“MIO PADRE NON È MAI STATO MISSINO. E SE LO FOSSE DIVENTATO, DIFFICILMENTE SAREBBE STATO ANCORA IL MARITO DI LILIANA" – LUCIANO BELLI PACI, FIGLIO DI ALFREDO E DI LILIANA SEGRE, SMENTISCE LA STORIA DELLA CANDIDATURA DEL PADRE CON L’MSI: “QUESTA STORIA FA RIDERE, LA TIRANO FUORI CICLICAMENTE PER COLPIRE MIA MADRE, MA NON REGGE A LIVELLO DI LOGICA. FU PROPRIO LEI A RACCONTARE CHE QUEL FATTO MISE IN CRISI IL MATRIMONIO E LUI ABBANDONÒ LA POLITICA” – MA “IL SECOLO D’ITALIA” PUBBLICA LE LISTE ELETTORALI DELL’EPOCA…

-

Condividi questo articolo


Da www.iltempo.it

 

LILIANA SEGRE CON IL FIGLIO LUCIANO BELLI PACI LILIANA SEGRE CON IL FIGLIO LUCIANO BELLI PACI

La senatrice a vita Liliana Segre ha chiesto a Giorgia Meloni di rimuovere dal simbolo di Fratelli d'Italia la fiamma tricolore, in continuità con l'eredità di Alleanza Nazionale e prima ancora del Movimento sociale italiano.

 

Una richiesta respinta con decisione da Fratelli d'Italia, che ieri ha depositato il simbolo al ministero dell'Interno con la fiamma al suo posto. In questo contesto Ignazio La Russa ha ricordato, sperando "di non essere irriguardoso", che "il marito della stessa senatrice Segre, che ho personalmente conosciuto e apprezzato, si candidò con Almirante sotto il simbolo della fiamma con la scritta Msi senza ovviamente rinunciare alla sua lontananza dal fascismo", sono le parole del dirigente FdI.

segre alfredo belli paci segre alfredo belli paci

 

Il riferimento è ad Alfredo Belli Paci scomparso nel 2008, marito di Segre. Il figlio della coppia, Luciano Belli Paci, è intervenuto sulla vicenda domenica 14 agosto con un'intervista al Fatto in cui afferma: "Questa storia fa ridere, la tirano fuori ciclicamente per colpire mia madre, ma non regge a livello di logica: fu proprio lei a raccontare che quel fatto mise in crisi il matrimonio e le cose tornarono a posto perché mio padre abbandonò la carriera politica”.

GIORGIO ALMIRANTE SALUTA ROMANAMENTE GIORGIO ALMIRANTE SALUTA ROMANAMENTE

 

Belli Paci dichiara che "mio padre era un antifascista, dopo l’8 settembre 1943, da ufficiale dell’esercito, rifiutò di aderire alla Rsi e si fece due anni di campo di concentramento. Negli Anni 70, ingenuamente secondo me, aderì a un’iniziativa di cui oggi si è persa memoria che si chiamava 'costituente di destra', un’idea di Almirante per coinvolgere ambienti della destra liberale e sdoganare il Msi. Parteciparono liberali, democristiani, monarchici, perfino qualche ex partigiano (...). Un’adesione che non fu senza conseguenze.

 

liliana segre liliana segre

Lo raccontò mia madre da Fabio Fazio due anni fa, davanti a milioni di telespettatori. Quella scelta mise in crisi il loro matrimonio, la rottura rientrò quando mio padre tornò sui suoi passi scegliendo una volta in più sua moglie. Eppure, due anni dopo, riecco la storia del 'marito missino' usata per zittire Liliana Segre. Una cosa ridicola. Mio padre non lo è mai stato. E se lo fosse diventato, difficilmente sarebbe stato ancora il marito di Liliana".

 

Versione che non è sufficiente a placare le polemiche. Il Secolo d'Italia infatti contesta a Belli Paci di "sfumare" il coinvolgimento del padre con il Msi e nel farlo pubblica le liste elettorali dell'epoca sostenendo che il marito di Segre "è stato convintamente almirantiano".

Alfredo belli paci il marito di liliana segre Alfredo belli paci il marito di liliana segre

 

Il quotidiano ha pubblicato i candidati del Msi alle elezioni  politiche del 3 e 4 giugno 1979, con Belli Paci sesto in lista nella Circoscrizione Milano-Pavia. Una posizione di rilievo, spiega il Secolo, per "un candidato di prestigio, di assoluto prestigio per la Fiamma tricolore. È il 1979, siamo nel pieno degli 'anni di piombo'. E a Milano, anche solo comprare il Secolo d’Italia all’edicola, è un rischio. Candidarsi, quindi, con il Msi-Dn è una scelta di campo coraggiosa. Né tiepida, né moderata", si legge nell'articolo.

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

IN IRAN AMMAZZANO LE RAGAZZE E POI DANNO LA COLPA PER LE PROTESTE AGLI STATI UNITI - DOPO 15 GIORNI DI SCONTRI PER MAHSA AMINI, 22ENNE PRIMA ARRESTATA E POI UCCISA DALLA POLIZIA PER AVER INDOSSATO MALE IL VELO, È INTERVENUTO L'AYATOLLAH ALI KHAMENEI: "QUESTE RIVOLTE SONO STATE PROGETTATE DALL'AMERICA E DAL FALSO REGIME SIONISTA" - NEL MENTRE GLI SCONTRI NON SI FERMANO, LE DONNE SI LEVANO IL VELO IN SEGNO DI PROTESTA E I MANIFESTANTI CONTINUANO AD ESSERE UCCISI PER LA STRADA - VIDEO