“È UNA DURA SCONFITTA CHE NON CI ASPETTAVAMO” - CARLO CALENDA FA L’ANALISI DEL VOTO, DOPO CHE “AZIONE” NON HA SUPERATO LO SBARRAMENTO DEL 4% - DOPO CHE NELLA BASE QUALCUNO HA CHIESTO DI RICUCIRE CON ITALIA VIVA, IL CHURCHILL DEI PARIOLI SI IMBIZZARRISCE (“E' UN OPZIONE CHE IO NON CONTEMPLO. SE VOLETE QUESTO, SENZA DI ME”), CONVOCA IL CONGRESSO DEL PARTITO A OTTOBRE E, PER QUALCHE ORA, CIRCOLANO VOCI (POI SMENTITE) SULLE SUE DIMISSIONI: “IL NOSTRO ELETTORATO E’ INCOMPATIBILE CON RENZI. SIAMO APERTI AL DIALOGO CON CENTROSINISTRA MA SU UN PROGETTO”

-

Condividi questo articolo


CALENDA RIUNISCE I SUOI, IPOTESI CONGRESSO A OTTOBRE

matteo renzi - carlo calenda - meme by osho matteo renzi - carlo calenda - meme by osho

 (ANSA) - ROMA, 10 GIU - Riunione in serata della direzione di Azione dedicata a una primissima analisi del voto, con parlamentari e presidenti provinciali. A inizio luglio dovrebbe tenersi una giornata di approfondimento e confronto sull'esito elettorale.

 

viola e carlo calenda ricevimento quirinale 2 giugno 2024 viola e carlo calenda ricevimento quirinale 2 giugno 2024

Intanto stasera, durante la riunione su zoom, a quanto si apprende, è emerso il rammarico per il mancato raggiungimento del 4%, è stata ammessa la sconfitta e si è cominciato a parlare delle prospettive del partito. In molti hanno ringraziato Carlo Calenda per l'impegno profuso in questa tornata elettorali, qualcuno dai territori ha proposto di ricucire con IV.

carlo calenda con la brigata ebraica al corteo per il 25 aprile 3 carlo calenda con la brigata ebraica al corteo per il 25 aprile 3

 

"E' un opzione che io non contemplo. Se volete questo, senza di me", il senso della risposta del leader. Che poi, a chi gli ha chiesto la convocazione del congresso, ha aperto sostenendo in sintesi che non ci sarebbero problemi a celebrarlo "ma non si può fare in pochi giorni, prima servono i congressi territoriali, poi quello nazionale". Di qui l'ipotesi emersa del congresso ad ottobre.

 

carlo calenda con la brigata ebraica al corteo per il 25 aprile 1 carlo calenda con la brigata ebraica al corteo per il 25 aprile 1

AZIONE, SMENTIAMO LE IPOTETICHE DIMISSIONI DI CALENDA

 (ANSA) - ROMA, 10 GIU - "Leggiamo con stupore sul Foglio.it di ipotetiche dimissioni di Carlo Calenda dalla segreteria di Azione. È esattamente vero il contrario: nel corso di una Direzione politica che si è tenuta oggi pomeriggio è stato posto con forza il tema del rilancio del partito e della sua iniziativa politica. Altro che dimissioni di Calenda". Così in una nota l'Ufficio Stampa di Azione.

 

CALENDA, È UNA DURA SCONFITTA CHE NON CI ASPETTAVAMO

 (ANSA) - ROMA, 10 GIU - " Azione ha avuto una dura sconfitta che non ci aspettavamo. Avevamo una lista di candidati straordinaria, un programma centrato, condotto con una campagna onorevole che ha rispettato i cittadini". Lo ha detto Carlo Calenda in una conferenza stampa nella sede di azione. "Questo percorso - ha aggiunto -non è stato sufficiente perché c'è stata una onda violentissima di polarizzazione".

carlo calenda foto di bacco (1) carlo calenda foto di bacco (1)

 

CALENDA, APERTO AL DIALOGO CON CENTROSINISTRA MA SU UN PROGETTO

 (ANSA) - ROMA, 10 GIU - "Io sono aperto al dialogo, ma, pagando, su quali valori ci può essere? Se si deve abbandonare l'Ucraina noi non ci staremo mai" Lo ha detto il leader di Azione Carlo Calenda in una conferenza stampa nella sede del partito rispondendo alla domanda su un dialogo con le altre forze del centrosinistra nell'ambito della politica italiana. "Non ho alcuna preclusione - ha aggiunto ad alleanze, ma ci deve essere un progetto politico e dei valori".

 

CALENDA, L'ELETTORATO DI AZIONE INCOMPATIBILE CON RENZI

carlo calenda elly schlein assemblea nazionale di azione carlo calenda elly schlein assemblea nazionale di azione

 (ANSA) - ROMA, 10 GIU - L'elettorato di Azione è "incompatibile" con quello di Renzi e lo dimostra il fatto che "più Europa abbia perso il 40% dei propri voti, presentandosi con Iv'. Lo ha sostenuto Carlo Calenda rispondendo ad una domanda su un suo eventuale rammarico per non aver fatto una lista unica con Più Europa e Iv, che avrebbe superato il 4%.

 

"Non lo chiedete a me - ha detto Calenda rispondendo alla domanda - perché Bonino non fa partiti con nessuno e Renzi prima li fa e poi li disfa, ma non si può far finta che le cose non siano successe. I nostri elettorati sono incompatibili. Emma si è presentata con Renzi e ha perso il 40% dei propri elettori. Noi dobbiamo quindi lavorare per essere più convincenti e per farlo apriremo la fase costituente che avevamo promesso".

carlo calenda elly schlein assemblea nazionale di azione 1 carlo calenda elly schlein assemblea nazionale di azione 1

 

CALENDA-RENZI,MACERIE AL CENTRO.FI PRONTA ALL'OPA

(di Paola Lo Mele) (ANSA) - ROMA, 10 GIU - Divisi e sconfitti. Azione, Iv e +Europa restano a bocca asciutta in una competizione elettorale che - se uniti - avrebbe permesso loro di portare in Ue le istanze liberali ed europeiste che li accomunano, e di rimpolpare il gruppo di Renew. E, invece, mancata la soglia del 4%, ora sono chiamati ad una riflessione interna: come procedere? Con chi allearsi? Concorrere ad un grande centrosinistra a trazione dem, digerendo anche i 5 stelle, o formare un polo centrista, superando i veleni interni?

 

carlo calenda allo stabilimento magneti marelli 1 carlo calenda allo stabilimento magneti marelli 1

Per ora Carlo Calenda (quasi 82mila preferenze personali) e Matteo Renzi (200 mila) non depongono le armi: il primo sostiene che l'elettorato di Azione non è compatibile con quello di Iv, il secondo punta il dito contro "l'assurda rottura del Terzo Polo: potevamo avere sette parlamentari europei riformisti, insieme. E invece sono zero. Che follia". Ma nella costruzione di un eventuale area di centro (Calenda lo chiama il polo repubblicano), gli ex terzopolisti devono vedersela con l'unico grande partito centrista in crescita: Forza Italia.

 

MEME SU MATTEO RENZI CARLO CALENDA 4 MEME SU MATTEO RENZI CARLO CALENDA 4

Antonio Tajani lo ha detto chiaro e tondo: le europee sono la "prima tappa di un lungo percorso e di una strategia per occupare lo spazio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein. Ieri e oggi l'abbiamo occupato". Parole che suonano come un'opa proprio ai danni di Azione e Italia viva e dei rispettivi elettorati: "Una futura alleanza al centro? Difficile rinunciare ad un simbolo che ha dimostrato di pesare il 10% - risponde un esponente di spicco del partito forzista - Vedremo se, dopo la debacle, qualche parlamentare verrà a bussare o vorrà ritornare....".

 

Il riferimento velato, in particolare, è agli ex forzisti passati con Calenda. Ma tra gli azzurri c'è chi auspica anche un'alleanza più strutturale con Azione, sul modello del Piemonte, Regione in cui i calendiani hanno sostenuto Alberto Cirio. Maurizio Lupi ne è certo: "Il centro è nel centrodestra. Credo che la proposta messa in campo da Antonio Tajani e da Noi moderati sia una proposta che è diventata anche da un punto di vista politico interessante per gli elettori italiani".

MEME SU MATTEO RENZI CARLO CALENDA 3 MEME SU MATTEO RENZI CARLO CALENDA 3

 

Il leader di Azione, per adesso, con una mano tiene ben chiusa la porta a Matteo Renzi, con l'altra apre uno spiraglio al centrosinistra a trazione dem: "Non ho alcuna preclusione ad alleanze, ma ci deve essere un progetto politico e dei valori". La formazione di un campo larghissimo, che va da Avs a Iv, passando per i 5stelle e Calenda, sarebbe il sogno di Elly Schlein che, però, dovrà vedersela con diversi veti incrociati.

 

carlo calenda contro renzi 3 carlo calenda contro renzi 3

Per cominciare, i dem - forti di una vittoria quasi inaspettata, chiamano tutti a raccolta: per Firenze, per esempio, dove si andrà al ballottaggio, "il Pd avrà bisogno anche dei voti di Renzi", scandisce la vicepresidente del partito Chiara Gribaudo. Quanto a Più Europa, va per la sua strada: convocherà a breve gli organismi direttivi per analizzare i motivi di un risultato che il segretario Riccardo Magi ha definito, senza mezzi termini, "pessimo". L'alleanza strutturale con Iv, su cui già Emma Bonino si era mostrata cauta, toppate le elezioni per ora non è nei radar: "Ripartiamo dai nostri temi".

MATTEO RENZI CARLO CALENDA MATTEO RENZI CARLO CALENDA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?