“CI VUOLE UN CATERPILLAR PER SPOSTARE MICHELE EMILIANO, UNO DEI 'GIUDICI RAGAZZINI' DERISI DA FRANCESCO COSSIGA" – FACCI RICORDA CHE L’EX PM, DA 20 ANNI DOMINUS DELLA PUGLIA, NON SI E’ MAI DIMESSO DALLA MAGISTRATURA (PIUTTOSTO NON HA RINNOVATO L’ISCRIZIONE AL PD) - "E’ L'INAMOVIBILE PERNO DI UN SISTEMA DI CLIENTELE E QUINDI INEFFICIENZE CHE DOPO VENT'ANNI NON REGGE PIÙ, MA CHE LUI È BRAVISSIMO AD ADDEBITARE AD ALTRI" – QUANDO PER FAR DIMENTICARE UNO SCANDALUCCIO SULLE FAMOSE COZZE PELOSE PROPOSE L'ASSESSORATO ALLA CULTURA AL...

-

Condividi questo articolo


Filippo Facci per il Giornale - Estratti

 

MICHELE EMILIANO - ELLY SCHLEIN MICHELE EMILIANO - ELLY SCHLEIN

Ci vuole un caterpillar per spostare Michele Emiliano. Nella Prima Repubblica abbiamo esecrato a tal punto «le solite facce» che ora neppure ci accorgiamo che certi rincalzi sono lì da secoli: basti che dopo vent'anni Emiliano non si è ancora dimesso dalla magistratura (è ancora «in aspettativa per mandato elettorale» e quando la Corte costituzionale stabilì che i magistrati non potevano avere tessere di partito, nel 2018, lui non lasciò la magistratura: piuttosto non rinnovò l'iscrizione al Pd.

 

Nel frattempo era stato sindaco di Bari, segretario regionale del Partito, presidente del Pd Puglia, poi ancora sindaco di Bari, coordinatore dell'associazione comuni italiani, coordinatore delle città metropolitane, presidente del consorzio sviluppo industriale di Bari, fondatore di «Lista Emiliano» ed «Emiliano per la Puglia» e «La Puglia con Emiliano», (...) ha elogiato Berlusconi, Salvini, Renzi, vari forzisti, e insomma: vorrete mica insinuare che sia un uomo di potere, Michele Emiliano? Vorrete mica insinuare che possa essere l'inamovibile perno di un sistema di clientele e quindi inefficienze che dopo vent'anni non regge più, ma che lui è sempre stato bravissimo ad addebitare ad altri?

MICHELE EMILIANO BY BENNY MICHELE EMILIANO BY BENNY

 

 

Anche adesso, che in Puglia e nel Pd sembra essersi aperto il vaso di Pandora: ma quale commissariamento, quale voto, quale azzeramento o altri radicali cambi di rotta come richiesti dalla segretaria Elly Schlein: basta un rimpasto di giunta, basta tappare i buchi, «poi la prossima settimana i vertici del Pd pugliese si riuniranno per fare il punto». E se il Pd locale e i Cinque Stelle sono quasi alle mani, coi piddini accusati di «trasformismo» da uno come Giuseppe Conte, lui, Michele Emiliano, non si scompone: «Io ho un buon rapporto con Giuseppe e non intendo romperlo».

 

Ci vuole un caterpillar per spostare Michele Emiliano. Nel 1988 ad Agrigento era uno dei «giudici ragazzini» derisi da Francesco Cossiga. Giocava a basket (arrivò alla serie B) anche se oggi sembra un rugbysta. Quando accettò di fare il sindaco per il centrosinistra iniziò subito il suo stare nel partito senza stare nel partito, l'antinomia tra il voler essere cagnone sciolto e far parte di un apparato come l'ex Pci.

 

anita maurodinoia michele emiliano anita maurodinoia michele emiliano

Sarà sempre così, tanto che per essere eletto ha fondato liste sue, come visto: e ogni volta il suo cercarsi alleanze si è rivelato un'avventura variabile: da uomo istituzionale si è fatto politico «vicino alla gente» (lui si definì «populista istituzionale», bell'ossimoro) oppure assomigliare a quei pupazzi oscillanti che si mettono sul cruscotto della macchina: in quarantott'ore, nel 2017, passò da «ho appoggiato Renzi, scusatemi» al definitivo «Matteo non ti ricandidare» sino al «Ricandidati, puoi rivincere da segretario».

 

Poi potremmo enumerare gli aspetti più colorati dell'Emiliano-Zelig: quando ad Acquaformosa (Cosenza) si mise a ballare la pizzica e si ruppe il tendine d'Achille; quando si mise a chattare con Frank Underwood (il protagonista della serie tv House of cards) chiedendogli un degno candidato come avversario; quando quel noto genio (ironia) che è il rapper J-Ax scrisse «Il discorso di Emiliano sta spaccando, grande» ed Emiliano rispose «Bella zio! Sei grande!». Yeah. Everybody. Emiliano, per far dimenticare uno scandaluccio sulle famose cozze pelose (peccato, manca lo spazio per parlarne) propose l'assessorato alla Cultura al regista di Checco Zalone, che rifiutò. Poi però il regista, Gennaro Nunziante, girò un film con Zalone titolato «Quo Vado?».

francesco cossiga francesco cossiga michele emiliano antonio decaro michele emiliano antonio decaro MICHELE EMILIANO RICEVE IL TAPIRO DORO DA VALERIO STAFFELLI MICHELE EMILIANO RICEVE IL TAPIRO DORO DA VALERIO STAFFELLI MICHELE EMILIANO E BRUNO VESPA MICHELE EMILIANO E BRUNO VESPA checco zalone michele emiliano salone del libro checco zalone michele emiliano salone del libro michele emiliano by edoardo baraldi michele emiliano by edoardo baraldi michele emiliano giuseppe conte michele emiliano giuseppe conte michele emiliano giuseppe conte michele emiliano giuseppe conte matteo salvini michele emiliano matteo salvini michele emiliano LUIGI DI MAIO AL MARE IN PUGLIA CON MICHELE EMILIANO E FRANCESCO BOCCIA - BY OSHO LUIGI DI MAIO AL MARE IN PUGLIA CON MICHELE EMILIANO E FRANCESCO BOCCIA - BY OSHO MICHELE EMILIANO LUIGI DI MAIO MICHELE EMILIANO LUIGI DI MAIO MICHELE EMILIANO - BRUNO VESPA - LUCA ZAIA MICHELE EMILIANO - BRUNO VESPA - LUCA ZAIA MICHELE EMILIANO MICHELE EMILIANO michele emiliano michele emiliano anita maurodinoia michele emiliano anita maurodinoia michele emiliano

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI