“LA VISIONE DELLA GUERRA DI ZELENSKY PRESENTA GRAVI CONTRADDIZIONI E PROBLEMI INSOLUBILI” – IL POLITOLOGO UCRAINO YAROSLAV HRYTSAK STRONCA L’EX COMICO DOPO IL LICENZIAMENTO DEL CAPO DELL’ESERCITO, ZALUZHNY: “VORREBBE ESSERE COME CHURCHILL, MA NON HA IL CORAGGIO DI DIRE AGLI UCRAINI CHE PUÒ SOLO ASSICURARE SUDORE, LACRIME E SANGUE. ATTORNO A SÉ VUOLE SOLO YES-MEN. ZALUZHNY SARÀ IL PRESIDENTE DEL FUTURO” – “ZELENSKY PARLA DELLA NECESSITÀ DI LIBERARE TUTTE LE ZONE OCCUPATE, SENZA PERÒ DIRCI COME"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo Cremonesi per il “Corriere della Sera”

 

Yaroslav Hrytsak Yaroslav Hrytsak

«Stiamo assistendo alla preparazione della prossima fase politica e militare ucraina. Non ho difficoltà a pensare che Valery Zaluzhny sarà il presidente del futuro, o comunque l’uomo chiave che lo determinerà», sostiene lo storico e politologo Yaroslav Hrytsak commentando il lungo braccio di ferro che tre giorni fa ha determinato la mossa di Volodymyr Zelensky per le dimissioni del comandante in capo delle forze armate ucraine.

 

Cosa ha motivato il presidente?

«Disponiamo di scarsi elementi per giudicare. Zelensky in questi due anni di guerra ha generato un’organizzazione del potere chiusa, molto simile a quella che imperava ai tempi dell’ex presidente filorusso Viktor Yanukovich.

 

VOLODYMYR ZELENSKY CON VALERY ZALUZHNY VOLODYMYR ZELENSKY CON VALERY ZALUZHNY

L’ironia […] resta che Zelensky è nato come un leader che rompeva col vecchio sistema, avrebbe voluto riformarlo drasticamente, ma adesso lo ha ricreato. […] lo capisco e non lo critico, però questa è adesso la realtà: un’organizzazione del potere verticistica e poco trasparente».

 

I soldati amavano Zaluzhny…

«Gli ucraini in maggioranza erano contrari alle sue dimissioni e il presidente lo sa benissimo. La cosa è curiosa, perché Zelensky è un populista molto attento agli umori della gente, però si è dimostrato disposto a sfidarli».

 

Valeriy Zaluzhnyi Valeriy Zaluzhnyi

Perché?

«Credo che lo abbia fatto perché in gioco c’è la visione politica e militare del futuro dell’Ucraina. Si va ben oltre il conflitto personale tra Zelensky e Zaluzhny. I due percepiscono la guerra in modo ormai opposto, ma la visione di Zelensky presenta gravi contraddizioni e problemi insolubili».

 

Cioè?

«[…] Zelensky ha prospettato un successo rapido, si fida del suo intuito e della fortuna. Ancora adesso parla della necessità di liberare tutte le zone occupate, compresa la Crimea, senza però dirci come. Ma ormai è evidente che siamo entrati in un lungo conflitto di attrito.

 

Oleksandr Syrsky Oleksandr Syrsky

Zaluzhny, dopo il fallimento della contro-offensiva l’estate scorsa, si stava razionalmente attrezzando per resistere, aveva accantonato le mire sulla Crimea. Zelensky non lo accetta, anche perché ben difficilmente potremmo vincere se diventasse un prolungato braccio di ferro sulle risorse e sulla capacità di tenuta della nostra popolazione.

 

Cresce il rischio della sconfitta. Zelensky non ha risolto la contraddizione insita nella volontà di combattere e però della possibilità reale di perdere se il conflitto durasse per troppo tempo. Vorrebbe essere come Churchill, ma non ha lo stesso coraggio di dire agli ucraini che oggi può soltanto assicurare sudore, lacrime e sangue. Ed esige di avere attorno a sé collaboratori su cui può contare, cerca bravi esperti che però non lo contraddicano, in realtà vuole yes-men».

 

Oleksandr Syrsky, il nuovo comandante in capo, è uno yes-man?

«Certamente molto più di Zaluzhny, che non lo era affatto. […] Zelensky […] appare stanco, logorato da due anni per garantire la tenuta civile e militare del Paese. Purtroppo, è proprio la stanchezza che induce a commettere errori».

 

Zaluzhny potrebbe diventare l’alternativa politica di Zelensky?

meeting normandia voldymyr zelensky vladimir putin emmanuel macron meeting normandia voldymyr zelensky vladimir putin emmanuel macron

«È ovvio, ma non subito. Lui dice di non avere aspirazioni politiche. […] Certo è che oggi si sta comportando molto bene, evita lo scontro frontale […], si ritira in buon ordine, persino ammette i propri errori e questo lo rende ancora più simpatico. Mi attendo che ad un certo punto gran parte della società civile lo vorrà come leader».

 

Quanto pesa la necessità di trovare una pace di compromesso con Putin?

«Qui siamo tutti convinti che Putin intenda ancora occupare l’intera Ucraina e farne uno Stato satellite come la Bielorussia. Qui tanti sarebbero anche pronti al compromesso, c’è stanchezza, ma non si fidano.

 

Nonostante le sue promesse, […] nessuno crede a Putin. Qualsiasi concessione territoriale da parte nostra necessiterebbe di granitiche garanzie da parte della Nato, dovrebbero essere assolutamente diverse dal precedente degli accordi di Budapest nel 1994, che avrebbero dovuto assicurarci indipendenza e integrità territoriale sui confini del 1991, ma sono stati violati da Putin sin dal 2014. Ci siamo già bruciati una volta, lo abbiamo pagato sulla nostra pelle: non deve ripetersi».

Sergei Shaptala e Valery Zaluzhny Sergei Shaptala e Valery Zaluzhny Oleksandr Syrsky Oleksandr Syrsky Oleksandr Syrsky Oleksandr Syrsky Oleksandr Syrsky Oleksandr Syrsky

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…