“I TITOLI DEL GIORNALI STRANIERI SUL PERICOLO NEOFASCISTA? TUTTE BAGGIANATE” – ANNA PARATORE, LA MADRE DI GIORGIA MELONI, CHIEDE ALLA FIGLIA DI TOGLIERE SUBITO “LA VERGOGNA” DEL REDDITO DI CITTADINANZA AI 18ENNI: "DEVE DARE QUEI SOLDI AGLI INVALIDI, AI MALATI, A CHI NE HA BISOGNO DAVVERO" - “UNA FESTA ALLA GARBATELLA? NON CREDO PROPRIO. ORA BISOGNA PENSARE A LAVORARE..."

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI e la madre ANNA PARATORE GIORGIA MELONI e la madre ANNA PARATORE

Luca Monaco per repubblica.it

 

"I titoli del giornali stranieri sul pericolo neofascista? Tutte baggianate. Adesso mi aspetto per prima cosa che mia figlia tolga il reddito di cittadinanza ai 18enni e che dia quei soldi agli invalidi, ai malati, a chi ne ha  bisogno davvero". Parla sull'uscio del suo appartamento popolare nel cuore della Garbatella Anna Paratore, la madre di Giorgia Meloni.

 

Signora, sua figlia è entrata nella storia. È contenta?

"Si sono contenta come qualsiasi madre che gioisce sei figli sono contenti di quello che fanno".

 

Cosa vi siete dette ieri sera?

"Nulla in particolare, ci siamo sentite al telefono le ho fatto i complimenti. Niente di più".

 

D'accordo ma non ha preso trenta a un esame, diventerà primo ministro.

GIORGIA MELONI e la madre ANNA PARATORE GIORGIA MELONI e la madre ANNA PARATORE

"Aspettiamo e vediamo come evolve lo scenario. Noi in famiglia siamo abituati a essere cauti, vediamo come va a finire. Certo sono contenta"

 

Una grande gioia, l'ha spronata in tutti questi anni.

"Io non ho spronato nessuno. Ha fatto tutto da sola".

 

Qual è, da cittadina, la prima misura che auspica sua figlia metta in campo per il futuro del Paese?

"Spero che elimini la vergogna del reddito di cittadinanza ai 18enni, che prendono i soldi per stare a casa a giocare ai videogiochi e dia quei soldi ai malati, agli anziani che non arrivano alla fine del mese, a chi ne ha davvero bisogno. Non a chi non ha voglia di lavorare".

 

GIORGIA MELONI CON LA MADRE E LA SORELLA GIORGIA MELONI CON LA MADRE E LA SORELLA

I giornali stranieri hanno titolato tutti sulla vittoria della destra post-fascista. Cosa ne pensa?

"Facciano i titoli che vogliono, sono tutte baggianate che lasciano il tempo che trovano. Adesso bisogna lavorare per il bene dell'Italia".

 

Farete una festa alla Garbatella?

"Non credo proprio. Le ripeto adesso bisogna pensare a lavorare".

 

 

Condividi questo articolo

politica

QUESTO PONTE S’HA DA FARE! LUCIO CARACCIOLO: “IL PONTE SULLO STRETTO VA FATTO PERCHÉ È UNA PRIORITÀ STRATEGICA PER L'ITALIA (PER QUESTO MOTIVO PROBABILMENTE NON SARÀ MAI FATTO)" - "LO STRETTO DI SICILIA È UNO DEGLI SPAZI PIÙ RILEVANTI AL MONDO. NON MOLTO MENO DELLO STRETTO DI TAIWAN. NEL TRIANGOLO DELLA COMPETIZIONE FRA STATI UNITI, CINA E RUSSIA IL CONTROLLO DI QUESTO BRACCIO DI MARE AL CENTRO DEL MEDITERRANEO È ESSENZIALE. QUALCUNO DIRÀ: È TERRA DI MAFIE. MA LE GRANDI INFRASTRUTTURE SONO IL SEGNO CHE..."

LE MIDTERM SONO STATE UNA DISFATTA PER TRUMP – LA VITTORIA DEL CANDIDATO DEMOCRATICO, RAPHAEL WARNOCK, AL BALLOTTAGGIO IN GEORGIA È UNO SCHIAFFONE IN FACCIA A “THE DONALD”: TUTTI I CANDIDATI CHE HA SPONSORIZZATO LUI HANNO PERSO MALAMENTE ALLE MIDTERM – LA VITTORIA REGALA AI DEM IL 51MO SEGGIO AL SENATO, UNO IN PIÙ RISPETTO A PRIMA DELLE MIDTERM. “SLEEPY JOE”, CHE ESCE RAFFORZATO, GONGOLA E PENSA DI RICANDIDARSI: CON MACRON HA BRINDATO ALLA SUA CAMPAGNA PRESIDENZIALE DEL 2024 (SEMPRE CHE IL PARTITO NON LO CONVINCA A RIPENSARCI)

LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI NORDIO VISTA DA FRANCO COPPI, IL DECANO DEGLI AVVOCATI PENALISTI: “OCCORRE RIVEDERE IL TEMA DEL SEGRETO ISTRUTTORIO NON SOLO NELLA PROSPETTIVA DELLE INTERCETTAZIONI, MA STABILIRNE I LIMITI E LE SANZIONI - SEPARAZIONE DELLE CARRIERE? BISOGNA SEPARARE LE PERSONE INTELLIGENTI DA QUELLE CHE NON LO SONO. AFFRONTIAMO IL TEMA DELL'IMMISSIONE DEI MAGISTRATI IN RUOLO CON FORME CHE GARANTISCANO L'IDONEITÀ AL DI LA DELLE CONOSCENZE GIURIDICHE - C'È DA RIVEDERE L'UDIENZA PRELIMINARE, CHE È UN FALLIMENTO - L’ABUSO D’UFFICIO? REATO AL LIMITE DELLA COSTITUZIONALITÀ”

LOBBY CONTINUA – COME HA RIVELATO DAGOSPIA, LA PROIEZIONE AL TORINO FILM FESTIVAL DEL DOCUMENTARIO DI TONY SACCUCCI SU “LOTTA CONTINUA” HA SCATENATO NON POCHE POLEMICHE. NON SOLO PER LA VISIONE PARZIALE CHE DÀ DEL MOVIMENTO DI ESTREMA SINISTRA (ERRI DE LUCA CONTINUA A DIRE CHE LA MILITANZA “ERA LA COSA GIUSTA”) MA ANCHE PER I TRASCORSI DEL DIRETTORE DEL FESTIVAL, STEVE DELLA CASA. MA D’ALTRONDE, SIAMO ABITUATI: GLI EX DI LOTTA CONTINUA DOPO GLI ANNI DI PIOMBO HANNO MONOPOLIZZATO IL GIORNALISMO, LA POLITICA E LA CULTURA…