“SE CONTINUA COSÌ SARÀ LA PIAZZA A DARE LA SPALLATA A CONTE” – I DEM FURIOSI CON IL PREMIER PARAGONATO A MARIA ANTONIETTA. SEMPRE PIÙ INSISTENTI I BOATOS SU UN GOVERNO DI UNITA’ NAZIONALE A GUIDA DRAGHI. NEL PD STRALI CONTRO VELTRONI SECONDO CUI E’ UN ERRORE TENERE CHIUSI I CINEMA E APERTE LE CHIESE - BETTINI IN CORSA PER LA POLTRONA DI PRESIDENTE DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA...

-

Condividi questo articolo


Marco Antonellis per Italia Oggi

 

MARIO DRAGHI E GIUSEPPE CONTE MARIO DRAGHI E GIUSEPPE CONTE

Ormai dai settori più critici della maggioranza di governo c' è chi fa addirittura il paragone il paragone con Maria Antonietta: «La gente chiede denaro e noi dal balcone di Palazzo Chigi continuiamo a lanciare brioche». Questo è il clima che si respira nella maggioranza mentre i boatos di governi di unità nazionale o di «salute pubblica» si fanno sempre più insistenti. Se continua così «sarà la piazza a dare la spallata a Conte», dicono in molti.

 

ANDREA ORLANDO NICOLA ZINGARETTI ANDREA ORLANDO NICOLA ZINGARETTI

Perchè la paura che il disagio sociale si traduca in episodi di intolleranza estrema è ben presente nell' agenda della maggioranza e nel governo con il contorno di possibili nuovi esecutivi in arrivo prima che la situazione travolga tutto e tutti, opposizione compresa: Cartabia, Cottarelli, Franceschini o lo stesso segretario dem Zingaretti (non per niente, si dice, ha appena lanciato un forte appello a tutta l' opposizione) tra i papabili per la poltrona di Palazzo Chigi. Mario Draghi al momento preferisce restare fuori dalla mischia (ma se glielo chiedesse il Quirinale difficilmente potrebbe dire di no magari con il «patto tacito» di subentrare poi al Colle).

 

Intanto, dal fronte Pd c' è stata la sfuriata del Segretario contro Italia Viva e 5 Stelle, che avevano iniziato a bombardare il Dpcm sulle nuove limitazioni poche ore dopo averlo fatto nascere. «È eticamente intollerabile stare con i piedi in due staffe in questo momento di difficoltà», ha tuonato il leader Dem.

 

veltroni veltroni

Ma l' umore in casa Dem va oltre gli attacchi a Di Maio e Renzi: sono molti, infatti, i parlamentari democratici che sono rimasti davvero senza parole sulle accuse lanciate addirittura già domenica sera da Walter Veltroni, il primo segretario del Pd. «È lui il primo ad aver dato fuoco alle polveri, direttamente da Fazio, dicendo che era un errore tenere chiusi i cinema e aperte le chiese. Manco fossimo ai tempi di Don Camillo e Peppone», dice un deputato piddino che ha seguito tutta la vicenda.

 

«Ma non era sempre Veltroni a dire no alle polemiche e che bisogna stare uniti? E ora?». Insomma, stavolta, nel mirino, finisce nientemeno che il uno dei «totem» del Pd, Veltroni. Mentre è invece molto sentito e pieno di speranze l' appello fatto da Zingaretti alle opposizioni e al governo per un dialogo più stretto in questo momento molto difficile per il Paese. «Conte li senta, ci parli, accolga anche le loro richieste se le reputa giuste. Non deve aver timore di nulla se è lui a guidare questo rapporto. Ma ora è più che mai necessario collaborare con tutti ed evitare al massimo contrapposizioni», spiegano dai piani alti del Nazareno.

mario draghi al meeting di rimini 6 mario draghi al meeting di rimini 6

 

Che, senza poterlo dire, sembrano aver perso la fiducia che avevano nelle capacità di gestione mostrate da Conte nel primo lockdown. Ma nel partito democratico si guarda anche a Goffredo Bettini.

 

goffredo bettini goffredo bettini

L' uomo, sempre più influente sulle strategie della sinistra italiana, secondo i soliti bene informati sarebbe in corsa per una poltrona di grande prestigio: quella di Presidente della Festa del Cinema di Roma. Chiusa questa edizione, si aprirà il risiko. Tra le ipotesi al vaglio della politica capitolina ci sarebbe quella di spostare Laura Delli Colli nel ruolo di direttore artistico e di nominare Bettini nel ruolo di Presidente della Fondazione Cinema per Roma.

goffredo bettini gianni letta giuseppe conte goffredo bettini gianni letta giuseppe conte

veltroni veltroni zingaretti di maio zingaretti di maio mario draghi al meeting di rimini 5 mario draghi al meeting di rimini 5

 

Condividi questo articolo

politica

I SINISTRATI SONO SEMPRE I PRIMI AD APPROFITTARE DEI PRIVILEGI – ALEXANDRIA OCASIO-CORTEZ, STELLINA “RADICAL” DEL PARTITO DEMOCRATICO AMERICANO, È SOTTO INDAGINE DELLA COMMISSIONE ETICA DEL CONGRESSO PER LA PARTECIPAZIONE AL MET GALA DELLO SCORSO ANNO – LA OCASIO CORTEZ SI PRESENTÒ CON UN’ABITO CON SCRITTO “TAX THE RICH”. LA COMMISSIONE HA RICEVUTO DUE RICORSI: UNO SUI BIGLIETTI GRATIS RICEVUTI PER L’EVENTO, IL SECONDO SULL’ABITO, CHE “RAPPRESENTA UN REGALO LEGATO ALLA SUA POSIZIONE ALLA CAMERA”

QUESTO PONTE S’HA DA FARE! LUCIO CARACCIOLO: “IL PONTE SULLO STRETTO VA FATTO PERCHÉ È UNA PRIORITÀ STRATEGICA PER L'ITALIA (PER QUESTO MOTIVO PROBABILMENTE NON SARÀ MAI FATTO)" - "LO STRETTO DI SICILIA È UNO DEGLI SPAZI PIÙ RILEVANTI AL MONDO. NON MOLTO MENO DELLO STRETTO DI TAIWAN. NEL TRIANGOLO DELLA COMPETIZIONE FRA STATI UNITI, CINA E RUSSIA IL CONTROLLO DI QUESTO BRACCIO DI MARE AL CENTRO DEL MEDITERRANEO È ESSENZIALE. QUALCUNO DIRÀ: È TERRA DI MAFIE. MA LE GRANDI INFRASTRUTTURE SONO IL SEGNO CHE..."

LE MIDTERM SONO STATE UNA DISFATTA PER TRUMP – LA VITTORIA DEL CANDIDATO DEMOCRATICO, RAPHAEL WARNOCK, AL BALLOTTAGGIO IN GEORGIA È UNO SCHIAFFONE IN FACCIA A “THE DONALD”: TUTTI I CANDIDATI CHE HA SPONSORIZZATO LUI HANNO PERSO MALAMENTE ALLE MIDTERM – LA VITTORIA REGALA AI DEM IL 51MO SEGGIO AL SENATO, UNO IN PIÙ RISPETTO A PRIMA DELLE MIDTERM. “SLEEPY JOE”, CHE ESCE RAFFORZATO, GONGOLA E PENSA DI RICANDIDARSI: CON MACRON HA BRINDATO ALLA SUA CAMPAGNA PRESIDENZIALE DEL 2024 (SEMPRE CHE IL PARTITO NON LO CONVINCA A RIPENSARCI)

LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI NORDIO VISTA DA FRANCO COPPI, IL DECANO DEGLI AVVOCATI PENALISTI: “OCCORRE RIVEDERE IL TEMA DEL SEGRETO ISTRUTTORIO NON SOLO NELLA PROSPETTIVA DELLE INTERCETTAZIONI, MA STABILIRNE I LIMITI E LE SANZIONI - SEPARAZIONE DELLE CARRIERE? BISOGNA SEPARARE LE PERSONE INTELLIGENTI DA QUELLE CHE NON LO SONO. AFFRONTIAMO IL TEMA DELL'IMMISSIONE DEI MAGISTRATI IN RUOLO CON FORME CHE GARANTISCANO L'IDONEITÀ AL DI LA DELLE CONOSCENZE GIURIDICHE - C'È DA RIVEDERE L'UDIENZA PRELIMINARE, CHE È UN FALLIMENTO - L’ABUSO D’UFFICIO? REATO AL LIMITE DELLA COSTITUZIONALITÀ”