“L’IRAN È DEBOLE, UNA REAZIONE ISRAELIANA ECCESSIVA PORTEREBBE A UN CONFLITTO GLOBALE” – L'AMBASCIATORE GIAMPIERO MASSOLO, EX SEGRETARIO GENERALE DELLA FARNESINA, COMMENTA L’ATTACCO DI TEHERAN ALLO STATO EBRAICO: “LA TENSIONE POTRÀ SALIRE MA NON BISOGNERÀ VALICARE IL LIMITE DELL'IRREVERSIBILE. L'IRAN HA PUNTATO PIÙ SULLA VISIBILITÀ CHE SULL'EFFICACIA. È STATA UNA MANIFESTAZIONE DI FORZA E DI COORDINAMENTO CON I SUOI PROXY, OVVERO I PAESI CHE HANNO LANCIATO ATTACCHI IN CONTEMPORANEA. ISRAELE HA POTUTO DARE PROVA DI UNA GRANDE EFFICIENZA DEL SUO SISTEMA DIFENSIVO E DI UNA ALLEANZA CON GLI STATI UNITI…”

Condividi questo articolo


giampiero massolo foto di bacco (3) giampiero massolo foto di bacco (3)

Giorgio Rutelli per www.adnkronos.com

''Ci sono due interessi in campo. L'Iran cerca l'egemonia regionale e la cancellazione di Israele da perseguire in tutti i modi possibili.

 

Israele deve far sì che l'Iran non sia più una minaccia, bloccando il suo programma nucleare e la sua influenza nella regione. Se portati alle massime conseguenze, questi due interessi porterebbero a una guerra complessiva, un conflitto globale, che nessuno vuole.

 

Anche perché nessuno se lo può permettere: l'Iran è troppo debole, ha una situazione interna difficile e un'opinione pubblica al limite della sopportazione. Il programma nucleare, per quanto avanzato, non è ultimato, e gli ayatollah perdendo il confronto perderebbero il potere e farebbero collassare il sistema costruito nel 1979''. Così l'ambasciatore Giampiero Massolo, già segretario generale della Farnesina, all'Adnkronos.

 

netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano

''L'Iran con l'attacco di ieri ha puntato più sulla visibilità che sull'efficacia'', prosegue Massolo. ''Una manifestazione di forza e di coordinamento con i suoi proxy, ovvero i Paesi e i guerriglieri che hanno lanciato attacchi in contemporanea. Allo stesso modo, Israele ha potuto dare prova di una grande efficienza del suo sistema difensivo e di una alleanza di tipo difensivo con gli Stati Uniti.

 

lancio missile iran lancio missile iran

Quello che è successo ieri sera ha confermato questo quadro di dipendenza e di cointeressenza reciproca. Ma ora agire in modo molto aggressivo, magari nel territorio iraniano, provocherebbe una spirale del conflitto difficilmente arrestabile. Se togliamo dal tavolo l'ipotesi del conflitto globale, resta spazio per una reazione proporzionata e difensiva continuata situazione di tensione che l'Iran ha tutto l'interesse a continuare usando i suoi proxy e mezzi asimmetrici come attacchi cyber e terroristici'', spiega l'ambasciatore.

iraniani festeggiano attacco a israele iraniani festeggiano attacco a israele

 

''La comunità internazionale nel suo rapporto con Israele ha avuto finora due obiettivi: conciliare l'agenda di sicurezza di Israele dopo il 7 ottobre e quella umanitaria; evitare un'azione diretta e massiva a Rafah, trasformandola in una decompressione con la fuoriuscita dei palestinesi dall'area e in un'operazione a minore impatto sulla popolazione'', dice l'ambasciatore Massolo. '

 

'Ora si aggiunge un terzo obiettivo: limitare la reazione di Israele all'accettabile, riconducendola nel quadro di questa partita di interessi nella regione. La tensione potrà salire ma non bisognerà valicare il limite dell'irreversibile. Un'azione conclamata nel territorio iraniano, ad esempio, sarebbe un'escalation.

 

giampiero massolo 3 giampiero massolo 3

Non a caso nei giorni scorsi avevano colpito una stazione consolare in Siria, azione forte ma non diretta a colpire l'integrità territoriale iraniana. Ora Stati Uniti e Paesi amici di Israele dovranno spingere per una reazione 'negoziata''', conclude Massolo.

iran attacca israele 77 iran attacca israele 77 attacco iran a israele attacco iran a israele biden e blinken biden e blinken massolo x massolo x giampiero massolo giampiero massolo giampiero massolo giampiero massolo missili di difesa israele iron dome missili di difesa israele iron dome missili e droni iraniani intercettati nei cieli israeliani missili e droni iraniani intercettati nei cieli israeliani attacco iran a israele 2 attacco iran a israele 2 iran lancia attacco contro israele usando decine di droni iran lancia attacco contro israele usando decine di droni iraniani festeggiano attacco iraniani festeggiano attacco giampiero massolo giampiero massolo

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI