“MOLLALO, IL DAMERINO” – SALVINI A BERGAMO ASSEDIATO DAI LEGHISTI PURI E DURI CHE GLI CHIEDONO DI MOLLARE DI MAIO - ALLA TRUPPA LEGHISTA NON DISPIACEREBBE LA PROVA DI FORZA: ''CI ALLEIAMO CON LA MELONI, ANDIAMO ALLE ELEZIONI E LE VINCIAMO". SOLO LA MELONI? E BERLUSCONI? "MA SE NON STA PIÙ NEANCHE IN PIEDI..." – LE SCIURE CHE RINNEGANO BOSSI, LE BATTUTE SULLA DIETA A BASE DI BIG MAC E I SELFIE…

-

Condividi questo articolo

Alberto Mattioli per “la Stampa”

 

matteo salvini a bergamo 4 matteo salvini a bergamo 4

«Rompe mia i balle», che non ci rompano, sì, insomma, avete capito cosa. Come analisi politica, è forse un po' elementare. Però la base leghista i grillini, almeno quelli attuali di lotta alla Lega e di governo insieme con la Lega, li vede così. Certo, la linea del partito è un' altra: in generale il governo sta facendo bene, in particolare la Lega sta facendo meglio del M5S, quindi di crisi per ora non si parla, nonostante i Consigli dei ministri con rissa.

 

matteo salvini a bergamo 3 matteo salvini a bergamo 3

Matteo Salvini lo ripete per l' ennesima volta a Bergamo, all' inaugurazione della sede elettorale del candidato sindaco Stucchi, per inciso molto favorito sull' uscente Giorgio Gori. È un negozietto di periferia tappezzato di manifesti elettorali dell' aspirante primo cittadino con lo slogan "Chiamatemi Giacomo" (e tutti i diversamente giovani che si ricordano di quando gli spot si chiamavano ancora réclame chiosano subito: «Sarò la tua birra»).

 

MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO INNAMORATI MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO INNAMORATI

La sede è così piccola e gli astanti così numerosi che Salvini comizia sulla soglia, rivolto verso la strada: «Io il governo voglio tenerlo in vita finché è possibile. Abbiamo fatto molto e molto vogliamo ancora fare. Nessuno ha nostalgia di Monti e della Fornero».

 

E giù applausi, anche alle forze dell' ordine che hanno già beccato l' antagonista che in mattinata aveva imbrattato di vernice rossa la vetrina leghista (già perfettamente pulita, peraltro: «Eh, caro lei, qui quando si tratta di lavurà non ci batte nessuno...»).

 

GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY

Sarà. Però la sciura Marisa, pensionata, la figlia Debora, disoccupata, e l' amica Maria Stella, pure pensionata, leghiste quasi dalle origini, poi un po' disamorate dal crepuscolo dell' era Bossi («È quello lì che ha fatto fuori i 49 milioni, mica il Matteo») e adesso tutte per il Capitano, preferirebbero un' altra linea: «Al Matteo vorrei dirglielo: mollalo, il damerino». Il damerino? «Ma sì, Di Maio, noi lo chiamiamo così. È lui che deve decidere: o dentro o fuori. E lasci lavorare il Matteo che finalmente ha fermato gli sbarchi».

 

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

 

 

 

Sì, ma poi una volta abbandonato Giggino al suo destino, che si fa? Una maggioranza alternativa in Parlamento non c' è. «Ci alleiamo con la Meloni, andiamo alle elezioni e le vinciamo». Solo la Meloni? E Berlusconi? «Ma se non sta più neanche in piedi...». Però, da brave leghiste fedeli alla linea, le tre sono magari in disaccordo sulla sua strategia, ma "il Matteo" non lo discutono: «Al vote vinte olte Salvini», speriamo si scriva così, che in bergamasco significa: Salvini lo voterei venti volte.

 

Insomma, Movimento o non Movimento, this is the question. E, al netto di tatticismi, gli umori sono alquanto per il non Movimento. Un po' perché esasperata dalle continue polemiche, un po' perché gasata da un consenso in crescita («Li hai visti i sondaggi? Ci danno al 37%»), alla truppa leghista non dispiacerebbe la prova di forza. I quadri locali lo sanno. Prendete Daniele Belotti, deputato di Bergamo, ultrà dell' Atalanta e reboante speaker all' annuale garden party di Pontida: «Sì, è vero che i nostri sono irritati dagli attacchi dei Cinque stelle. I grillini stanno alzando inspiegabilmente il tiro.

matteo salvini a bergamo 2 matteo salvini a bergamo 2

 

Ma è una dimostrazione di debolezza, non di forza. Le europee si avvicinano e i sondaggi li vediamo tutti. Per questo ai nostri militanti dico: guardiamo i fatti. Fra un po' il governo avrà un anno di vita e il suo consenso è ancora altissimo. Una luna di miele così lunga non si era ancora vista. La crisi non conviene a nessuno».

 

Ancora più sbrigativo Paolo Grimoldi, segretario "nazionale" della Lega lombarda: «È molto semplice. Ci sono le europee, si vota con il proporzionale e c' è bisogno di farsi vedere. Tutto qui. Di crisi parlate solo voi giornalisti».

 

matteo salvini a bergamo 1 matteo salvini a bergamo 1

Intanto alla coda implacabile sotto la pioggia per il selfie con Salvini un gruppo di leghisti giovani discute chi sia peggio fra Di Maio, Toninelli, la Castelli e la Lezzi (Toninelli pare saldamente in testa nella classifica dell' alto sgradimento). Lui, il Capitano, si fa fotografare pazientissimo con chiunque glielo chieda, una maratona di sorrisi affrontata in maniche di camicia nonostante rinfreschi e l' outfit riveli un po' di pancia, diciamo così, istituzionale: «Che vuoi? Ieri sera (quella del tesissimo Cdm, ndr) ho mangiato un Big Mac all' una del mattino, come faccio a dimagrire?». Colpa dei grillini anche questa.

MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO BY LUGHINO MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO BY LUGHINO LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI

 

Condividi questo articolo

politica

“L’ITALIA È DIVENTATA UNA SOCIETÀ SIGNORILE DI MASSA” - LUCA RICOLFI, NEL SUO ULTIMO LIBRO, SPIEGA COME SIA POSSIBILE CONCILIARE LA FINE DELLA CRESCITA ECONOMICA CON IL CONSUMO OPULENTO - “SIAMO DIVENTATI SIGNORI SENZA ESSERE STATI CAPITALISTI. IL CONSUMO ECCEDE I BISOGNI ESSENZIALI, SUPERA IL TRIPLO DEL LIVELLO DI SUSSISTENZA E SI REGGE SU TRE PILASTRI. LA RICCHEZZA REALE ACCUMULATA DAI NONNI, LA DISTRUZIONE DELLA SCUOLA E LA FORMAZIONE DI UN'INFRASTRUTTURA SCHIAVISTICA…”