“FALCONE FU DURAMENTE ATTACCATO DA QUEGLI UOMINI CHE OGGI NE CANTANO LE LODI. IL TEMPO È GALANTUOMO” - PAOLO CIRINO POMICINO: “DOBBIAMO RINGRAZIARE MATTARELLA CHE SULL'ESPRESSO HA RICORDATO QUEL CHE AVEVAMO DETTO DALLE COLONNE DI DAGOSPIA. CIOÈ CHE CELEBRANDO IL MAXI PROCESSO FALCONE E BORSELLINO DETTERO UNA SVOLTA ALLA LOTTA CONTRO LA MAFIA" - "MATTARELLA HA CONFERMATO CHE SENZA IL DECRETO LEGGE ANDREOTTI-VASSALLI I BOSS SAREBBERO USCITI. LA NOSTRA DC LAVORÒ NON POCO PER FARLO APPROVARE VISTO E CONSIDERATO CHE IL PCI E L’INTERA SINISTRA VOTÒ CONTRO…”

-

Condividi questo articolo


cirino pomicino foto di bacco (2) cirino pomicino foto di bacco (2)

LETTERA DI PAOLO CIRINO POMICINO A DAGOSPIA

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Dobbiamo ringraziare il nostro amato presidente della Repubblica Sergio Mattarella che con un suo scritto sull’Espresso ha ricordato quel che avevamo detto dalle colonne di Dagospia la scorsa settimana e cioè che celebrando il maxi processo Falcone e Borsellino dettero una svolta alla lotta contro la mafia e ha inoltre confermato con il solito garbo istituzionale che senza quel decreto legge Andreotti-Vassalli i boss mafiosi sarebbero usciti per decorrenza dei termini e la sentenza di condanna non li avrebbe trovati nel carcere dell’Ucciardone.

giovanni falcone paolo borsellino giovanni falcone paolo borsellino

 

Eravamo insieme al governo, signor presidente, ma quel decreto era del settembre 1989 e non del novembre 1990 ( a distanza di 30 anni i ricordi giustamente si affievoliscono) e la nostra DC lavorò non poco per farlo approvare visto e considerato che il PCI e l’intera sinistra votò contro ostacolando non poco la sua approvazione. Anche Giovanni Falcone , come lei stesso ricorda,  fu duramente attaccato da quegli uomini che oggi ne cantano le lodi.

SERGIO MATTARELLA PAOLO CIRINO POMICINO SERGIO MATTARELLA PAOLO CIRINO POMICINO

 

Il tempo è galantuomo. Grazie signor presidente

 

Paolo Cirino Pomicino

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ESPRESSO - SPECIALE SUI TRENT'ANNI DALLA MORTE DI FALCONE E BORSELLINO ESPRESSO - SPECIALE SUI TRENT'ANNI DALLA MORTE DI FALCONE E BORSELLINO PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI cirino pomicino foto di bacco (1) cirino pomicino foto di bacco (1) paolo cirino pomicino e dago 2 paolo cirino pomicino e dago 2 PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI giovanni falcone e paolo borsellino giovanni falcone e paolo borsellino PIETRO GRASSO CON FALCONE E BORSELLINO PIETRO GRASSO CON FALCONE E BORSELLINO beppe fiorello massimo popolizio nei panni di borsellino e falcone beppe fiorello massimo popolizio nei panni di borsellino e falcone giovanni falcone paolo borsellino giovanni falcone paolo borsellino FALCONE BORSELLINO FALCONE BORSELLINO FALCONE BORSELLINO FALCONE BORSELLINO paolo cirino pomicino e dago 1 paolo cirino pomicino e dago 1

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”