“LA COALIZIONE DI CENTRODESTRA NON PUÒ PIÙ PERMETTERSI UNA FIGURA COME BERLUSCONI TRA LE SUE FILE CON RUOLI DI RESPONSABILITÀ” - STEFANO FOLLI RANDELLA: “IERI SERA È STATA DICHIARATA IN MODO FORMALE L’INCOMPATIBILITÀ. BERLUSCONI OGGI PARE DEDITO NON ALLA SOPRAVVIVENZA DI FORZA ITALIA, BENSÌ ALLA SUA DISTRUZIONE: NON SI SA QUANTO INCONSAPEVOLE. FORSE HA PERSO IL CONTROLLO DEGLI EVENTI ED È EGLI STESSO TRAVOLTO, SUL PUNTO DI ESSERE ABBANDONATO DAI SUOI PARLAMENTARI. QUEL CHE È CERTO, UNA STAGIONE HA FATTO IL SUO TEMPO. E IL PRIMO A DIRSENE CONSAPEVOLE DOVREBBE ESSERE TAJANI, ORMAI PROIETTATO SUO MALGRADO NEL POST-BERLUSCONISMO”

Condividi questo articolo


antonio tajani silvio berlusconi convention di forza italia antonio tajani silvio berlusconi convention di forza italia

Stefano Folli per “la Repubblica”

 

Sulle esternazioni fuori controllo di Berlusconi si era detto tutto. Ma ieri, dopo aver ascoltato un secondo sproloquio più imbarazzante del primo, tutti hanno compreso che il limite era stato superato. Soprattutto lo ha compreso Giorgia Meloni: su quelle basi e dentro uno schema che sembrava dettato dal Cremlino, il governo non poteva nascere e Mattarella si sarebbe ovviamente rifiutato di avallare la smentita esplicita, persino grottesca, dei capisaldi della nostra politica estera.

Silvio Berlusconi Licia Ronzulli al Senato Silvio Berlusconi Licia Ronzulli al Senato

 

Così la premier in pectore ha offerto una dimostrazione di leadership: con frasi secche e definitive ha ribadito la fedeltà alla Ue e alla Nato. Inoltre ha garantito che l’Italia non sarà «l’anello debole dell’Occidente». A lei ha fatto seguito Antonio Tajani, il potenziale ministro degli Esteri la cui candidatura era stata azzerata dal suo leader. Si è connesso al Ppe, il suo vero referente, e ha preso le distanze, sia pure senza citare Berlusconi, dalle sciocchezze appena diffuse in Italia e non solo. In questo modo entrambi, Meloni e Tajani, hanno voluto salvare la prospettiva dell’esecutivo.

 

berlusconi tajani 12 berlusconi tajani 12

Ma con un aspetto da sottolineare: non si tratta più di un litigio per le poltrone. Stavolta è in gioco una coalizione, e dunque un governo, che non può più permettersi una figura come Berlusconi tra le sue file con ruoli di responsabilità. Ieri sera è stata dichiarata in modo formale l’incompatibilità.

 

Se le cose hanno un senso, il fondatore di Forza Italia viene commissariato. Se così non fosse, se egli continuasse a esercitare un potere effettivo al vertice di Forza Italia, il governo si troverebbe vulnerato nel punto fondamentale della lealtà all’Alleanza Atlantica e all’Unione. Inoltre non si capirebbe a quale titolo Antonio Tajani diventa titolare degli Esteri.

 

BERLUSCONI RONZULLI BERLUSCONI RONZULLI

Non bastano le belle parole di ieri sera sull’Ucraina. Chi comanda in Forza Italia? Lui, Tajani, e l’ala ragionevole, vicina ai Popolari europei e alla Nato? Oppure il gruppetto minoritario disposto a seguire l’anziano ex presidente del Consiglio fin nel “ridotto della Valtellina”, inneggiando a Putin? Questo nodo non è stato ancora sciolto, ma le parole di Giorgia Meloni indicano che indietro non si torna. A costo «di non fare il governo», il chiarimento deve avvenire adesso, in queste ore a cavallo delle consultazioni. E non basteranno le frasi di circostanza.

 

berlusconi tajani 8 berlusconi tajani 8

C’è uno strappo, non da ricucire ma da portare alle estreme conseguenze. Berlusconi oggi pare dedito non alla sopravvivenza di Forza Italia, bensì alla sua distruzione: non si sa quanto inconsapevole. Forse ha perso il controllo degli eventi ed è egli stesso travolto, sul punto di essere abbandonato dai suoi parlamentari. È il dramma del potere perduto che va in scena da secoli, negli scenari più diversi.

 

Ma chi vuole che il governo di destra abbia il margine per avviare un cammino, almeno quello, deve porsi il problema di Forza Italia e di chi la guida. Le ambiguità non sono ammesse per ragioni interne e internazionali. Poi i prossimi mesi diranno dove andranno a dislocarsi i naufraghi del berlusconismo. Quel che è certo, una stagione ha fatto il suo tempo. E il primo a dirsene consapevole dovrebbe essere il quasi ministro degli Esteri, ormai proiettato suo malgrado nel post-berlusconismo.

 

silvio berlusconi licia ronzulli silvio berlusconi licia ronzulli

Se l’anziano fondatore del centrodestra, personaggio controverso come nessuno ma capace di stare sul palcoscenico per lunghi anni, intende svolgere un ruolo rappresentativo, pago di essere tornato in Parlamento, allora l’instabilità potrà essere tenuta a bada. Nel caso in cui, viceversa, Berlusconi fosse ancora in grado di pilotare la sua nave, pur semi affondata, e di utilizzarla come un’arma da scagliare all’occorrenza contro un governo da lui odiato, allora prepariamoci al peggio. La determinazione di Giorgia Meloni, giusto alla vigilia di recarsi da Mattarella, indica che le carte sono sul tavolo. E che il bluff non è più consentito.

ANTONIO TAJANI - SILVIO BERLUSCONI - MARTA FASCINA ANTONIO TAJANI - SILVIO BERLUSCONI - MARTA FASCINA

 

Condividi questo articolo

politica

“IL RIPENSAMENTO DI PALAZZO CHIGI SULL’USO DEI CONTANTI SI DEVE FORSE ALL'ECO DI UN CERTO DISAPPUNTO DEL QUIRINALE” - MASSIMO FRANCO: “TRASPARE LA VOLONTÀ DI NON ALIMENTARE UNA POLEMICA CHE PROMETTE DI DANNEGGIARE L'ESECUTIVO, E DI DARNE UN'IMMAGINE DISTORTA. LA MELONI METTE IN EVIDENZA CHE FORSE DA PARTE DELL'UE IL TEMA DELLA ‘ROTTA MEDITERRANEA’ DEI MIGRANTI COMINCIA AD ASSUMERE UN RILIEVO INEDITO. È LA CONFERMA DI QUANTO IL GOVERNO DI DESTRA DOVRÀ FATICARE PER CONCILIARE LE SPINTE ISTINTIVE DELLA SUA COALIZIONE CON L’ADERENZA A IMPEGNI AI QUALI L'ITALIA NON PUÒ SFUGGIRE”

ALLORA E’ UN VIZIO! QUANDO MELONI ATTACCAVA BANKITALIA: “L’ORO È DEGLI ITALIANI, NON DEI BANCHIERI” - DA DONNA GIORGIA BORDATE BEN PRIMA DI FAZZOLARI: NEL 2019 L’AFFONDO SULLE RISERVE AUREE: L’ITALIA ERA GOVERNATA DALL’ALLEANZA CONTE-SALVINI, E LO SPREAD COI TITOLI TEDESCHI ERA AI LIVELLI DI GUARDIA. DITE AL DUPLEX FAZZOLARI-MELONI CHE SE BANKITALIA NON FOSSE UN ENTE PUBBLICO PARTECIPATO DALLE FAMIGERATE BANCHE PRIVATE, NON AVREBBE AVUTO LA CREDIBILITÀ CHE OGGI PERMETTE AL TERZO DEBITO MONDIALE DI MANTENERE UNO SPREAD ACCETTABILE E DI…