HABEMUS NOMINE – IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA RAI HA DATO IL VIA LIBERA AL PACCHETTO PROPOSTO IERI DALL’AD, ROBERTO SERGIO: GIAN MARCO CHIOCCI SARÀ IL NUOVO DIRETTORE DEL TG1, ANTONIO PREZIOSI AL TG2 E MARIO ORFEO AL TG3 – RESTA DA CAPIRE COME HA VOTATO LA PRESIDENTE, LA RENZIANA MARINELLA SOLDI, CHE AVEVA INVOCATO LA PARITÀ DI GENERE E SI RITROVA SOLO 6 DONNE PER 21 POSTI. SI È ASTENUTA? E COME SI COMPORTERÀ IN FUTURO?

-

Condividi questo articolo


marco chiocci marco chiocci

1. VIA LIBERA DEL CDA RAI AL PACCHETTO DI NOMINE

(ANSA) - Via libera del consiglio di amministrazione Rai - secondo quanto si apprende - al pacchetto di nomine a direzioni di testate e generi proposto dall'amministratore delegato Roberto Sergio, tra le quali quelle di Gian Marco Chiocci al Tg1 e Antonio Preziosi al Tg2.

 

2. RAI, SOLO 6 DONNE PER 21 DIREZIONI. LA (POSSIBILE) ASTENSIONE DI SOLDI

Estratto dell'articolo di Antonella Baccaro per il “Corriere della Sera”

 

meloni chiocci meloni chiocci

La questione di genere planerà oggi sul tavolo del consiglio di amministrazione della Rai, convocato alle 9 per esaminare il pacchetto di nomine che cambierà il volto dell’emittente pubblica.

 

La carenza di profili femminili tra i candidati, sollevata dalla presidente Marinella Soldi, è diventata motivo per l’opposizione per criticare il nuovo corso. «Spero il governo aggiusti il tiro» auspica la senatrice Maria Stella Gelmini (Azione). «I nuovi vertici cambiano direttori di generi e testate, riaprono agli esterni e tra loro non c’è nemmeno una donna» rincara l’Usigrai.

 

marinella soldi marinella soldi

Troppo tardi per porvi rimedio: l’assetto che uscirà oggi dal cda (Gian Marco Chiocci al Tg1, Antonio Preziosi al Tg2 e Mario Orfeo al Tg3, solo per fare alcuni nomi) è frutto di estenuanti trattative e non prevede ripensamenti ma piuttosto compensazioni successive. Si parla di vicedirezioni femminili nelle testate giornalistiche.

 

E di altri posti nella Direzione generale corporate, da poco guidata da Giampaolo Rossi, dove su 22 manager non c’è neanche una donna, un assetto voluto dall’ex ad Carlo Fuortes che sollevò critiche. E donne saranno molte conduttrici dei palinsesti autunnali, per i quali sono più le autocandidature che gli incarichi definiti: c’è tempo fino al 7 luglio.

ANTONIO PREZIOSI ANTONIO PREZIOSI

 

Quale sia la sproporzione tra i generi nelle nomine di oggi è presto detto. Delle dieci direzioni di genere, solo due saranno guidate da donne: Cultura con Silvia Calandrelli e Fiction con Maria Pia Ammirati, due conferme. Erano tre in più nella precedente gestione. Anche la direzione di Rai Play resta a Elena Capparelli.

 

Quanto alle testate giornalistiche, da domani solo una sarà guidata da una donna: l’Offerta informativa che andrà a Monica Maggioni. Proprio quest’ultima era una delle due uniche donne che dirigevano testate giornalistiche nel precedente organigramma: Maggioni era al Tg1, prima donna a guidarlo, e Giuseppina Paterniti all’Offerta informativa. Per quanto riguarda le altre nomine odierne, le direzioni di Isoradio e Radio2 restano a guida femminile (Angela Mariella e Simona Sala). In tutto sei donne su 21 profili.

 

silvia calandrelli foto di bacco silvia calandrelli foto di bacco

Poi c’è la parte corporate, dove rimane appannaggio di una donna la presidenza di Rai Com (Claudia Mazzola). L’Ufficio studi passa a un uomo, Francesco Giorgino, ma diventa femminile il ruolo di capostaff (Paola Marchesini). Un pareggio rispetto al passato.

 

[...] La presidente dovrebbe astenersi, ma il suo ruolo di ago della bilancia, quando i voti necessari dovranno essere quattro (vedi sul budget) agita la Lega che ne ventila le dimissioni. Ma cosa succederebbe se, per ipotesi, Soldi lasciasse? Mancando un anno alla sua scadenza, il cda resterebbe a sei membri: il presidente per anzianità diventerebbe Simona Agnes, così, in caso di pareggio, valendo il suo voto il doppio, sarebbe lei a assicurare al cda una navigazione ben più tranquilla. Per ora sono ipotesi. [...]

elena capparelli elena capparelli soldi meloni chiocci soldi meloni chiocci

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA