GUERRA APERTA IN FRATELLI D’ITALIA: GIORGIA MELONI HA COMMISSARIATO FABIO RAMPELLI - LA PREMIER HA TOLTO LA GUIDA DEL PARTITO ROMANO AI “GABBIANI”, IL GRUPPO DI RAMPELLI, DOPO L'EVENTO AL TEATRO BRANCACCIO IN CUI VENIVANO “LANCIATI” I SOLI CANDIDATI DELLA CORRENTE - DONZELLI E’ STATO SCELTO COME COMMISSARIO “CONSIDERATA LA CAMPAGNA ELETTORALE PER LE REGIONALI E ANCHE LA NECESSITÀ DI GESTIRE CON TERZIETÀ LA CORSA ALLE PREFERENZE” - COME REAGIRA’ RAMPELLI, DOPO ESSERE STATO ESCLUSO DAL GOVERNO, NON CANDIDATO ALLA REGIONE LAZIO E SCAVALCATO DA MICHETTI AL COMUNE DI ROMA?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Clemente Pistilli per “la Repubblica - Edizione Roma”

 

GIORGIA MELONI E FABIO RAMPELLI GIORGIA MELONI E FABIO RAMPELLI

A portare la leader allo scontro definitivo con quella che è l’unica corrente all’interno di FdI, quella appunto di Rampelli, è stato l’evento al teatro Brancaccio con i candidati Ghera e Rotondi, a cui hanno preso parte oltre mille persone. Un appuntamento iniziato male per i due aspiranti consiglieri, rampelliani di ferro, e finito peggio. […] A far andare la premier su tutte le furie è stato però il particolare che l’invito alla manifestazione è stato inviato dalla federazione romana a tutti gli iscritti, come se si trattasse di un evento di partito, mentre era un appuntamento a sostegno di Ghera e Rotondi e dunque della corrente di Rampelli.

fabio rampelli fabio rampelli

 

[…] Le parole utilizzate da Giorgia Meloni […] sono dure. Specifica di aver sentito il coordinatore regionale Paolo Trancassini e di aver scelto come commissario Donzelli «considerata la campagna elettorale per le regionali e anche la necessità di gestire con terzietà la corsa alle preferenze». Una terzietà dunque che, secondo l’inquilina di palazzo Chigi, non avrebbero avuto i componenti della corrente dei Gabbiani. […]

 

Occorrerà vedere ora come reagirà Fabio Rampelli, che viene da una fase non felicissima. Nel giro di pochi mesi, il vicepresidente della Camera ha dovuto già ingoiare la sua esclusione da qualsiasi incarico di Governo e la decisione della Meloni di non candidarlo a presidente della Regione, scegliendo al suo posto Francesco Rocca. Il bis dopo la mancata corsa per il Campidoglio, quando alla fine al suo posto venne scelto per candidato sindaco il tribuno radiofonico Enrico Michetti. […] il presidente provinciale del partito, Marco Silvestroni […]: «Ricordo a tutti che sostenere i propri candidati non significa parlar male dei colleghi di partito né […] avere atteggiamenti faziosi e correntismi». […]

giovanni donzelli foto di bacco (3) giovanni donzelli foto di bacco (3) fabio rampelli giorgia meloni ignazio la russa fabio rampelli giorgia meloni ignazio la russa

 

Condividi questo articolo

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

“PENSO CHE UN COLPO DI STATO MILITARE POSSA ESSERE POSSIBILE” – PUTIN È ALLE BATTUTE FINALI? SECONDO ABBAS GALLYAMOV, EX SPEECHWRITER DEL PRESIDENTE RUSSO, SÌ: “L’ECONOMIA STA PEGGIORANDO E LA GUERRA È PERSA. I RUSSI CERCHERANNO DI TROVARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHÉ TUTTO QUESTO STA ACCADENDO. SI RISPONDERANNO DA SOLI. TEMPO UN ANNO, UN COLPO DI STATO DIVENTA REALE. SENZA VITTORIA SULL'UCRAINA, DOVRÀ AFFRONTARE I RUSSI IN DIFFICOLTÀ. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI LUI SE NON È FORTE. POTREBBE…”

“FACCETTA ROSSA” – ALDO GRASSO IRONIZZA SU GUIDO CROSETTO CHE HA CEDUTO ALLE INSISTENZE DI FIORELLO E HA INTONATO “BELLA CIAO”  - ALDO CAZZULLO SPIEGA PERCHE’ IL MINISTRO DELLA DIFESA HA CANTATO IL BRANO SIMBOLO DELLA RESISTENZA: "LO HA FATTO PER NON DARE UN DISPIACERE A FIORELLO E POI PERCHE’ E’ DI MARENE, IN PIEMONTE. DALLE SUE PARTI, CHE POI SONO LE MIE, QUANDO INTONAVAMO ‘BELLA CIAO’ DA RAGAZZI NON ERAVAMO NEPPURE SFIORATI DALL’IDEA DI FARE UNA COSA DI SINISTRA. PERALTRO QUEL BRANO I PARTIGIANI NON L'AVEVANO MAI CANTATO…" - VIDEO