“PRESIDENTE, HO CHIESTO A TUTTI DI EVITARE QUESTE USCITE” – GIORGIA MELONI SENTE SPESSO DRAGHI PER AGGIORNARLO E RAGIONARE DEI DOSSIER DEL PNRR, E LUI NON SI NEGA. MA QUANTO POTRÀ DURARE QUESTO SCAMBIO DI CORTESIE, DI FRONTE AI CONTINUI ATTACCHI DEI SUOI MINISTRI A “MARIOPIO”? LA FRONDA DEI FALCHI CHE VOGLIONO SCARICARE LA COLPA SU DRAGHI PER I RITARDI DEL PNRR CRESCE DI GIORNO IN GIORNO. IERI ANCHE IL COGNATO DELLA MELONI, FRANCESCO LOLLOBRIGIDA, HA CRITICATO IL PNRR DELL’EX PRESIDENTE DELLA BCE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Tommaso Ciriaco per “la Repubblica”

 

MARIO DRAGHI E GIORGIA MELONI MARIO DRAGHI E GIORGIA MELONI

Un governo nel governo. Trasversale. Conquista posizioni, guadagna voce. Sono i "falchi" del Pnrr, quelli decisi ad attaccare Mario Draghi e il suo lavoro sul Recovery. […] Negli ultimi giorni […] questo gruppone si è allargato. Ha messo all'angolo le "colombe".

 

E ha iniziato a pressare Giorgia Meloni, finora sempre attenta ad evitare il frontale con il suo predecessore. Questi falchi, adesso, puntano al bersaglio grosso: vogliono una presa di distanza netta dall'ex banchiere, necessaria per provare a difendersi da eventuali mancanze certificate dall'Europa.

 

FRANCESCO LOLLOBRIGIDA AL SALONE DELLA BIRRA FRANCESCO LOLLOBRIGIDA AL SALONE DELLA BIRRA

[…] Un segnale importante, in questo senso, è stato registrato poche ore fa. Francesco Lollobrigida, il ministro più vicino alla premier, ha attaccato con toni inediti: «Il Pnrr era un piano fatto in fretta e furia per spendere e a volte non per farlo bene - ha detto il titolare dell'Agricoltura - In ogni ministero riscontriamo che ci sono misure fatte per utilizzare i fondi, ma non in maniera adeguata».

 

[…] È un passaggio chiave. Che non cancella il rapporto tra Meloni e Draghi, ma certo non lo semplifica. I due continuano a sentirsi, di tanto in tanto. O meglio: raccontano che Meloni continui a contattare l'ex banchiere. Lo aggiorna, ragiona di alcuni dossier. Riferiscono anche che Draghi, pur considerando esaurito il compito di assicurare una transizione ordinata, non risparmi ascolto. Adesso, però, il continuo flusso di accuse dei ministri inizia a pesare. E potrebbe lasciare il segno, congelare un confronto.

DRAGHI MELONI DRAGHI MELONI

 

[…] Nel frattempo, Meloni sente Draghi. «Presidente - è il senso dei suoi ragionamenti - ho chiesto a tutti di evitare queste uscite». Ma il peso dei falchi continua a crescere. A Repubblica, ieri, la premier dice: «Non criticherò mai chi ha ricoperto la carica fino a poche settimane fa. Ma è un dato incontrovertibile che dei 55 obiettivi da centrare entro fine anno a noi ne sono stati lasciati trenta». E ancora: «Fitto bene ha fatto a suonare la sveglia a tutti i centri di spesa. Detto questo, se qualcosa mancasse all'appello non sarebbe colpa nostra».

 

MARIO DRAGHI GIORGIA MELONI - BY EDOARDO BARALDI MARIO DRAGHI GIORGIA MELONI - BY EDOARDO BARALDI

Proprio Fitto, che ha la responsabilità del Piano, è in allarme. Più per i cantieri da aprire nel 2023 che per gli impegni 2022. Evita accuse pubbliche. Parla con la Commissione Ue. Nei prossimi giorni, se necessario, varerà decreti con la "quota" di riforme pretese dal Pnrr che il governo non è riuscito ad approvare. Non significa che non difenderà il suo lavoro. Anzi, prepara un'operazione trasparenza. Tabelle con numeri e lavoro svolto. La partita del Pnrr è appena cominciata.

LA DRAGHETTA - BY EMAN RUS LA DRAGHETTA - BY EMAN RUS giorgia meloni mario draghi giorgia meloni mario draghi GIORGIA MELONI E MARIO DRAGHI GIORGIA MELONI E MARIO DRAGHI GIORGIA MELONI E MARIO DRAGHI GIORGIA MELONI E MARIO DRAGHI giudizi sul governo draghi e sul possibile governo meloni sondaggio demos 8 ottobre 2022 giudizi sul governo draghi e sul possibile governo meloni sondaggio demos 8 ottobre 2022 GIORGIA MELONI - MARIO DRAGHI - VIGNETTA BY ALTAN GIORGIA MELONI - MARIO DRAGHI - VIGNETTA BY ALTAN MARIO DRAGHI E GIORGIA MELONI MARIO DRAGHI E GIORGIA MELONI mario draghi giorgia meloni alfredo mantovano mario draghi giorgia meloni alfredo mantovano

 

Condividi questo articolo

politica

I "KAMICAZZONI" DELLA MELONI - L'"IDEOLOGO" SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA FAZZOLARI ATTACCA LA BANCA D'ITALIA. IL PRESIDENTE DEL SENATO LA RUSSA TRA IL SERIO E IL FACETO SE LA PRENDE CON IL CAPO DELLO STATO. CROSETTO INVOCA "IL MACHETE" PER DISBOSCARE GLI ALTI RAMI DELLA BUROCRAZIA. URSO TRATTA CON I BENZINAI E QUELLI SCIOPERANO LO STESSO. SONO I CAMPIONI DEL "TIRO ALLA GIORGIA". MIRANO, TIRANOE CENTRANO LA PREMIER-BERSAGLIO. A CUI TOCCA DALL'INDOMANI METTERSI PAZIENTEMENTE A RAMMENDARE…"

RENZI, SEGNATI QUESTA: “LA SATIRA È ESPRESSIONE DI LIBERTÀ DEMOCRATICA E UN UOMO POLITICO DEVE SEMPRE TOLLERARLA” – MATTEUCCIO PERDE LA CAUSA E DOVRÀ RISARCIRE CON 42MILA EURO MARCO TRAVAGLIO PER IL CELEBRE ROTOLO DI CARTA IGIENICA CON SOPRA LA FACCIA DELL’EX PREMIER COMPARSO IN DIRETTA TV ALLE SPALLE DEL DIRETTORE DEL FATTO - RENZI AVEVA CHIESTO 500MILA EURO PER DANNI. IL TRIBUNALE GLI HA DATO TORTO ACCUSANDOLO ANCHE DI AVER ABUSATO DELLO STRUMENTO PROCESSUALE – COSA DICE LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: "LA SATIRA AI POLITICI E' L'ANIMA DELLA DEMOCRAZIA" - VIDEO