LA LEGA SI SPACCA SUL NOME DI VANNACCI! – IL SENATORE DEL CARROCCIO GIAN MARCO CENTINAIO, A “UN GIORNO DA PECORA”, SI INCAZZA PER LA CANDIDATURA DEL GENERALE, ANCORA NON UFFICIALIZZATA MA SEMPRE PIÙ CERTA: “IL MIO ENTUSIASMO È A MENO 2000. LA LEGA DEVE CANDIDARE LEGHISTI, GIÀ UNO CHE DEVE MEDITARE SE CANDIDARSI O NO NON LO SCEGLIEREI MAI. NON LO VOTERÒ, SCEGLIERÒ UNO DELLA LEGA CHE SI È FATTO IL MAZZO…”

-

Condividi questo articolo


centinaio centinaio

EUROPEE, CENTINAIO: CANDIDATURA VANNACCI? MIO ENTUSIASMO E’ A -2000, NON VOTEREI MAI UNO CHE DEVE MEDITARE SE CANDIDARSI O NO, NON LO VOTERO’

Da “Un giorno da Pecora – Radio1”

 

“Il mio entusiasmo per la candidatura di Vannacci? E’ a meno 2000…la mia opinione è nota: la Lega deve candidare leghisti, già uno che deve meditare se candidarsi o no non lo sceglierei mai. Se Vannacci sarà candidato nella mia circoscrizione non lo voterò, sceglierò uno della Lega che si è fatto il mazzo sul territorio”. Così a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il senatore leghista Gian Marco Centinaio, intervistato da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari.

BOSSI SALVINI BOSSI SALVINI

 

Lega:Centinaio,Bossi vuole nuovo leader? Per me assolutamente no

(ANSA) -  Bossi ha ragione a dire che serve un nuovo leader? "Assolutamente no, non sono d'accordo. Bossi è stato un rivoluzionario, Salvini ha aperto ad una visione più nazionale". Così a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il senatore leghista Gian Marco Centinaio.

ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI VANNACCI VANNACCI centinaio centinaio ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI