“NON DARÒ MAI A LETTA E A CONTE LA SODDISFAZIONE DI MASSACRARE L'ITALIA PER DUE ANNI” - SALVINI LANCIA LA SUA FATWA A PD E M5S E ALLO STESSO TEMPO SCACCIA L’IPOTESI DELL’USCITA DELLA LEGA DAL GOVERNO: “QUI STIAMO E QUI COMBATTIAMO A NOME VOSTRO. POI ALCUNE LE VINCIAMO E ALTRE LE PERDIAMO. NOI VOGLIAMO CONFERMARE QUOTA 100 E TOGLIERE IL REDDITO DI CITTADINANZA” - GIORGETTI: “CON SALVINI ANDIAMO D'AMORE E D'ACCORDO”

-

Condividi questo articolo


enrico letta matteo salvini meeting rimini enrico letta matteo salvini meeting rimini

SALVINI, NON DARÒ A LETTA-CONTE SODDISFAZIONE MASSACRO ITALIA

 (ANSA) - "Stare al governo con il Pd e i 5 Stelle, con Letta, Conte e Di Maio, non è facile": lo ha detto Matteo Salvini, segretario della Lega durante un incontro elettorale a Bovolone, nel Veronese. "Ti alzi la mattina - ha spiegato - e quello vuole lo ius soli, un altro la patrimoniale, un altro ancora vuole il ddl Zan".

 

"La scorsa settimana - ha proseguito - hanno approvato, e ne sono felice, una legge in Commissione, per coltivarsi quattro piantine di cannabis in casa e farsi le canne a casa. Come se la priorità al momento fosse questa". "Per noi la priorità è il lavoro, non la droga, lo ius soli o il ddl Zan" ha aggiunto.

giuseppe conte matteo salvini meeting rimini giuseppe conte matteo salvini meeting rimini

 

"Però proviamo a pensare per 30 secondi a un governo senza la Lega: questi in un minuto approvano lo ius soli, il ddl Zan. Adesso di sbarchi per i miei gusti ce ne sono già troppi, figurarsi cosa succederebbe". E ha concluso: "Io non darò mai a Letta e a Conte la soddisfazione di massacrare l'Italia per due anni: noi qui stiamo e qui combattiamo a nome vostro. Poi alcune le vinciamo e altre le perdiamo, perché essere soli contro tutti non è semplice. Quindi continuiamo a dare battaglia".

 

CONTE SALVINI CONTE SALVINI

QUOTA 100:SALVINI,RESTI E SI CANCELLI REDDITO DI CITTADINANZA

 (ANSA) - "Nelle prossime settimane in Parlamento si confronteranno due idee diverse: Pd e 5 Stelle proveranno a cancellare Quota 100 per tornare alla legge Fornero e confermare il reddito di cittadinanza. Noi vogliamo fare l'esatto contrario: confermate Quota 100 e togliere il reddito di cittadinanza".

 

matteo salvini e giancarlo giorgetti 8 matteo salvini e giancarlo giorgetti 8

Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini parlando a Bovolone, nel Veronese, durante un incontro per la campagna elettorale delle prossime comunali. "Vogliamo toglierlo alle centinaia di migliaia di persone che lo prendono senza meritarlo, senza averne diritto - ha spiegato - C'è gente che qui si alza alle 6 della mattina per portare a casa 700-800 euro al mese, non è possibile che ci sia gente che porta a casa gli stessi soldi dicendo 'no grazie, non voglio un lavoro perché preferisco stare a casa'. Quindi è garantire un'integrazione al reddito per chi non piotò lavorare, per gli anziani, per i disabili, per quelli che hanno la schiena rotta è sacrosanto".

 

matteo salvini e giancarlo giorgetti 6 matteo salvini e giancarlo giorgetti 6

E ha aggiunto: "Ma bisogna toglierlo a tutti quelli che non hanno voglia di lavorare. Ci sono agricoltori, pizzaioli, che magari offrono un posto di lavoro e si sentono dire 'no grazie, perché per un anno e mezzo io sono a posto". Quindi ha concluso: "Se qualcuno proverà a tornare alla legge Fornero, la Lega farà le barricate dentro e fuori dal Parlamento. Cinque anni ai lavoratori e alle lavoratrici non si rubano"

 

LEGA: GIORGETTI, SALVINI? ANDIAMO D'AMORE E D'ACCORDO

MATTEO SALVINI E GIANCARLO GIORGETTI ALL HOTEL MIAMI DI MILANO MARITTIMA MATTEO SALVINI E GIANCARLO GIORGETTI ALL HOTEL MIAMI DI MILANO MARITTIMA

 (ANSA) - "Con Salvini andiamo d'amore e d'accordo". Lo ha detto il ministro per lo Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti della Lega subito dopo il taglio del nastro del Micam, il salone internazionale del settore calzaturiero, a chi gli chiedeva dei rapporti con il leader leghista.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE