GRILLO-COMICS: I ‘’PORTACAZZATE’’ MESSORA E MARTINELLI

Travaglio sbertuccia i blogger assoldati dai grillini: “Martinelli dice che l’euro fu ‘la mossa massonica di un gruppo di banchieri’ e Messora insulta su facebook i giornalisti ‘spala-merda’. Se, come dicono, parlano ‘a titolo personale’ si dimettano dall’incarico di portavoce”…

Condividi questo articolo


Marco Travaglio per "Il Fatto Quotidiano"

parodia di grillo nei panni del sergente hartman di full metal jacketparodia di grillo nei panni del sergente hartman di full metal jacket

Nel ‘94, per metter fine alla cacofonia dei suoi ministri che parevano usciti da Prova d'orchestra di Fellini, il Cainano nominò portavoce del suo primo governo Giuliano Ferrara. Che, come ministro dei Rapporti col Parlamento, aveva già instaurato col Parlamento i peggiori rapporti della storia repubblicana. L'uomo giusto al posto giusto.

Beppe GrilloBeppe Grillo

Anche come portavoce comunque non fu niente male: appena aprì bocca, accusò Borrelli di parlare "come un capomandamento mafioso" innescando una guerra termonucleare col Quirinale (c'era Scalfaro, non Mister Monito) e con la magistratura. Assediato da tutti i fronti, B. tolse la voce al portavoce, sospirando: "Qui ci vorrebbe un portasilenzi".

Da allora Ferrara portò solo se stesso, che comunque era già un bell'impegno. Qualcosa di simile, mutatis mutandis, accade da due giorni al M5S, dopo la geniale trovata di Casaleggio di spedire a Roma due noti blogger, Messora e Martinelli, come portavoce dei gruppi parlamentari. Messora è noto per le sue posizioni complottiste, espresse con foga in alcuni programmi tv, soprattutto L'ultima parola di Paragone. Martinelli è noto in rete per aver seguito come inviato, per i blog di Grillo e Di Pietro, alcuni processi dimenticati dalla stampa di regime (tipo Dell'Utri).

CLAUDIO MESSORACLAUDIO MESSORA

Ma il blogger è per sua natura un cane sciolto, un solista dall'individualità molto spiccata, perché deve districarsi nella web-jungla con una trovata originale al giorno. Altrimenti sparisce. Una figura totalmente incompatibile con quella del portavoce, che deve annullare la propria personalità fino a diventare lo specchio dell'immagine altrui, il megafono delle decisioni altrui.

In questo caso, dei gruppi di M5S alla Camera e al Senato. Ma soprattutto il portavoce dei gruppi parlamentari deve confrontarsi ogni giorno con la stampa parlamentare, che lavora prevalentemente per giornali e tv. Con i molti difetti e i pochi pregi ben noti, ma che non spetta a un portavoce stigmatizzare.

DANIELE MARTINELLIDANIELE MARTINELLI

Il tragicomico equivoco ha subito prodotto effetti esilaranti. Martinelli ha esordito mettendo in guardia i 5Stelle dall'"ingenuità" che li porta a "cadere nelle trappole di chi vuole sputtanarli". Senonché subito dopo è caduto nella trappola da lui stesso fabbricata, dichiarando a La Zanzara (ottima idea, andare a La Zanzara) che l'euro fu "la mossa massonica di un gruppo di banchieri". Il che, per carità, può anche essere, ma non pare il primo punto all'ordine del giorno di M5S, che chiede al Parlamento di varare subito i tagli alla casta e qualche misura per il rilancio dell'economia.

casaleggiocasaleggio

Messora intanto spiegava di essere lì per costruire un "team" che "armonizzi le posizioni" dopo "il casino". Il guaio è che al casino ha subito contribuito lui: anziché spiegare ai capigruppo che non si convoca una conferenza stampa senza domande, ha insultato su Facebook i giornalisti "pseudo-omuncoli" e "spala-merda". Che, per carità, esistono: l'assalto quotidiano ai grilli per strappar loro un sì alla solita domanda che raccoglie solo no, "Voterete la fiducia al governo Bersani?", è un caso di stalking umiliante che tradisce il servaggio di molti cronisti al regime dei partiti.

ANTONIO DI PIETRO DURANTE UN COMIZIO jpegANTONIO DI PIETRO DURANTE UN COMIZIO jpeg

Ma non spetta a un portavoce denunciarlo: il suo compito è rispondere a tutti, anche a chi non gli garba, magari per comunicare le iniziative che sono la vera forza di M5S: spulciare, chieder conto di tutto, costringere i partiti a seguirlo su terreni mai praticati come la sobrietà, i risparmi, la guerra ai privilegi, ai conflitti d'interessi, l'ineleggibilità dei condannati, la difesa dei deboli, dell'ambiente e degli altri beni comuni.

CINQUE STELLE ALLA CAMERACINQUE STELLE ALLA CAMERA

Invece i nostri eroi fanno gli offesi perché "parlavamo a titolo personale" e i giornalisti non li hanno capiti (ma un portavoce non parla mai a titolo personale o, se vuole farlo, si dimette da portavoce). Il risultato è da ammazzarsi dalle risate: i portavoce, da ieri, sono in silenzio stampa.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

QUINDI, COSA HANNO DECISO AL G7? SPOILER: UN CAZZO, COME AL SOLITO! – TANTE CHIACCHERE E UNA FOTO SENZA GIACCA STILE "CLUB" DI SKY MA POCA CONCRETEZZA: I 7 LEADER HANNO DISCUSSO DELLA GUERRA IN UCRAINA E SOPRATTUTTO DEL TETTO AL PREZZO DEL GAS, VOLUTO DA DRAGHI. “MARIOPIO” È RIUSCITO A FAR INSERIRE NEL COMUNICATO FINALE IL RICONOSCIMENTO DEL PRICE CAP, CHE PERÒ RESTA TUTTO DA IMPLEMENTARE – AMORALE DELLA FAVA: IL SUMMIT È SEMPRE PIÙ MINORITARIO, E AL DI LÀ DELLA FUFFA E DELLE IMMAGINI SIMBOLO, NON RIESCE PIÙ A ESSERE INCISIVO (POSTO CHE LO SIA MAI STATO)

“BERLUSCONI PAGAVA DI PIÙ CHI ERA A CONOSCENZA DI PIÙ COSE, COME KARIMA EL MAHROUG E IRIS BERARDI” – LA MEMORIA DEPOSITATA DAI PM DI MILANO SUL CASO RUBY TER: “BARBARA GUERRA SAPEVA TUTTO DELLA BERARDI, IN RAGIONE DEL LORO RAPPORTO, E MARYSHTELL POLANCO DICEVA DI SAPERE PIÙ DI TUTTE” – “IL PROGRAMMA CORRUTTIVO ERA GIÀ IN ATTO DA 14 GENNAIO 2011, QUANDO VENIVANO RINVENUTI I VERBALI DI SOMMARIE INFORMAZIONI DIFENSIVE”. VERBALI CHE SECONDO GLI INQUIRENTI ERANO FALSI…

GRILLO E I SUOI GRULLI - LO SHOW ROMANO DI BEPPEMAO È STATA LA PROVA VERIFICATA CHE DI ELEVATO, IN MEZZO A QUESTA AMMUCCHIATA DI PIPPAROLI A 5 STELLE, CE N’È UNO SOLO. E CON QUATTRO FRIZZI E LAZZI HA MESSO TERMINE ALLA RICREAZIONE DELL’ASILO MARIUCCIA-CONTE - CARO GIUSEPPE, SI RESTA AL GOVERNO. ANCHE SE NOI USCIAMO, DRAGHI RIMANE IN PIEDI A PALAZZO CHIGI, QUINDI DIVENTIAMO ININFLUENTI, IL PD CI RIPUDIA E CONTEREMO MENO DI QUEL POCO CHE CONTIAMO ADESSO - IL LIMITE AI DUE MANDATI DEVE RESTARE "SENZA DEROGHE". QUAL È IL CRITERIO PER FARE UNA DISTINZIONE: L’ANZIANITÀ, L’AMICIZIA, LA SIMPATIA? - GRILLO A BONAFEDE, ARRIVATO AL SECONDO GIRO DI BOA: “ALFONSO, DAI. TORNERAI A FARE L'AVVOCATO"