“GIORGIA MELONI POTREBBE DIVENTARE LA PRIMA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DONNA D’ITALIA” – IL SETTIMANALE BRITANNICO “THE ECONOMIST” DEDICA UN ARTICOLO ALLA “DUCETTA”, NEL SUO SPECIALE “THE WORLD AHEAD”: “NEL 2022 SARÀ CORTEGGIATA DA MATTEO SALVINI, MA È BEN POSIZIONATA PER SURCLASSARLO” – “HA PORTATO AL SUCCESSO FDI TENENDOSI A DISTANZA DAL POTERE. MA PRESTO POTREBBE CAMBIARE…”

-

Condividi questo articolo


Da www.tpi.it

IL COLONNINO DELL ECONOMIST SU GIORGIA MELONI IL COLONNINO DELL ECONOMIST SU GIORGIA MELONI

 

La leader “di estrema destra” che ha portato il proprio partito a quadruplicare i propri elettori in meno di quattro anni e che nei prossimi mesi avrà “una possibilità più che concreta di diventare la prima presidente del Consiglio donna d’italia”. Così l’Economist descrive Giorgia Meloni nel suo speciale “The World Ahead”, con cui ogni anno passa in rassegna gli eventi e le personalità che hanno inciso sui 12 mesi passati e continueranno a influenzare l’immediato futuro.

 

matteo salvini giorgia meloni matteo salvini giorgia meloni

Per il 2022, l’Economist prevede che Meloni “sarà corteggiata dal leader della Lega Matteo Salvini, ma è ben posizionata per arrivare a surclassarlo, con l’inizio delle manovre in vista delle elezioni previste per giugno 2023”.

 

GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI VESPA GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI VESPA

Secondo il periodico britannico, Meloni ha portato al successo il proprio partito “tenendosi a distanza dal potere dopo essere stata all’opposizione degli ultimi tre governi”. Una posizione che potrebbe “presto cambiare” secondo l’Economist, per l’ex ministra della Gioventù, “entrata nell’ala giovanile del partito neofascista Movimento sociale italiano a 15 anni”. Meloni infatti presto avrebbe “la possibilità di consolidare la sua posizione alla guida della destra italiana” dopo aver portato Fratelli d’Italia a diventare il “partito più popolare d’Italia”.

matteo salvini giorgia meloni matteo salvini giorgia meloni CARLO FIDANZA GIORGIA MELONI CARLO FIDANZA GIORGIA MELONI matteo salvini e giorgia meloni incontrano silvio berlusconi nella sua villa a roma 10 matteo salvini e giorgia meloni incontrano silvio berlusconi nella sua villa a roma 10 VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI conferenza stampa di giorgia meloni dopo la sconfitta ai ballottaggi 1 conferenza stampa di giorgia meloni dopo la sconfitta ai ballottaggi 1 ABBRACCIO MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI ABBRACCIO MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI giorgia meloni 10 giorgia meloni 10 giorgia meloni 5 giorgia meloni 5

 

Condividi questo articolo

politica

"SI PUÒ DIRE CHE IL CENTRODESTRA È COMPATTO NELL'IDEA CHE OGNUNO SI FA I FATTI PROPRI" - MATTIA FELTRI: "GIORGIA MELONI SAREBBE ANCHE DISPOSTA A SOSTENERE DRAGHI, PURCHÉ SUBITO DOPO SI VADA A VOTARE; SALVINI SAREBBE ANCHE DISPOSTO A SOSTENERE DRAGHI, PURCHÉ NON SI VADA A VOTARE; ANTONIO TAJANI SAREBBE ANCHE DISPOSTO A SOSTENERE DRAGHI, PERÒ FORSE NO, BOH, CHISSÀ. PER FORTUNA È MOLTO COMPATTO ANCHE IL CENTROSINISTRA: MEZZO PD È DISPOSTO A SOSTENERE DRAGHI E MEZZO PD NO, INVECE MEZZO MOVIMENTO È DISPOSTO A SOSTENERE DRAGHI E MEZZO MOVIMENTO NO"