LEGA DI LOTTA CONTRO LEGA DI GOVERNO – NON BASTAVANO I CONSENSI IN CALO E LA MELONI CHE HA CONQUISTATO LA LEADERSHIP DEL CENTRODESTRA, SALVINI SI TROVA A FRONTEGGIARE L’INCAZZATURA DI DRAGHI E LA SPACCATURA DENTRO AL CARROCCIO CON I GOVERNISTI GIORGETTI E GARAVAGLIA SUL TEMA BALNEARI – IL CAPITONE AVEVA DETTO A MARIOPIO DI DOVERSI CONFRONTARE CON CENTINAIO, GIÀ MINISTRO AL TURISMO, CHE MOLTO SI È BATTUTO PER IL RINVIO DELLE GARE…

-

Condividi questo articolo


Marco Cremonesi per il Corriere della Sera

 

GARAVAGLIA GIORGETTI GARAVAGLIA GIORGETTI

Il grilletto pare sia stata la nota firmata ieri mattina da Anna Maria Bernini e Massimiliano Romeo, capigruppo al Senato di Forza Italia e Lega. Sarebbero state quelle poche frasi a suggerire al premier Mario Draghi di rompere gli indugi: «Necessari ulteriori approfondimenti», «accordo a oggi non raggiunto», niente atti «sulla pelle di famiglie che da anni si prendono cura del nostro mare».

 

Il fatto è che il maxi emendamento del governo sulla messa a gara delle concessioni balneari, che sta rallentando da mesi l'intero ddl concorrenza, è firmato da Massimo Garavaglia, il ministro leghista al Turismo, scritto in collaborazione con il collega dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Il fatto è che Massimiliano Fedriga, il presidente (leghista) della Conferenza delle Regioni, aveva già dato il suo via libera.

 

MASSIMO GARAVAGLIA. MASSIMO GARAVAGLIA.

Il fatto è, ancora, che il premier proprio di questo tema aveva parlato con Matteo Salvini non più tardi di lunedì. Certo, il segretario aveva detto «troveremo un accordo, anche se prima dovrò confrontarmi col partito. Con una parte, soprattutto».

 

Forse un riferimento a Gian Marco Centinaio, già ministro al Turismo, che molto si è battuto per il rinvio delle gare. Anche se, al di là del merito della questione, in una parte del partito la Lega di governo resta sotto osservazione.

 

In realtà, il tema balneari all'inizio non avrebbe dovuto essere incluso nel decreto concorrenza. È per questo che molti leghisti sostengono che tra le gare per le spiagge e il Pnrr non ci sia relazione, e che il legame sia stato generato proprio dal fatto che il governo lo abbia inserito nella riforma della concorrenza, quella sì richiesta dall'Unione.

 

gian marco centinaio matteo salvini gian marco centinaio matteo salvini

La prima reazione della Lega è affidata a una nota che parla di «enorme stupore di tutto il partito: in una giornata così importante, con il presidente del Consiglio che interviene in Senato e alla Camera per discutere di un tema cruciale come la guerra, è sorprendente un cdm convocato d'urgenza per discutere del ddl concorrenza».

 

E in effetti, nella Lega il Consiglio dei ministri qualche stupore lo ha generato davvero. Suscitando il non insolito commento da parte di molti: «Draghi si muove non da politico, ma da presidente delle Bce. La politica è stare intorno al tavolo fino a quando si trova una soluzione soddisfacente». La sorpresa dipende anche dal fatto che moltissimi esponenti del partito dessero la partita per conclusa, nonostante i 226 sub emendamenti al testo di Garavaglia.

GIANMARCO CENTINAIO MASSIMILIANO ROMEO MATTEO SALVINI RICCARDO MOLINARI LORENZO FONTANA GIANMARCO CENTINAIO MASSIMILIANO ROMEO MATTEO SALVINI RICCARDO MOLINARI LORENZO FONTANA

 

Certo, un po' di resistenza, quella necessaria a poter dire «ci siamo battuti fino all'ultimo» era stata messa nel conto. Utile anche a fronteggiare la serrata offensiva di Fratelli d'Italia. Ieri infatti Giorgia Meloni è stata durissima: «Un governo che dispone in Parlamento di una maggioranza pari a circa il 95% delle forze politiche vuole ricorrere alla fiducia per la 51esima volta. Il turismo balneare è un pezzo strategico della nostra economia che rischia di essere svenduto alle multinazionali e ai grandi gruppi economici. Fratelli d'Italia non cambia posizione e continuerà a dare battaglia».

 

centinaio salvini giorgetti centinaio salvini giorgetti

Quello che invece non era stato previsto è stata la reazione del premier con il cdm a sorpresa. Anche se, secondo alcuni autorevoli esponenti del partito, Massimo Garavaglia, avvertito del comunicato Bernini-Romeo in rampa di lancio, avesse suggerito cautela: la tolleranza del premier a lui sembrava vicina all'esaurimento. Ma la nota è partita lo stesso.

matteo salvini, giancarlo giorgetti, gian marco centinaio matteo salvini, giancarlo giorgetti, gian marco centinaio gianmarco centinaio matteo salvini gianmarco centinaio matteo salvini

 

Condividi questo articolo

politica

“LA NATO NON DEVE PERDERE DI VISTA LE MINACCE CHE POSSONO GIUNGERE DA SUD” – IL MINISTRO DELLA DIFESA GUERINI: “L'AFRICA È LA DIREZIONE A CUI GUARDIAMO DA TEMPO CON MAGGIORE ATTENZIONE. DA LÌ POSSONO ORIGINARSI MINACCE DIRETTE ALLA NOSTRA SICUREZZA” – “LA PRESENZA NAVALE RUSSA È COSTANTEMENTE MONITORATA” – “L’ITALIA CON L’UCRAINA STA FACENDO QUANTO DEVE, IN LINEA CON IL SUO RUOLO INTERNAZIONALE. CONTINUEREMO A SOSTENERLI, AL FINE DI PORLI NELLE CONDIZIONI DI POTER RESISTERE: QUESTA È L'UNICA MANIERA PERCHÉ MOSCA SI CONVINCA CHE NON POTRÀ VINCERE SUL TERRENO E ACCETTI LA VIA NEGOZIALE”