“LA CORTINA DI FERRO STA TORNANDO” – IL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO, SERGEI LAVROV SCOPRE L’ACQUA CALDA E TORNA A SPARARE MISSILI SULL’OCCIDENTE: “LA NATO SI ASPETTA L'OBBEDIENZA INCONDIZIONATA DEL MONDO" – GLI HANNO FATTO  ECO I CINESI, CHE NON HANNO GRADITO IL NUOVO “CONCETTO STRATEGICO” DELL’ALLEANZA ATLANTICA: "LA VERASFIDA SISTEMICA ALLA PACE E ALLA STABILITÀ MONDIALE È LA NATO, CHE LANCIA GUERRE OVUNQUE, UCCIDENDO CIVILI INNOCENTI E HA ESTESO I SUOI TENTACOLI, NEL TENTATIVO DI ESPORTARE LA MENTALITÀ DELLA GUERRA FREDDA"

-

Condividi questo articolo


Mattia Bernardo Bagnoli per l'ANSA

 

joe biden conferenza stampa vertice nato madrid 2 joe biden conferenza stampa vertice nato madrid 2

Il summit della Nato di Madrid si conclude con la rinascita del Patto Atlantico, galvanizzato dall'invasione decisa da Vladimir Putin in Ucraina e dall'intesa sempre più stretta fra Cina e Russia, vista come una "sfida strategica" per il blocco democratico.

 

Il presidente americano Joe Biden ha ribadito che lo zar alla fine ha ottenuto il contrario di ciò che si era prefissato: "più Nato" ai suoi confini - grazie all'arrivo di Svezia e Finlandia - e un Occidente più unito. "Non so come finirà la guerra, ma di certo l'Ucraina non verrà sconfitta", ha detto il presidente annunciando altri 800 milioni di dollari in aiuti militari a Kiev. Mosca è funerea: "La cortina di ferro sta tornando".

 

SERGHEY LAVROV SERGHEY LAVROV

"La Nato si aspetta l'obbedienza incondizionata del mondo", ha argomentato il ministro degli Esteri Serghei Lavrov. La Cina - finita nel mirino del 'Concetto Strategico' - gli ha fatto eco e ha criticato duramente gli esiti del vertice. Secondo Pechino, è la Nato la vera "sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiale" poiché "lancia guerre ovunque, uccidendo civili innocenti" e ora, con la partnership siglata con i quattro alleati indopacifici, "ha esteso i suoi tentacoli, nel tentativo di esportare la mentalità della Guerra Fredda".

 

Putin Lavrov Putin Lavrov

In effetti è difficile immaginare una divisione più netta tra Est e Ovest, sia per la genesi del conflitto in Ucraina sia per la sua possibile conclusione. Fonti diplomatiche assicurano che, pur con sfumature diverse, tutti i leader considerano "inverosimili" le ipotesi di negoziati fra Ucraina e Russia. Certo, c'è preoccupazione per la tenuta delle rispettive opinioni pubbliche, colpite dall'aumento dei prezzi e frastornate dalle previsioni fosche dell'economia mondiale.

 

La linea l'ha tirata il premier britannico Boris Johnson. "Se Putin vince potrebbe attaccare altri Paesi dell'ex area sovietica, generando ancora più caos con effetti disastrosi a livello globale: dobbiamo continuare a spiegare ai nostri cittadini che la libertà ha un prezzo". Ecco, anche la nuova postura difensiva decisa dai leader al summit ha un costo e da qui al summit di Vilnius del prossimo anno si dovrà decidere quanto spendere sulla difesa, aggiornando gli impegni per il decennio 2024-2034.

 

XI JINPING E VLADIMIR PUTIN XI JINPING E VLADIMIR PUTIN

Intanto si è scelto di aumentare "significativamente" il bilancio della Nato per le esercitazioni, le infrastrutture, gli equipaggiamenti pre-posizionati. L'idea è che ora inizia "un percorso" - e quelle 300mila forze in più a disposizione del comando supremo sbandierate a inizio vertice dal segretario generale Jens Stoltenberg, spiega una fonte, sono più "un obiettivo" che un dato di fatto.

 

putin xi jinping putin xi jinping

Detto questo, la direzione è chiara. Il ministro della Difesa italiano Lorenzo Guerini, che oggi ha fatto le veci di Mario Draghi alla sessione dedicata al fianco sud dell'Alleanza, ha spiegato come si sia parlato anche di "Mediterraneo e aree a esso connesse, di supporto alla stabilità in Africa, dell'importanza di assicurare, anche per il futuro, un'azione preventiva nei confronti di fenomeni tuttora insidiosi come il terrorismo".

 

joe biden conferenza stampa vertice nato madrid 1 joe biden conferenza stampa vertice nato madrid 1

Temi d'interesse prioritario per Roma, che s'intersecano coi fenomeni migratori. Tant'è vero che la Nato, per la prima volta, ha concesso un pacchetto di aiuti a Mauritania e Tunisia. Ad ogni modo, il summit di Madrid verrà ricordato come il vertice "dell'unità transatlantica", al netto di alcuni distinguo specifici, tipo l'avvertimento di Erdogan a Svezia e Finlandia ad attuare il memorandum, inclusa l'estradizione di 73 individui finiti nella sua lista nera, se vogliono vedere "ratificata" la loro adesione.

sergei lavrov. sergei lavrov.

 

La Russia, attraverso le dichiarazioni di diversi esponenti, mette però in guardia che "più Nato" ai confini della Russia significa "più Russia ai confini della Nato". Come dire: fate attenzione a come vi comportate. Ma Biden su questo è stato cristallino. "Difenderemo ogni centimetro di territorio alleato".

SERGHEY LAVROV SERGHEY LAVROV SERGEI LAVROV MEME - BY EMILIANO CARLI SERGEI LAVROV MEME - BY EMILIANO CARLI

 

Condividi questo articolo

politica

QUEL CHE TUTTI DOVREBBERO DIRE NEL PD, LO DICE RENATA POLVERINI: “LA RESPONSABILITÀ È SEMPRE DEL FEDERATORE, NON TUTTI HANNO LE QUALITÀ MOSTRATE DA BERLUSCONI. LA STRATEGIA DI ENRICO LETTA È STATA FALLIMENTARE, HA PROVATO A METTERE INSIEME SOGGETTI CHE HANNO POSIZIONI POLITICHE OPPOSTE SU QUASI TUTTO, DAL LAVORO ALL'ENERGIA” - LETTA HA PUNTATO TUTTO SUL “CAMPO LARGO” CON IL M5S CHE E’ EVAPORATO. POI COME ALLEATO HA SCELTO CALENDA CHE LO HA RIPUDIATO. NON SARA’ CHE ENRICHETTO NON HA LE QUALITA' PER FARE IL FEDERATORE E IL LEADER? 

“CALENDA HA SCAMBIATO TWITTER CON IL MONDO REALE” - QUEL MERLUZZONE DI ENRICO LETTA MASTICA AMARO PER IL TRADIMENTO DEL “CHURCHILL DEI PARIOLI”: “È LA SECONDA VOLTA CHE METTE IN DISCUSSIONE UN ACCORDO GIA’ SIGLATO. COL SENNO DI POI SONO STATO TROPPO INGENUO. CALENDA RAGIONA COME SE NON SAPESSE COME FUNZIONA QUESTA LEGGE ELETTORALE, CHE IMPONE DI FARE ALLEANZE PER LA PARTE UNINOMINALE - FRATOIANNI E SINISTRA ITALIANA? HA INGIGANTITO UNA QUESTIONE INESISTENTE PER GIUSTIFICARE IL FATTO CHE HA CAMBIATO IDEA. E POI NON HA NEANCHE CHIAMATO ME, HA CHIAMATO FRANCESCHINI - RENZI E CALENDA NON SANNO STARE IN SQUADRA. O COMANDANO O PORTANO VIA IL PALLONE”