“L’ALLEANZA PD-M5S E’ UNA BARZELLETTA” - PIGI BATTISTA SCATENATO: “IL VECCHIO REGIME SI RICOMPATTA PER NON FAR VINCERE SALVINI. SAREBBE LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA CHE SI FORMA UN GOVERNO NON PER FARE QUALCOSA, MA PER NON VOTARE” - CALCIONE A GIULIANO FERRARA: “CHE SPETTACOLO: I SALTI ACROBATICI DI TUTTI QUELLI CHE HANNO TRATTATO I 5 STELLE COME IL DEMONIO E ADESSO..."

-

Condividi questo articolo

PIERLUIGI PIGI BATTISTA PIERLUIGI PIGI BATTISTA

Alessandro Rico per “la Verità”

 

Pierluigi Battista, che succede? Matteo Salvini ha compiuto un miracolo?

«Un miracolo, dice?».

 

Non ha visto? Ha messo d' accordo Beppe Grillo e Luigi Di Maio con il «partito di Bibbiano», Il Foglio con Il Fatto Quotidiano, il Rottamatore Matteo Renzi con il rottamato Massimo D' Alema

«Ah certo. L'ancien régime che si ricompatta per non far vincere Salvini. La democrazia parlamentare usata come scudo umano».

 

Renzi invoca proprio quella.

Salvini Di Maio Salvini Di Maio

«Una delle caratteristiche di questa crisi pazza: si usano espressioni vuote».

 

Ad esempio?

«"Deve decidere il presidente della Repubblica"».

 

Non è vero?

«Certo che è vero. Ma quello che deve decidere è se c'è una maggioranza politica alternativa. E questo non mi pare sia emerso con chiarezza».

 

Dice che non ci sono le basi per un' alleanza tra Pd e 5 stelle?

«Io in linea di principio non sono contrario alle coalizioni tra diversi. Ma dev' essere una cosa seria. Questa è una barzelletta».

pierluigi battista foto di bacco pierluigi battista foto di bacco

 

Una barzelletta?

«Ma sì. Niente a che vedere, ad esempio, con quello che succede in Germania».

 

Graziano Delrio ha suggerito proprio di arrivare a un contratto alla tedesca.

«Ma per favore. In Germania, se cristiano-democratici e socialdemocratici decidono di fare un governo insieme, passano dei mesi, durante i quali i partiti analizzano dettagliatamente i programmi. L'Spd ha lanciato un referendum tra i propri iscritti, la Cdu ha passato la proposta al vaglio dell' assemblea del partito. Qui si fa tutto in qualche giorno. Quella di Pd e 5 stelle cos' è? Una burla. La burla della democrazia parlamentare».

 

LUIGI DI MAIO E MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO E MATTEO SALVINI

Pierluigi Battista, editorialista del Corriere della Sera, ha il tono concitato. Le voci di accordo tra Partito democratico e Movimento 5 stelle per evitare di andare al voto sembrano averlo indignato. Basta scorrere il suo profilo Twitter, dove qualche giorno fa ha battagliato con Giuliano Ferrara: «Io voglio solo andare a votare», ha scritto al fondatore del Foglio, «tu vai con quelli che negano lo sbarco sulla Luna».

 

Secondo lei dem e grillini, dopo essersi insultati per anni, potrebbero davvero governare insieme?

«Impossibile. Ma non tanto per gli insulti in sé. È che sono arrivati alla totale delegittimazione reciproca. Il Movimento 5 stelle ha chiamato il Pd "il partito di Bibbiano".».

salvini e di maio ai lati opposti dei banchi del governo salvini e di maio ai lati opposti dei banchi del governo

 

Anche «un punto di riferimento per il crimine». Questa è di Alessandro Di Battista.

«Appunto. Ma pure il Pd ne ha dette di tutti i colori: "Cialtroni", "buffoni" C'è quasi un' inconciliabilità antropologica. È come se, nella prima Repubblica, dall' oggi al domani, il Pci e il Msi avessero deciso di fare un governo insieme, con qualche transfuga di altri partiti, per mettere all' angolo la Dc. Ci sarebbe sembrata una cosa seria?».

 

In effetti... Però, appunto, questi si appellano al senso di responsabilità, alla necessità di sterilizzare l' aumento dell' Iva

«Quanta ipocrisia. Guardi, sarebbe la prima volta nella storia dell'Italia repubblicana che si forma un governo non per fare qualcosa, ma per non votare, perché si sa benissimo che si perderebbero le elezioni».

matteo renzi luigi di maio matteo salvini matteo renzi luigi di maio matteo salvini

 

Si scrive «democrazia parlamentare» ma si legge «abbiamo paura di andare al voto»?

«C'è un vulnus della democrazia: il popolo guardato come qualcosa di cui diffidare».

 

Possibile che capiti pure ai 5 stelle, quelli che invocavano la democrazia diretta?

«Be', come il Pd, sono alla canna del gas».

 

E non è comprensibile che un partito voglia evitare il tracollo?

«Senta, io passo per salviniano - il che è assurdo: non voterò Salvini, probabilmente non voterò nessuno - ma il punto è che in democrazia gli avversari si sconfiggono politicamente».

 

Nell'era dei leader carismatici e dei sondaggi, che lo stesso Renzi ha cavalcato e plasmato, si può ignorare l'opinione pubblica e pensare solo ai numeri in Parlamento?

«Mi sta bene che si dica: non possiamo agire solo inseguendo i sondaggi. Ma allora che si vada alle elezioni! Mi sembra piuttosto che la questione sia: non andiamo a votare perché c'è uno che non siamo in grado di battere. Sta qui l'assurdità dei riferimenti alla democrazia parlamentare».

pierluigi battista foto di bacco pierluigi battista foto di bacco

 

Cioè?

«Contrapporre, alla democrazia elettorale, una democrazia parlamentare concepita come una trincea in cui arroccarsi per arginare quello che loro chiamano il populismo. A meno che».

 

A meno che?

«A meno che non si dica - e qualcuno lo sostiene esplicitamente - che Salvini è un nazista. E allora contro i nazisti qualunque mezzo è buono, pure un governo d' emergenza tra partiti incompatibili. Ma l'emergenza nazionale sarebbe che il 34% degli italiani vota Salvini?».

 

Se qualcuno obiettasse che non possiamo votare ogni anno?

«In Spagna votano continuamente. Non è un dramma. È la fisiologia democratica. In Grecia, Alexis Tsipras, che non mi pare sia un fascistone, quando ha perso le europee ha indetto nuove elezioni politiche. Si rivoterà in Austria, si voterà in Polonia. Si vota. Non c' è nessuno scandalo».

MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO

 

In sostanza, solo da noi non si voterebbe.

«Perché qui, appunto, si contrappone la democrazia parlamentare come il regno dell'ordine, alla democrazia elettorale come il caos. Il popolo sudato, il popolo del Papeete. E questo aggraverà la frattura che si è creata già il 4 marzo 2018».

 

Il cordone sanitario anti Salvini finirebbe con il favorire lui?

«L'inciucione non potrà che durare poco. E nel frattempo la gente si sarà eccitata: "Voi non ci date la parola perché sapete che voteremmo diversamente da come volete voi, per cui fate un pastrocchio in Parlamento? E noi vi facciamo vedere". Immagini una cosa».

 

salvini di maio salvini di maio

Che cosa?

«Se anche Forza Italia si unisse all'inciucione. I 5 stelle finirebbero al governo con Silvio Berlusconi».

 

Quello che loro e il Fatto hanno sempre dileggiato come Mister B.

«Ecco, appunto. Se lo immagina? E con questo torno alla sua domanda iniziale».

 

Quella sul «miracolo» di Salvini?

«Esatto. Si ricompatta tutto l'ancien régime. Quelli che sembravano diversi e opposti si ricongiungono. E tutto questo per stare in sella qualche mese in più. Non a caso, sul voto, rispetto al 2018, c' è stato un sostanziale cambio di linguaggio».

 

Ovvero?

«Prima, quando ancora non si era profilata l'alleanza tra Lega e 5 stelle, si diceva: "Inutile tornare al voto, perché ci ritroveremmo nella stessa situazione". Cioè, nessuna maggioranza. Adesso una maggioranza molto probabilmente ci sarebbe, ma non si può andare a votare lo stesso. Solo e soltanto perché Salvini non deve vincere».

LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI

 

Oltre che la paura di Salvini, conta anche il timore che nel 2022 i sovranisti possano mettere le mani sul Quirinale?

«Certo. Ma qualcuno pensa che l' inciucio potrebbe reggere fino al 2022? Il governo Lega-5 stelle è durato poco più di un anno. E partiva da basi molto più forti».

 

Negli ultimi giorni, però, è sembrato che Salvini, tornato ai toni concilianti con i 5 stelle, quasi a volersi rimangiare la crisi, temesse qualcosa. E se invece un governo giallorosso potesse durare?

«Ma in che modo?».

 

matteo salvini e matteo renzi si incrociano in senato 1 matteo salvini e matteo renzi si incrociano in senato 1

Deficit al 2,9% perché l' Europa sarebbe più tenera, distribuzione di mancette, Ong che smettono di sbarcare perché non hanno più motivo di esercitare pressione sul nemico politico E la gente si convince: è meglio la pace con i partiti di sistema, che la mobilitazione permanente con i sovranisti.

«Sì, può darsi. Ma io per adesso sono dell' idea che stiano tutti sottovalutando la rivolta della gente. Il 4 marzo è stato un segnale forte. E in caso di voto, a questo punto, su Pd e 5 stelle peserebbe un altro elemento».

 

Quale?

«Quello che ha detto Carlo Calenda: gli elettori ormai li percepiscono come alleati. Ciò che effetto avrebbe sia sugli equilibri interni ai partiti sia sui consensi? Quando gli elettori hanno scelto Pd o 5 stelle non sapevano di questa possibile intesa. Se l' avessero saputo, magari non li avrebbero votati».

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

 

Di Giuseppe Conte che idea s' è fatto? Un anno fa scherniva Renzi («lui mio collega? È un professore?), adesso pare pronto a scendere a patti con lui.

«Si sta giocando la partita della vita. E sa di avere appoggi importanti...».

 

Il Colle?

«Diciamo che sa di non essere solo».

 

Il dramma della stampa. Chi finora ha bastonato i grillini, come convincerà i lettori che quegli stessi Luigi Di Maio, Alfonso Bonafede, Danilo Toninelli, reietti quando stavano con la Lega, saranno diventati statisti con il Pd?

«Non li convincerà. Come nessuno convincerà gli elettori. L' effetto fortezza, l'effetto ponte levatoio, l' effetto ancien régime contro i sanculotti agita ancora di più chi si sente definire "barbaro". Ecco, il 34% degli elettori italiani viene considerato "barbaro". E secondo lei questi non s' incazzano? Lei parlava di mancette: pure gli 80 euro lo erano».

 

GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI

E gli elettori si sono incazzati lo stesso.

«Proprio così».

 

L' alterco con Ferrara?

«Ma lasciamogli dire quello che vuole».

 

Non è buffo che si ritrovi sulla stessa barca di Marco Travaglio?

«Lo è. Ma, appunto, l' immagine è quella dei Borbone asserragliati a Gaeta, di parrucconi che si arroccano senza saper dire nulla sulla società italiana, su cosa farebbero per risolverne i problemi... È spaventoso. È disperante. Regalano a Salvini la bandiera della democrazia. È un suicidio culturale».

 

2 - UNA MARCIA INDIETRO SENZA ALCUN DECORO

Pierluigi Battista per il “Corriere della sera”

 

giuliano ferrara foto di bacco giuliano ferrara foto di bacco

Comunque vada a finire, sarà uno spasso. Che spettacolo: i salti acrobatici, le piroette, i contorsionismi di tutti quelli che hanno trattato i 5 Stelle come il demonio e adesso sfideranno il ridicolo rimangiandosi tutto per giustificare nientedimeno che un'alleanza di governo con chi veniva (molto volgarmente) bollato come «buffone», «cialtrone», «nemico della democrazia», «idiota». Al confronto sembrerà troppo morbido il Guareschi che sbertucciava con il «contrordine compagni» chi era costretto per disciplina a dire il contrario di ciò che aveva detto il giorno prima per rispettare le giravolte tattiche del Partito. Altri tempi. Altra decenza. Altra serietà. Altri partiti, anche.

 

Non c' è alcuna serietà, invece, nei repentini voltafaccia cui assisteremo con stupefazione (ma già stiamo cominciando) nei prossimi mesi. Dicevano, mica un anno fa, ma solo quindici giorni fa: non vogliamo nemmeno parlare con i 5 Stelle che infamano il Pd chiamandolo il «partito di Bibbiano».

 

Ora, forse, non ci parleranno, ma intanto ci fanno un governo assieme. Già si scaldano i muscoli per la grottesca e corale autosmentita politici di secondo e terzo rango, professionisti del commento arcigno, star della rissa social, giornalini conformisti, maestri dell' insulto politico dozzinale, tonitruanti chierici del «mai» che, a seconda delle circostanze, diventa «qualche volta», «dipende», «se conviene».

giuliano ferrara giuliano ferrara

 

Perché certo, la politica muta, le alleanze si possono pure cambiare, ma in questo caso era la denigrazione antropologica il segno della guerra santa che i nuovi protagonisti del «contrordine compagni» avevano incautamente scatenato contro quella che veniva trattata come la «marmaglia» grillina. Non il dissenso politico anche radicale, bensì il disprezzo gridato e rivendicato, la violenza verbale inaudita contro gli esponenti dei 5 Stelle con cui adesso, forse, toccherà allearsi rimangiandosi tutto, senza decoro.

 

E chi invece sommessamente avanzava il dubbio che questa guerra santa intollerante e velenosa stesse rendendo cieche le (peggiori) menti della nostra generazione, veniva addirittura deplorato come «filo-grillino». E adesso marcia indietro senza senso del ridicolo. Sarà uno spasso, portate gli specchi dove saranno costretti ad arrampicarsi. Una risata li seppellirà.

 

 

Condividi questo articolo

politica

''È SOLO UN'OPERAZIONE DI POTERE. MA PUO' RICATTARE LA MAGGIORANZA'' - RICOLFI SU RENZI: ''UNA REAZIONE AL PD TROPPO A SINISTRA? MACCHE'! IL PARTITO È STATO SINISTRIZZATO PROPRIO DA RENZI, CHE COSTRINGENDO ZINGARETTI A FARE UN GOVERNO CON I 5STELLE NE HA SPENTO OGNI VOCAZIONE RIFORMISTA, E RESUSCITATO I PEGGIORI ISTINTI GIUSTIZIALISTI E ASSISTENZIALISTI - RENZI DIVERSAMENTE DA MACRON VIENE DA UNA SONORA SCONFITTA (AL REFERENDUM), E ORMAI HA UNA PATENTE DI INAFFIDABILITÀ TOTALE''