“ORBAN È UNA PEDINA DI TRUMP E PUTIN” – SCATTA IL PROCESSO NEI CONFRONTI DEL LEADER UNGHERESE ACCUSATO DI TENTARE DI “SVENDERE” L’UCRAINA ALLA RUSSIA E METTERE IN PERICOLO LA DEMOCRAZIA EUROPEA – IL PIANO DEI LEADER DELL’UNIONE PRESENTI AL VERTICE NATO (GERMANIA E PAESI BALTICI IN TESTA) È QUELLO DI TOGLIERE LA PRESIDENZA DI TURNO DELL’UE ALL’UNGHERIA - OGGI A BRUXELLES LA RIUNIONE DEGLI AMBASCIATORI PER AMMONIRE BUDAPEST – LA PROCEDURA PER SFIDUCIARE L’ALLEATO DI SALVINI E LE PEN

-

Condividi questo articolo


Claudio Tito per la Repubblica - Estratti

 

viktor orban vladimir putin viktor orban vladimir putin

Un vero e proprio processo. Sul banco degli imputati, il primo ministro ungherese Viktor Orbán. L’accusa: tentare di “svendere” l’Ucraina alla Russia e mettere in pericolo la democrazia europea.

 

Oggi il Coreper, il comitato che a Bruxelles riunisce gli ambasciatori dei 27 Stati membri dell’Ue, ha inserito il “caso Budapest” nel suo ordine del giorno, alla voce “varie”. Perché ormai il premier magiaro e le sue visite a Mosca e Pechino sono diventate una questione da affrontare e chiudere rapidamente.

 

Trump e Putin Trump e Putin

I leader europei presenti al summit Nato (compreso lo stesso Orbán) ne hanno parlato informalmente. E la prima conseguenza messa in campo è il “boicottaggio” di fatto della presidenza ungherese. I primi vertici informali lo stanno confermando: molti Paesi delegano i funzionari anziché assicurare la presenza dei ministri. Nessuno, insomma, vuole farsi coinvolgere nelle manovre orbaniane.

 

Il capo ungherese è ormai diventato una spina nel fianco dell’Ue e anche una scheggia impazzita dentro l’Alleanza Atlantica. Al punto che diversi Paesi europei stanno valutando di revocargli la presidenza di turno dell’Unione.

 

VIKTOR ORBAN XI JINPING VIKTOR ORBAN XI JINPING

Procedura possibile ma molto complicata. Che richiederebbe un voto del Consiglio europeo, ossia l’istituzione che ha approvato il calendario dei turni.

 

Ma si tratterebbe di un iter lungo e sterile. È vero, però, che in base ai Trattati europei la presidenza di turno dovrebbe lavorare in coordinamento con il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e con l’Alto rappresentante, Josep Borrell.

 

Le missioni svolte nei giorni scorsi sono invece di segno opposto. Per non parlare della necessità di concordare la linea con il cosiddetto “Trio”, ossia la presidenza di turno precedente e quella successiva: Belgio e Polonia. Ed è proprio il governo di Varsavia ad aver alzato la voce contro Orbán per la sua pericolosa amicizia con Putin e per l’ostilità nei confronti dell’Ucraina.

Trump e Putin 2 Trump e Putin 2

 

Il primo ministro ungherese, poi, si è mosso facendosi portavoce di un soggetto esterno alle istituzioni, ossia l’ex presidente Usa Donald Trump. È stato il giornale russo Izvestia a confermare quel che Repubblica aveva anticipato: Orbán si muove su mandato del Tycoon americano.

 

(…) I capi di governo dell’Ue presenti a Washington hanno allora convenuto sulla necessità di adottare delle contromisure. Arginare subito l’attivismo di Orbán in politica estera piantando in profondità una serie di paletti già al Coreper che contesterà la legittimità delle visite compiute in questa prima settimana di presidenza.

 

viktor orban e volodymyr zelensky viktor orban e volodymyr zelensky

Ma il “caso Budapest” resta comunque più ampio. Non è un caso che, oltre alla richiesta avanzata da alcuni paesi, tra cui la Polonia, di revocare all’Ungheria il semestre di presidenza (soluzione come detto complicata), torna in discussione l’eventualità di attivare il famigerato articolo 7 che prevede la sospensione dei diritti a disposizione di uno Stato membro: la sostanziale espulsione dall’Unione. Un’ipotesi un tempo considerata solo scolastica e che ora sta entrando a pieno titolo nel dibattito tra i partner.

 

Un provvedimento che può essere giustificato dalla violazione dei principi fondamentali dell’Unione, come il rispetto della democrazia e che richiederebbe in Consiglio europeo un voto a maggioranza qualificata di quattro quinti, ossia 22 Stati membri su 27. L’avviso è lanciato.

viktor orban incontra matteo salvini a roma viktor orban incontra matteo salvini a roma

viktor orban viktor orban

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)