“SONO ANZIANO, LA TESTA PERÒ FUNZIONA” – LUCIANO CANFORA E' STATO RINVIATO A GIUDIZIO CON L’ACCUSA DI DIFFAMAZIONE AGGRAVATA NEI CONFRONTI DI GIORGIA MELONI DEFINITA “NEONAZISTA NELL’ANIMO” – “NELL’ANIMO VIENE DA LUCREZIO E C’È UN GRANDE PENSATORE LIBERALE, TOCQUEVILLE, IL QUALE RACCONTA IL SUO SENTIMENTO PROFONDO DI AVVERSIONE VERSO LA DEMOCRAZIA, LUI LO DEFINISCE IL FONDO DELL’ANIMA”- LA SORA GIORGIA HA CHIESTO 20MILA EURO A TITOLO DI RISARCIMENTO

-

Condividi questo articolo


Estratti dell’articolo di Rosarianna Romano per bari.corriere.it

 

luciano canfora arriva in tribunale luciano canfora arriva in tribunale

 «Siamo in itinere. Sto benissimo. Marx veniva chiamato il gigante seduto: abbiamo un aspetto non sempre entusiasmante, sono anziano ma la testa funziona». Così Luciano Canfora, 81 anni, storico, filologo, professore emerito dell’Università di Bari, ha commentato il rinvio a giudizio disposto dal tribunale di Bari dopo la querela per diffamazione aggravata presentata dalla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni. Oggetto della denuncia l’espressione «neonazista nell’animo», pronunciata dal professore davanti agli studenti del liceo Fermi e riferita proprio alla premier.

 

La decisione è giunta al termine dell’udienza predibattimentale iniziata alle 9.30, cinque minuti dopo che Canfora aveva varcato l’ingresso del tribunale stretto al suo bastone e accompagnato davanti alla giudice Antonietta Guerra dal suo avvocato, Michele Laforgia. 

 

A supporto di Canfora in tribunale c’era anche un presidio organizzato dall’Anpi: «In bocca al lupo professore», hanno detto i portavoce delle delegazioni presenti in piazza Dioguardi, applaudendo insieme a rappresentanti della Cgil e di associazioni studentesche.

giorgia meloni - vinitaly giorgia meloni - vinitaly

 

 

Alle 14.30 è arrivato il rinvio a giudizio, come chiesto dalla Procura rappresentata dal pm Giuseppe Dentamaro e dal procuratore aggiunto Giuseppe Maralfa. Per la difesa, invece, andava disposto «il non luogo a procedere perché il fatto non sussiste o comunque perché non punibile», tenuto conto dell’esercizio del «diritto di critica politica di cui all’articolo 51 del codice penale in relazione all’articolo 21 della Costituzione». Il processo inizierà il 7 ottobre, davanti al giudice monocratico Pasquale Santoro.

 

luciano canfora arriva in tribunale luciano canfora arriva in tribunale

L’episodio risale all’11 aprile 2022, quando la premier era parlamentare dell’opposizione e alla guida del governo c’era Mario Draghi. Canfora era stato invitato a parlare al liceo scientifico Enrico Fermi di Bari in occasione di un incontro dal titolo “Tutta un’altra storia – Un approccio multidisciplinare al conflitto russo-ucraino”. È qui che il filologo ha definito Meloni «neonazista nell’animo».

 

Ma nel mirino ci sono altre parole pronunciate in riferimento alla premier: «poveretta» e «trattata di solito come una mentecatta». «Nell’animo viene da Lucrezio — ha poi spiegato ieri sera Canfora ospite di Otto e mezzo, su La7 — e c’è un grande pensatore liberale che si chiama Tocqueville il quale racconta il suo sentimento profondo di avversione verso la democrazia, lui lo definisce il fondo dell’anima. È una metafora per indicare sentimenti remoti, che Freud chiamerebbe Es», ha concluso il professore.

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

 

La presidente del Consiglio ha chiesto un risarcimento danni di 20 mila euro

 

(...)

LUCIANO CANFORA COVER LUCIANO CANFORA COVER LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI