1. INDISCRETO! MARIO DRAGHI SVELA AL VECCHIO AMICO TABACCI PERCHÉ È FINITO IL GOVERNO
2. “ERA IL MOMENTO BUONO PER STACCARE LA SPINA. A OTTOBRE LA FINANZIARIA SAREBBE STATA UN DISASTRO ZEPPO DI MARKETTE DEI VARI PARTITI PER RACCATTARE VOTI; COSA CHE NON AVREI MAI ACCETTATO. A OTTOBRE NON AVREI POTUTO DIMETTERMI: SAREBBE STATA UNA PARALISI PER L’ITALIA FINIRE IN ESERCIZIO PROVVISORIO” - CONFERMATA LA SUA INSOFFERENZA (EUFEMISMO) NEI RIGUARDI DI CONTE: D'ACCORDO CON GRILLO, LO TROVAVA FASULLO, DAL CIUFFO LACCATO IN GIÙ, CON LE SUE SUPERCAZZOLE IN MODALITÀ AZZECCAGARBUGLI...

Condividi questo articolo


NOTA - DRAGHI E TABACCI SMENTISCONO SECCAMENTE IL DAGOREPORT: E' TOTALMENTE INFONDATO

 

DAGOREPORT

AGENDA DRAGHI MEME AGENDA DRAGHI MEME

In coda all’ultimo consiglio dei ministri, Draghi si è intrattenuto a chiacchierare con il suo vecchio amico Tabacci, colloquio che fa luce definitiva sulla fine del governo. Mariopio ha confidato, intanto, la massima insofferenza (eufemismo) nei riguardi di Giuseppe Conte: non gli parlava perché non sopportava le sue supercazzole in modalità azzeccagarbugli foggiano.

 

Lo trovava fasullo, dal ciuffo laccato in giù. Sentimento condiviso in toto nella famigerata telefonata da Beppe Grillo, poi rivelata per vanagloria dall’Elevato ai grillini e allo stesso Conte e spifferata dal sociologo sociopatico Domenico De Masi a “Un giorno da pecora”.

 

“Meglio staccare la spina, subito”, ha confessato Draghi a Tabacci, spiegando il suo tono di aperta sfida al Senato ai 5Stelle, abbarbicati sul rigetto dell’inceneritore capitolino infilato dal governo nel decreto Aiuti – ostacolo che poteva rimosso facilmente sfilandolo dal decreto legge, infilando poi il termovalorizzatore in un emendamento.

mario draghi daniele franco mario draghi daniele franco

 

Ma il premier è stato irremovibile dando poi il là alle mosse sfasciacarrozze di Salvini e Berlusconi che hanno chiesto di tenere fuori Conte e i suoi grullini e un Draghi-bis con tanto di traboccante rimpasto (fuori Lamorgese e Speranza).

 

bruno tabacci 1 bruno tabacci 1

“Era il momento buono per staccare la spina”, ha continuato nel suo ragionamento Draghi. “A ottobre la Finanziaria sarebbe stata un disastro zeppo di markette per raccattare voti; cosa che non avrei mai potuto accettare; a ottobre, non avrei potuto dimettermi: sarebbe stata una paralisi per l’Italia finire in esercizio provvisorio”.

 

Rifilata al centrodestra di Salvini-Meloni-Berlusconi, secondo i sondaggi probabile vincitore della tenzone elettorale, la Finanziaria, mega-rogna da sbrigare con gli anti-sovranisti di Bruxelles, ora il principale obiettivo che è rimasto sul groppone di Draghi, oltre al viaggio all’Onu, sarà quello di raggiungere un accordo con gli alleati europei sul “price-cap” del gas: è certo che porterà a un calo del prezzo e sollievo per l’economia.

GIUSEPPE CONTE E LA DEPOSIZIONE DI DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI GIUSEPPE CONTE E LA DEPOSIZIONE DI DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI

 

L’ultima velenosa zampata dell’ex Bce è stata la conferenza stampa dopo il Cdm che ha approvato il dl Aiuti bis quando, messo su il solito ghigno sprezzante, ha sibilato: “Tanti auguri di buone vacanze a chi non ha la campagna elettorale e poi veramente i migliori auguri che si verifichino tutti i desideri e i sogni di coloro che hanno la campagna elettorale”. Un “Lavoratori, tiè!”, di sordiana memoria...

SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI tweet sulla crisi del governo draghi 4 tweet sulla crisi del governo draghi 4 CONTE DRAGHI CONTE DRAGHI comizio di giorgia meloni dopo il voto al senato su draghi 3 comizio di giorgia meloni dopo il voto al senato su draghi 3 giorgia meloni mario draghi giorgia meloni mario draghi MELONI - SALVINI - BERLUSCONI - FASCIOSOVRANISTI MELONI - SALVINI - BERLUSCONI - FASCIOSOVRANISTI tweet sulla crisi del governo draghi 1 tweet sulla crisi del governo draghi 1

 

Condividi questo articolo

politica

NOTIZIE FRESCHE DAL FRONTE DELLE ELEZIONI. C’E’ QUELLO CHE SI E’ CALATO LE BRAGHE NELLA CABINA, AVANTI LA SEXY SCRUTATRICE CON GHIANDOLE MAMMARIE EXTRA LARGE, SEGUE UNO/A CHE HA SCRITTO A MANO UNA LAMENTELA PERCHE’ LA DIVISIONE MASCHI E FEMMINE E’ LESIVA DI CHI E’ “IN TRANSIZIONE” (CE VOLEVA LA CODA LGBTQ+?) - E POICHE’ LA LEGGE CONSENTE DI ALLEGARE AL VERBALE DEL VOTO LE PROTESTE DEI CITTADINI, CI SONO OVVIAMENTE QUELLI CHE HANNO PRESO SUL SERIO LA POSSIBILITA’. IL NOTO STORICO DELL’ARTE SENZA STORIA, TOMASO MONTANARI HA ALLEGATO UNA PAGINA DATTILOSCRITTA CONTRO IL ROSATELLUM (CON IN CALCE IL SUO CODICE FISCALE) - PLEASE, DATEVE ‘NA CALMATA: E' SOLO UN SALTO NEL VOTO…