“COSA ASPETTA LA MELONI, DOPO 19 MESI DI GOVERNO, A PRENDERSI DELLE RESPONSABILITÀ?” – SCHLEIN SI RISVEGLIA DAL TORPORE E, DAL FESTIVAL DELL’ECONIA DI TRENTO, AZZANNA LA DUCETTA: “SUL REDDITOMETRO È INCOERENTE E STRIZZA L'OCCHIO AI FURBI. HA GIÀ FATTO 19 CONDONI. È IPOCRITA SUL SUPERBONUS. SULLA SANITÀ DA QUANDO È A PALAZZO CHIGI HA FATTO SOLO DEI TAGLI” – LA STOCCATA SUL LIGURIA GATE: “SONO STUPITA CHE MELONI NON ABBIA DETTO UNA PAROLA SULL'ARRESTO DI TOTI” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Estratto dell’articolo di Francesca Del Vecchio e Francesco Moscatelli per “La Stampa”

 

elly schlein ferruccio de bortoli - festival economia trento elly schlein ferruccio de bortoli - festival economia trento

[…]  Schlein sembra tornata la Elly della campagna per le primarie del Pd: il contatto con la gente, senza sfuggire per colpa dei tempi stretti. Sarà l'aria trentina, «di una città con una grande storia di partecipazione». È in perfetta antitesi con la premier, che arriva in auto e quasi non si fa vedere.

 

Completo pantalone blu elettrico, sneakers bianche d'ordinanza. Un sorriso pieno sfoderato mentre tiene in mano un volantino piegato in quattro: «Me l'ha dato un militante di Stati Uniti d'Europa. Forse ha dei dubbi su chi voterò l'8 e il 9 giugno?», scherza con lo staff. Alza il braccio per salutare i simpatizzanti e non si sottrae a nessuna delle richieste di foto e strette di mano.

 

elly schlein - festival economia trento elly schlein - festival economia trento

[…] Mentre sale sul palco del Festival dell'Economia c'è ancora chi sta aspettando per prendere posto e chi non riuscirà a entrare per colpa dell'overbooking. Solo un'ora prima, sulla stessa poltrona al centro del palco c'era Giorgia Meloni, pronta a lanciare il guanto di quella sfida mancata e che, con tempi da differita, ora sembra solo posticipata. Schlein accetta il confronto a distanza. Si difende, come le dirà Romano Prodi dietro le quinte al termine dell'intervista: «Sei stata brava». Le aveva promesso di passare a salutarla, anche solo per cinque minuti. E mantiene la parola.

 

La segretaria rilancia le accuse alla premier: «Vorrei chiederle cosa aspetta, dopo 19 mesi di governo, a prendersi delle responsabilità». L'affondo è sul lavoro, tema sul quale Meloni aveva provato ad attaccarla. «Se la sinistra avesse fatto tutto bene io non sarei diventata segretaria. Ma il vero problema è che su proposte concrete come il salario minimo, questo governo non ci ha dato l'attenzione necessaria».

 

elly schlein ferruccio de bortoli - festival economia trento elly schlein ferruccio de bortoli - festival economia trento

Anche sul premierato, che Meloni definisce una riforma da «o la va o la spacca», la risposta è netta: «Se è la stabilità che vuole - le chiede Schlein - perché non ha accettato neanche una delle nostre proposte, per esempio quella della sfiducia costruttiva», ribadendo che la riforma «farà saltare l'equilibrio tra i poteri dello Stato, e che quelli del presidente della Repubblica non si toccano».

 

Quello del lavoro, però, è certamente il suo cavallo di battaglia: porta l'esempio di un vigilante «incontrato in autogrill, perché venendo da Bolzano abbiamo bucato» che aveva un contratto «da 4 euro e 70 l'ora: lo ripeto, sotto i 9 euro è sfruttamento». L'espediente narrativo delle persone incontrate per strada funziona anche sulla sanità, quando racconta di una signora di Pesaro, «malata di tumore e in attesa di una tac da mesi».

 

Rivendica la proposta di legge sulla Sanità: «Portare da qui al 2028 la spesa oltre il 7% del Pil». E denuncia «i tagli fatti dal governo», ribadendo che in generale «è fondamentale investire su assistenza domiciliare, visto che siamo ultimi in Europa. Servono più fondi per non autosufficienza, disabilità e salute mentale». […]

 

giorgia meloni al festival dell economia di trento 8 giorgia meloni al festival dell economia di trento 8

Gradisce poco, comunque, le domande di Ferruccio De Bortoli sul reperimento dei fondi per tutte le iniziative che ha in mente: solo un vago riferimento a una «tassazione progressiva», che suona tanto come «patrimoniale». Sferza Meloni «ipocrita sul Superbonus e incoerente sul redditometro», attacca il centrodestra che sul fisco «strizza l'occhio ai furbi» e ha già fatto «19 condoni». La parola chiave, semmai, è «debito comune» e vale sia per gli investimenti sulle rinnovabili, sia sull'automotive. Idem sulla difesa comune europea sulla quale si dichiara - sorprendentemente e per la prima volta in maniera così netta - «convintamente a favore».

 

Schiva la domanda sul nucleare, nicchia su Plastic e Sugar tax: non si sbilancia. Ma prova a rilanciare: «Il termine del 2035 per lo stop alla produzione di motori endotermici è raggiungibile». Con buona pace della destra che «piagnucolando a Bruxelles spera di ottenere qualcosa». Dura anche la critica a Stellantis sull'ipotesi delocalizzazioni: «Impensabile che vadano via dopo aver preso».

 

elly schlein - festival economia trento elly schlein - festival economia trento

Uscendo dal teatro, infine, c'è tempo per un'ultima stoccata al centrodestra: «Sono stupita che Meloni non abbia colto l'occasione per dire una parola sulla Liguria e sull'arresto di Toti. Ormai subisce il diktat di Salvini che chiede al governatore di resistere. È davvero il silenzio degli indecenti». E chissà come sarebbe suonata se l'avesse detta durante un vero confronto faccia a faccia.

giorgia meloni al festival dell economia di trento 9 giorgia meloni al festival dell economia di trento 9

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA D’AMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”