“MANCO A MOSCA AI TEMPI DELL’UNIONE SOVIETICA” – FABIO RAMPELLI SCEGLIE SEMPRE LA BATTAGLIA SBAGLIATA DA COMBATTERE: L’ULTIMA SPARATA? SI È INDIGNATO PER L’ALBERO DI NATALE DEL CAMPIDOGLIO PERCHÉ HA UNA STELLA ROSSA AL POSTO DEL SOLITO PUNTALE – SUI SOCIAL SONO PARTITE LE PERNACCHIE CONTRO IL “GABBIANO” VERSIONE GRINCH: “HASTA LA NAVIDAD, SIEMPRE” - TUTTE LE INUTILI POLEMICHE DELL'ARCI-ONOREVOLE DI FDI: LO “SFRATTO” A NAPOLEONE, LA LEGGE PER SALVARE LA LINGUA ITALIANA...

-

Condividi questo articolo


 

 

1. DOPO L’INGLESE RAMPELLI ATTACCA ANCHE IL NATALE «ROSSO»

Estratto dell'articolo di Giovanna Cavalli per il “Corriere della Sera”

 

fabio rampelli foto di bacco (4) fabio rampelli foto di bacco (4)

Fabio Rampelli ci ha visto rosso. Quando ha scorto la stella scarlatta appesa in cima all’albero di Natale del Campidoglio, l’arci-onorevole di Fratelli d’Italia ha avuto un sussulto antibolscevico di ritorno. Sfogandosi di getto su Instagram: «Incredibile ma vero (maiuscolo). Solo la Città metropolitana di Roma, governata dal Pd, poteva scegliere una stella rossa al posto di un puntale, una sfera di cristallo, una stella d’argento o d’oro, un fiocco», si è indignato (se c’era ironia non si è capito). «Chissà quale illuminato dirigente avrà scelto questo tocco “d’originalità”. Manco a Mosca ai tempi dell’Unione sovietica».

 

[…] Il suo post sui social si è attirato inevitabili frizzi e lazzi. «Eh già, voi la stella la volevate nera». «Hasta la navidad, siempre », «Del resto Babbo Natale con quella barba alla Marx e i vestiti rossi non me l’ha mai raccontata giusta». Qualcuno gli faceva perfidamente notare che «sembra la stella sul berretto del Che».

 

FABIO RAMPELLI CONTRO L ALBERO DI NATALE DEL CAMPIDOGLIO FABIO RAMPELLI CONTRO L ALBERO DI NATALE DEL CAMPIDOGLIO

Del resto il risoluto Rampelli, 63 anni, massiccio ex campione di nuoto (mondiali del 1978) e storico leader dei Gabbiani di Colle Oppio, corrente interna a FdI, ha sfrattato persino sua maestà Napoleone Bonaparte, o meglio un ritratto dell’imperatore con corona d’alloro appeso nell’anticamera del suo ufficio di Montecitorio.

 

[…] Architetto di professione, ecologista, non le mandò a dire ad illustri colleghi. Stroncando la Nuvola di Fuksas: «Un palloide tutto ferro e vetro». E l’Ara Pacis di Meier: «Una pompa di benzina». Inventore di proteste figurate con lavagnetta e ombrello, Rampelli è autore pure di una proposta di legge per salvaguardare la lingua italiana dal dilagare di termini stranieri in enti pubblici e privati (sanzioni fino 100 mila euro). «I cittadini devono poter capire, senza forestierismi».

 

2. FABIO RAMPELLI CONTRO LA STELLA ROSSA DELL’ALBERO DI NATALE IN CAMPIDOGLIO: “MANCO A MOSCA AI TEMPI DELL’UNIONE SOVIETICA”

Estratto da www.repubblica.it

 

A Fabio Rampelli non piace proprio. In quel rosso e in quella stella dell’albero in Campidoglio ci vede troppo comunismo e poco Natale. […] Che la stessa penda a sinistra non lo nota neanche. Ma non può essere un caso e comunque la pendenza dipende dal punto di vista. Vista da dietro sarebbe a destra.

 

FABIO RAMPELLI IN VERSIONE GRINCH FABIO RAMPELLI IN VERSIONE GRINCH

[…] Ma Rampelli è abituato a critiche estetica che Rampelli fa. La Nuvola di Fuksas fu “Un palloide tutto ferro e vetro”, l’Ara Pacis di Meier, “Una pompa di benzina”. A ottobre scorso la polemica aveva riguardato Napoleone.

 

Il dipinto del francese che ha fatto la storia capeggiava nel suo ufficio di Montecitorio dal 1927, ma lui lo voleva far rimuovere. La tela, dell’artista neoclassico Andrea Appiani, è di proprietà della Pinacoteca di Brera, che dal 1927 la conserva all’interno della Camera in una sorta di “deposito temporaneo”.

 

«[…] mi infastidisce il fatto che sia qui, appeso nella mia anticamera nel piano più importante di un palazzo che rappresenta il tempio della sovranità nazionale. Ecco, Napoleone ha cercato di annetterla al suo impero. Viva l’arte, ma il suo ritratto non sta nel posto giusto”. “Io ci metterei una bella opera leonardiana a sottolineare il fatto che Da Vinci era ed è italiano”, aveva concluso. […]

WORDGAMES - GIOCHI DI PAROLE - MEME BY EMILIANO CARLI WORDGAMES - GIOCHI DI PAROLE - MEME BY EMILIANO CARLI rampelli meloni rampelli meloni fabio rampelli foto di bacco (1) fabio rampelli foto di bacco (1) fabio rampelli fabio rampelli fabio rampelli foto di bacco (5) fabio rampelli foto di bacco (5) fabio rampelli fabio rampelli FABIO RAMPELLI A TAGADA - 4 FABIO RAMPELLI A TAGADA - 4 rampelli meloni la russa rampelli meloni la russa RAMPELLI COLOSIMO RAMPELLI COLOSIMO FABIO RAMPELLI FABIO RAMPELLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP