LEGA, ALLARME ROSSO! - SALVINI E DI MAIO SI ERANO ACCORDATI PER UNA TREGUA BALNEARE. QUINDI, NIENTE VOTO ANTICIPATO A SETTEMBRE. MA IL CASO BUZZFEED HA MANDATO IN TILT I LEGHISTI: TEMONO CHE DOPO LA CHIUSURA DELLA FINESTRA ELETTORALE (20 LUGLIO), IL TRUCE NON AVREBBE PIÙ UN PIANO B DA METTERE SUL TAVOLO IN CASO DI DIFFICOLTÀ, E ALLORA POSSA SCATENARSI UNA VERA E PROPRIA "TEMPESTA GIUDIZIARIA"

-

Condividi questo articolo

Dagoreport

 

MATTEO SALVINI E VLADIMIR PUTIN MATTEO SALVINI E VLADIMIR PUTIN

Non è solo il caso BuzzFeed a scuotere e preoccupare in queste ore i vertici leghisti. Secondo fonti bene informate, infatti, Salvini e Di Maio si erano accordati per una tregua balneare: poi, a settembre si ricomincia a ballare. Quindi, niente voto anticipato:  il Truce intendeva scavallare la fatidica data del 20 luglio, quella oltre la quale non si potrà andare se si vorranno sciogliere le Camere.

 

Del resto, Sergio Mattarella non consentirebbe mai di mettere a repentaglio la regolare approvazione della legge di bilancio (se non venisse approvata entro il 31 dicembre per via di una  campagna elettorale "tardiva" il paese rischierebbe l'esercizio provvisorio).

 

BuzzFeed BuzzFeed

Ma cosa temono dunque i leghisti? A via Bellerio, tanto più dopo le bombastiche registrazioni rese note dal sito americano, temono che non appena non sarà più possibile andare ad elezioni anticipate (e quindi la Lega si troverebbe politicamente indebolita e con le mani legate, senza più un piano B da mettere sul tavolo in caso di difficoltà) possa scatenarsi una vera e propria "tempesta giudiziaria".

 

Insomma, c'è timore su quello che potrebbe accadere nei prossimi mesi, non appena sarà chiusa la finestra elettorale ovvero quando non sarà più possibile chiedere il voto ed andare ad elezioni anticipate.

E di sicuro, la vicenda BuzzFeed, non fa che complicare enormemente le cose.

 

Condividi questo articolo

politica

A CHE PUNTO È LA NOTTE – MENTRE SERGIO MATTARELLA ANNUNCIA NUOVE CONSULTAZIONI MARTEDÌ PROSSIMO PER TRARRE LE CONCLUSIONI, FONTI DEL M5S E PD DANNO PER PRATICAMENTE CHIUSO L'ACCORDO PER UN GOVERNO DI LEGISLATURA. L'ASSEMBLEA M5S DÀ MANDATO A TRATTARE CON I DEM – NESSUN CONTATTO TRA GRILLINI E LA LEGA "QUESTO FORNO È CHIUSO DA TEMPO" – IL CAPO DELLO STATO: "LA CRISI VA DECISA IN TEMPI BREVI. ALCUNI MI HANNO CHIESTO TEMPO, ALCUNI ALTRE VERIFICHE" (E NON SEMBRAVA FELICE DI QUESTO) – SE MARTEDÌ NON SI TROVA LA QUADRA, SI VA ALLE ELEZIONI