“ERO PIETRIFICATA, INCAPACE DI MUOVERMI E PARLARE. STO VALUTANDO SE DENUNCIARE” – MILENA CECCHETTO, CONSIGLIERE REGIONALE VENETA E LEGHISTA, ACCUSA DI MOLESTIE IL COLLEGA DI FRATELLI D’ITALIA JOE FORMAGGIO CHE REPLICA: “E’ STATO UN GESTO MAL INTERPRETATO” (SI PARLA DI UN BACIO E DI UN PALPEGGIAMENTO)- INTANTO LUI E' STATO SOSPESO DAL PARTITO - GRAMELLINI: “DOPO LE ARMI, PUTIN E  IL BUSTO DI MUSSOLINI, L’ACCUSA DI MOLESTIE A JOE FORMAGGIO GLI MANCA DI ASSALTARE MONTECITORIO VESTITO DA SIOUX”

-

Condividi questo articolo


(ANSA) Il consigliere regionale Joe Formaggio è sospeso da ogni carica e incarico in Fratelli d'Italia: la decisione, comunicata al consigliere in giornata, arriva direttamente dal coordinatore veneto FdI Luca De Carlo. La sospensione nasce dalle notizie relativi ad un'accusa di presunta molestia ai danni di una consigliera regionale da parte dello stesso Formaggio: "contestazioni gravi e delicate, non compatibili con i principi del codice etico e le regole di condotta degli iscritti", si legge nella lettera. "Ho rinviato la sua posizione alla Commissione di Garanzia, in attesa di verificare quanto denunciato e che emerga la verità", spiega De Carlo. "L'ho fatto nell'interesse di tutti, per approfondire una questione uscita tra l'altro proprio nel giorno della Festa della Donna; confidiamo quindi che si possa fare chiarezza al più presto su quanto accaduto, in attesa di eventuali altri provvedimenti".

 

 

Estratto dell’articolo di Massimo Gramellini per corriere.it

 

joe formaggio joe formaggio

Joe Formaggio non è reale, fin da quel nome che sembra uscito da un album di fumetti. Il consigliere regionale veneto di Fratelli d’Italia è il parto di un comico, di un radical-chic fazioso che gli ha versato addosso tutti i luoghi comuni sulla destra dei suoi incubi: l’odio per i rom, i gay e i migranti, che lui chiama con nomi ben più coloriti; l’amore per la carne di maiale (in funzione antislamica), le armi, Putin e Mussolini, di cui possiede un mezzobusto di mezzo metro che fa sembrare lillipuziano quello di La Russa; la passione sfrenata per la legittima difesa e per qualche illegittima offesa.

 

L’ultima sul suo conto è che avrebbe festeggiato l’otto marzo palpeggiando una consigliera leghista, Milena Cecchetto, nel palazzo del Consiglio Regionale, anche se lui sostiene di essersi limitato a darle una cameratesca manata sui fianchi per farla scendere dal bracciolo di un divano: affettuosità tra alleati. Comunque sia, con l’accusa di molestie il quadro è quasi completo: gli manca di assaltare Montecitorio vestito da Sioux.

 

(...)

 

milena cecchetto milena cecchetto

LA VERSIONE DI JOE FORMAGGIO

Estratto da open.online

 

Prima un bacio. Poi un tocco inopportuno. Infine la spinta sul divanetto. Di questo la consigliera regionale veneta e leghista Milena Cecchetto accusa Joe Formaggio, stessa carica ma con Fratelli d’Italia. Ieri il coordinatore veneto di Fdi Luca De Carlo lo ha sospeso dal partito. Affinché possa difendersi, è stato spiegato. Mentre lei ha raccontato la sua reazione: «Ero pietrificata, incapace di muovermi e parlare. Sto valutando se denunciare. Ho capito qual è la paura, atavica, che coglie molte donne davanti a simili episodi. Per me è stato uno tsunami ma mi riprenderò».

 

Il tutto sarebbe accaduto a Palazzo Ferro Fini durante una pausa del consiglio regionale. Dove i due sono colleghi di maggioranza. «Ci sono due versioni contrastanti, vogliamo che sia fatta chiarezza», ha detto Giovanni Donzelli, responsabile dell’organizzazione di Fdi. «Se qualcuno dei nostri si permettesse di molestare una donna, questo sarebbe incompatibile con i valori del partito».

JOE FORMAGGIO IMBRACCIA UN MITRA JOE FORMAGGIO IMBRACCIA UN MITRA

 

 

 

La versione di Joe

Dal canto suo Formaggio respinge tutte le accuse. «Mi scuso se c’è stata qualche incomprensione verbale o un gesto male interpretato», si è limitato a dire. Il presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti ha chiesto delucidazioni ai due capigruppo, Enoch Soranzo per FdI e Alberto Villanova per la Lega. Da quest’ultimo ieri è giunta la «solidarietà e il nostro massimo sostegno alla collega. Quanto accaduto ieri non può essere tollerato».

MILENA CECCHETTO MILENA CECCHETTO

 

(…)

GIUSEPPE CRUCIANI E JOE FORMAGGIO MANGIANO LE SARDINE GIUSEPPE CRUCIANI E JOE FORMAGGIO MANGIANO LE SARDINE JOE FORMAGGIO JOE FORMAGGIO JOE FORMAGGIO JOE FORMAGGIO JOE FORMAGGIO JOE FORMAGGIO JOE FORMAGGIO JOE FORMAGGIO SALVINI E JOE FORMAGGIO SALVINI E JOE FORMAGGIO joe formaggio joe formaggio MILENA CECCHETTO MILENA CECCHETTO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?