“UN CIRCOLO DI PERSONE INTORNO A DRAGHI LE HA SBAGLIATE TUTTE DAL QUIRINALE IN POI” – RENZI CONTRO TUTTI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI TOMMASO LABATE – "LA MORATTI? IL PD DEVE CAMBIARE NOME, CHIAMATELO PARTITO DE COUBERTIN, L’IMPORTANTE E’ PARTECIPARE" – E POI SALVINI “TARANTOLATO”, LA CENA CON CASINI CHE PREPARAVA IL DISCORSO DA PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E D’ALEMA: “MI MASSACRANO PER LE CONFERENZE. SE VENDESSI ARMI COME LUI MI PORTEREBBERO VIA IMMEDIATAMENTE” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

https://video.corriere.it/politica/gli-intrighi-politica-racconto-renzi-draghi-salvini-passando-d-alema/f81f7410-68b6-11ed-b63c-9122e6aff993

 

 

Da video.corriere.it

 

matteo renzi in senato 1 matteo renzi in senato 1

"Salvini? Era tarantolato. Se vendessi armi come D'Alema mi porterebbero via immediatamente. Pizza e champagne con Casini nella cena col morto". E non solo. La mancata elezione di Draghi al quirinale e la caduta del suo governo. Matteo Renzi non si è risparmiato. Ospite di Tommaso Labate nell'ambito di Book City a Milano , l'ex premier ha dato il suo contributo di aneddoti e visione della politica per aiutare la lettura dell’ultimo libro del giornalista del Corriere dal titolo «Ultima fermata». In sette mesi sulla scena politica italiana abbiamo assistito a un gigantesco gioco di specchi, in cui quasi nulla è stato davvero come sembrava.

 

Un percorso accidentato che Tommaso Labate ricostruisce con sapienza attraverso dettagli inediti e rivelazioni strappate ai protagonisti: dai messaggi di Casini durante la corsa mattutina a Villa Borghese al pallottoliere a casa Berlusconi per contare voti e deputati, dalle incertezze della Lega alla scissione dei Cinque Stelle, dal gioco di Meloni alle mosse di Renzi, dalle uscite di Grillo ai silenzi di Draghi. Un brillante reportage dietro le quinte dei palazzi del potere per leggere il presente e il futuro politico del Paese.

 

FRANCESCHINI CASINI E RENZI SE LA RIDONO FRANCESCHINI CASINI E RENZI SE LA RIDONO TOMMASO LABATE COVER TOMMASO LABATE COVER

 

MATTEO RENZI - IL MOSTRO EDIZIONE AGGIORNATA MATTEO RENZI - IL MOSTRO EDIZIONE AGGIORNATA massimo d alema matteo renzi massimo d alema matteo renzi d alema boschi renzi dalema d alema boschi renzi dalema matteo renzi senato matteo renzi senato matteo renzi. matteo renzi. MATTEO RENZI MARIO DRAGHI MATTEO RENZI MARIO DRAGHI

 

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...