“SAREI STATA PERFETTAMENTE CANDIDABILE” - VIRGINIA RAGGI TORNA A MORDERE IL CIUFFO DI CONTE: “SECONDO LE NOSTRE REGOLE INTERNE, QUELLA DEL DOPPIO MANDATO E DEL MANDATO ZERO, RITENGO CHE SAREI STATA PERFETTAMENTE CANDIDABILE - MA NON HO MAI NASCOSTO LA MIA CONTRARIETÀ VERSO LE ALLEANZE STRUTTURALI E I CAMPI PROGRESSISTI CON I PARTITI TRADIZIONALI E AD OGGI NON POTREI DIRE CON CERTEZZA QUALI SARANNO, NEI PROSSIMI CINQUE ANNI IN PARLAMENTO, I NOSTRI FUTURI COMPAGNI DI VIAGGIO…”

-

Condividi questo articolo


Dall’account facebook di Virginia Raggi

 

VIRGINIA RAGGI GIUSEPPE CONTE VIRGINIA RAGGI GIUSEPPE CONTE

A tutti coloro che mi hanno chiesto il motivo della non candidatura alle parlamentarie.

Inizio col dire che secondo le nostre regole interne, quella del doppio mandato e del mandato Zero, ritengo che sarei stata perfettamente candidabile. Del resto, nel 2021 mi sono potuta ricandidare proprio in virtù di queste due regole e sono attualmente in corso di secondo mandato.  Ma tre motivi irrinunciabili mi hanno guidato. In primo luogo sono stata eletta in consiglio comunale e secondo un principio del MoVimento 5 stelle che rispetto, se vieni eletto all'interno di un'istituzione, non mi sentirei a mio agio nel fare il salto altrove.

 

virginia raggi giuseppe conte virginia raggi giuseppe conte

Ma soprattutto, non ho mai nascosto la mia contrarietà verso le alleanze strutturali e i campi progressisti con i partiti tradizionali e ad oggi non potrei dire con certezza quali saranno, nei prossimi cinque anni in Parlamento, i nostri futuri compagni di viaggio in Parlamento, a differenza di quanto accade nel Consiglio di Roma dove la nostra linea è da sempre è chiara. Ma mi immaginate in uno scenario futuro a dover lavorare gomito a gomito con chi ci ha sempre ostacolato? Eddai su, per me non è possibile!

 

giuseppe conte virginia raggi 2 giuseppe conte virginia raggi 2

Per questo, senza giudizi morali, credo sia giusto che si candidi alle parlamentarie chi ritiene determinati scenari possibili ed eventualmente accettabili. Infine, è a tutti noto che in questi ultimi cinque anni, come era giusto per il mandato che avevo ricevuto dai cittadini Romani, ho vissuto unicamente per fare il Sindaco 7 giorni su 7, h24. La mia vita privata si è totalmente azzerata e sono arrivata a vedere mio figlio solo a colazione. Ho perso cinque dei suoi anni e in particolare quelli durante i quali si è formato. Ora, in tutta onestà, ho bisogno di recuperare il tempo con lui, di vederlo crescere, di aiutarlo, giocare con lui e di riscoprirlo.

 

virginia raggi e giuseppe conte affacciati al balcone del campidoglio 2 virginia raggi e giuseppe conte affacciati al balcone del campidoglio 2

La libertà riconquistata nel mio nuovo ruolo, non è per me barattabile o comprimibile. Almeno adesso. A chi se lo sta chiedendo, lo avrei fatto per un secondo un secondo mandato da sindaco per portare a conclusione e dare un senso a tutto quanto fatto nel primo mandato. Ora fare la consigliera e riprendere il mio lavoro, mi consente di conciliare tempi di vita e di lavoro. Chi mi conosce, sa che queste cose le penso e le dico da sempre ma, ahimè, è vero che non ho motivato pubblicamente.

 

virginia raggi e giuseppe conte affacciati al balcone del campidoglio 3 virginia raggi e giuseppe conte affacciati al balcone del campidoglio 3

La coerenza la devo soprattutto a me stessa, al percorso che ho fatto in questi dodici anni e che continuerò a fare finché ne avrò voglia, come consigliere comunale, come attivista e come membro del comitato di garanzia. Per questo non posso che rinnovare gli auguri a tutti gli attuali candidati: che abbiano per i prossimi cinque anni l'entusiasmo e la forza del primo giorno!

 

 

Condividi questo articolo

politica