORACLAUDIO MESSORA

Ma il blogger è per sua natura un cane sciolto, un solista dall'individualità molto spiccata, perché deve districarsi nella web-jungla con una trovata originale al giorno. Altrimenti sparisce. Una figura totalmente incompatibile con quella del portavoce, che deve annullare la propria personalità fino a diventare lo specchio dell'immagine altrui, il megafono delle decisioni altrui.

In questo caso, dei gruppi di M5S alla Camera e al Senato. Ma soprattutto il portavoce dei gruppi parlamentari deve confrontarsi ogni giorno con la stampa parlamentare, che lavora prevalentemente per giornali e tv. Con i molti difetti e i pochi pregi ben noti, ma che non spetta a un portavoce stigmatizzare.

DANIELE MARTINELLIDANIELE MARTINELLI

Il tragicomico equivoco ha subito prodotto effetti esilaranti. Martinelli ha esordito mettendo in guardia i 5Stelle dall'"ingenuità" che li porta a "cadere nelle trappole di chi vuole sputtanarli". Senonché subito dopo è caduto nella trappola da lui stesso fabbricata, dichiarando a La Zanzara (ottima idea, andare a La Zanzara) che l'euro fu "la mossa massonica di un gruppo di banchieri". Il che, per carità, può anche essere, ma non pare il primo punto all'ordine del giorno di M5S, che chiede al Parlamento di varare subito i tagli alla casta e qualche misura per il rilancio dell'economia.

casaleggiocasaleggio

Messora intanto spiegava di essere lì per costruire un "team" che "armonizzi le posizioni" dopo "il casino". Il guaio è che al casino ha subito contribuito lui: anziché spiegare ai capigruppo che non si convoca una conferenza stampa senza domande, ha insultato su Facebook i giornalisti "pseudo-omuncoli" e "spala-merda". Che, per carità, esistono: l'assalto quotidiano ai grilli per strappar loro un sì alla solita domanda che raccoglie solo no, "Voterete la fiducia al governo Bersani?", è un caso di stalking umiliante che tradisce il servaggio di molti cronisti al regime dei partiti.

ANTONIO DI PIETRO DURANTE UN COMIZIO jpegANTONIO DI PIETRO DURANTE UN COMIZIO jpeg

Ma non spetta a un portavoce denunciarlo: il suo compito è rispondere a tutti, anche a chi non gli garba, magari per comunicare le iniziative che sono la vera forza di M5S: spulciare, chieder conto di tutto, costringere i partiti a seguirlo su terreni mai praticati come la sobrietà, i risparmi, la guerra ai privilegi, ai conflitti d'interessi, l'ineleggibilità dei condannati, la difesa dei deboli, dell'ambiente e degli altri beni comuni.

CINQUE STELLE ALLA CAMERACINQUE STELLE ALLA CAMERA

Invece i nostri eroi fanno gli offesi perché "parlavamo a titolo personale" e i giornalisti non li hanno capiti (ma un portavoce non parla mai a titolo personale o, se vuole farlo, si dimette da portavoce). Il risultato è da ammazzarsi dalle risate: i portavoce, da ieri, sono in silenzio stampa.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

LICIA RONZULLI E MARTA FASCINA SONO I BERSAGLI GROSSI NELLA FAIDA DI FORZA ITALIA: “HANNO L'ARROGANZA DELL'ASSO PIGLIA TUTTO” – BERLUSCONI, ORMAI ANNEBBIATO, E’ INFLUENZABILE E I SUOI L’HANNO CAPITO: “GLI FILTRANO LE TELEFONATE, NEANCHE PARLAMENTARI DI VECCHIA DATA RIESCONO A PARLARGLI. PUNTANO A LIQUIDARE CHIUNQUE NON STIA CON LORO, METTONO NEL MIRINO PERFINO GIANNI LETTA E ANTONIO TAJANI” – “SILVIO È ORMAI TAGLIATO FUORI DAL MONDO, CONTROLLATO DAL FILTRO A MAGLIE STRETTE DI UN TANDEM MAGICO CHE GLI DETTA L'AGENDA E AGISCE IN SUO NOME”, “BERLUSCONI PRENDE DECISIONI CHE TENDE A CREDERE SIANO FARINA DEL SUO SACCO MA CHE GLI VENGONO INVECE SUBDOLAMENTE SUGGERITE”

CON L’IDEA DEL VIAGGIO A MOSCA, SALVINI HA FATTO INCAZZARE ANCHE I LEGHISTI – SULLE QUESTIONI CHE RIGUARDANO LA RUSSIA, IL “CAPITONE” SI E’ AFFIDATO AI "CONSIGLI" DI UN LEGALE CHE LO AFFIANCA DA QUALCHE MESE: SI CHIAMA ANTONIO CAPUANO, È STATO DEPUTATO DI FORZA ITALIA DAL 2001 AL 2006 E CONSIGLIERE COMUNALE DI FRATTAMINORE, IN CAMPANIA, FINO AL 2012 - CAPUANO È UN PERSONAGGIO MISTERIOSO PER MOLTI, DENTRO LA LEGA: MOLTI NON LO CONOSCONO – LUI SI SCHERMISCE: “FACCIO L'AVVOCATO E ASSISTO ALCUNE AMBASCIATE…”

“NESSUNO HA DETTO CHE IN UCRAINA STAVANO FACENDO UN'OPERAZIONE DI PULIZIA ETNICA A DANNO DELLA COMUNITÀ RUSSA” – NON DITE AL PD CHE VINCENZO DE LUCA PARLA COME ORSINI: “NELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA, SE SONO RUSSI SONO TUTTI OLIGARCHI, SE SONO UCRAINI SONO TUTTI DEMOCRATICI OXFORDIANI. SE C'È UN MEGA YACHT È DI PUTIN, SE C'È UNA MEGA VILLA IN TOSCANA DI PROPRIETÀ DI ZELENSKY NON SE NE PARLA – LA NATO? ABBIAMO DETTO CHE È UN'ALLEANZA DIFENSIVA, MA QUESTO È FALSO. NEGLI ULTIMI 30 ANNI È STATA UN'ALLEANZA ANCHE AGGRESSIVA CHE HA VIOLATO LA LEGALITÀ INTERNAZIONALE…”

“ORMAI SI PUÒ DIRE DI TUTTO, SENZA VERGOGNA” ALDO GRASSO SCOTENNA IL GRILLINO CARLO SIBILIA CHE, PER LA MORTE DI CIRIACO DE MITA, HA INVIATO UN MESSAGGIO DI CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA: “FORSE IL SILENZIO SAREBBE STATO PIÙ APPROPRIATO PERCHÉ IN PASSATO SIBILIA HA PIÙ VOLTE CALUNNIATO DE MITA, TRA L'ALTRO ACCUSANDOLO DI AVERE ‘LA SCHIENA IMBOTTITA DI TANGENTI’. CIÒ CHE PIÙ PREOCCUPA È IL SIBILIA CHE È IN NOI, LA SFACCIATAGGINE CON CUI MOLTI UOMINI PUBBLICI PORTANO LE LORO FACCE…”