“IL PD NON E’LA PROSECUZIONE DEL PCI” – LA SCELTA DI ELLY SCHLEIN DI METTERE ENRICO BERLINGUER SULLE TESSERE DEM FA INCAZZARE IL POPOLARE CASTAGNETTI, GIANNIZZERO DI MATTARELLA, E LA MINORANZA CATTOLICA DEL PD: “SE ELLY VUOLE UN PARTITO CHE SIA UNA VERSIONE AGGIORNATA DEL PCI TANTI SALUTI, NOI NON CI SIAMO. MI AUGURO CHE NEL 2025 SULLA TESSERA DEL PD CI SIANO ALTRI VOLTI, TIPO DE GASPERI…”

-

Condividi questo articolo


CASTAGNETTI, 'NON PUO' ESSERE CONTINUAZIONE PCI, SU PROSSIMA TESSERA FOTO DE GASPERI'

schlein tessera pd con berlinguer schlein tessera pd con berlinguer

(Adnkronos) - "Non metto in dubbio la forza del pensiero e il profilo di Berlinguer. Ma il Pd non è prosecuzione del Pci. Siamo altra cosa e non possiamo accettarlo. Se Elly Schlein vuole un partito che sia una versione aggiornata del Pci tanti saluti. Noi non ci siamo. È una scelta ma si abbia il coraggio di dirlo.

 

Mi auguro che nel 2025 sulla tessera del Pd ci siano altri volti". Tipo don Sturzo, "ma non l'unico. Anche De Gasperi". Lo dice Pierluigi Castagnetti, ultimo segretario del Partito popolare italiano e animatore dell'associazione 'I Popolari' in un'intervista a 'Il Giornale'. (Red-Pol/Adnkronos)

 

SCHLEIN, NOSTALGIA CANAGLIA: BERLINGUER SULLE TESSERE PD

Andrea Bulleri per "il Messaggero" - Estratti

 

schlein tessera pd con berlinguer schlein tessera pd con berlinguer

Operazione nostalgia. Mentre a Bari si contano le macerie del campo largo Pd-Cinquestelle e anche l'ultimo tentativo di mediazione sul nome dell'ex magistrato Nicola Colaianni nel giro di 48 ore si scioglie come neve al sole Elly Schlein riparte dai fondamentali. «When in trouble, go big», consigliava Barack Obama: quando sei in difficoltà, gioca pesante. Almeno sui simboli.

 

Ed ecco che a due mesi dalle Europee, la segretaria dem chiede "aiuto" al suo predecessore più illustre: Enrico Berlinguer. Il cui volto (o meglio: solo gli occhi, sorridenti) campeggerà sulla tessera Pd 2024. Accompagnato da una frase del suo ultimo comizio, quello di Verona del 1984, durante il quale il leader del Pci accusò il malore che lo avrebbe fatto spegnere pochi giorni dopo: «Strada per strada, casa per casa». Un imperativo, per la segretaria.

schlein berlinguer schlein berlinguer

 

Con l'obiettivo, nelle urne di giugno, di consolidarsi come prima forza dell'opposizione. Accorciando le distanze da Giorgia Meloni e allungando quelle da Giuseppe Conte, pur senza mettere «asticelle» minime di successo («portano iella»).

 

 

pierluigi castagnetti pierluigi castagnetti

«Un omaggio e una grande responsabilità» mettere l'immagine di Berlinguer sulla tessera, dice Schlein. Che ha avuto l'idea visitando la mostra dedicata al segretario comunista. E che annuncia la mossa dalla nuova sede della Stampa estera a Palazzo Grazioli, nelle stanze che furono dimora di Silvio Berlusconi (e nelle quali la leader si concede un rapido tour a fine conferenza stampa, passaggio "segreto" dietro la libreria compreso: «Non potevo non approfittarne», scherza coi cronisti).

 

Una scelta che punta a parlare agli elettori della sinistra di ieri e di oggi (anche se la minoranza degli ex Margherita borbotta). 

schlein mostra berlinguer schlein mostra berlinguer

 

(...)

pierluigi castagnetti pierluigi castagnetti

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO