LETTA E CONTE NON RIESCONO A METTERSI D’ACCORDO NEMMENO SULLE POLTRONE DA SPARTIRE – A DUE MESI DALLE ELEZIONI, LE OPPOSIZIONI SONO DIVISE, E IL COPASIR, IL COMITATO PARLAMENTARE PER LA SICUREZZA DELLA REPUBBLICA, È BLOCCATO. LA COMMISSIONE INTANTO È FORMATA E È RIUSCITA A ENTRARE ANCHE “KISS ME LICIA” RONZULLI – IL PD VUOLE DARE LA PRESIDENZA A LORENZO GUERINI, MA I GRILLINI IMPROVVISAMENTE FRENANO E PROPONGONO L’EX MAGISTRATO SCARPINATO. SULLO SFONDO, C’È LA PARTITA PER LA VIGILANZA RAI (CHE RENZI VUOLE PER LA BOSCHI)

-

Condividi questo articolo


Giuliano Foschini e Serenella Mattera per www.repubblica.it

 

CONTE LETTA CONTE LETTA

Il Copasir c'è, ma non è ancora in grado di riunirsi. A due mesi dalle elezioni, sono le divisioni dell'opposizione a bloccare il Comitato parlamentare sulla sicurezza della Repubblica. Dopo lunga attesa, dovuta al temporeggiare del Movimento 5 stelle, i presidenti delle Camere hanno ufficializzato la composizione della bicamerale. Ma una convocazione manca, per una spaccatura tra Partito democratico e M5s sulla presidenza dell'organismo di garanzia. Il Pd la vuole per l'ex ministro della Difesa Lorenzo Guerini (o, ma è meno probabile, Enrico Borghi), i cinquestelle frenano, avanzano il nome del magistrato Ferdinando Scarpinato. Sullo sfondo c'è una trattativa parallela per la guida della Vigilanza Rai, su cui avanza le sue mire anche il Terzo polo.

 

ROBERTO SCARPINATO ROBERTO SCARPINATO

[…] Faranno parte della bicamerale i senatori Andrea Augello (FdI), Claudio Borghi (Lega), Licia Ronzulli (FI), Enrico Borghi (Pd) e Ferdinando Scarpinato (M5s), e i deputati Giovanni Donzelli (FdI), Lorenzo Guerini (Pd), Marco Pellegrini (M5s), Ettore Rosato (Iv) e Angelo Rossi (FdI).

 

[…] Ma la presidenza, da tradizione, spetta all'opposizione, perché il Copasir è organo di garanzia. Perciò dalla maggioranza assicurano che se ancora non ci si è riuniti, è responsabilità della minoranza, che non riesce a trovare al suo interno un accordo sul profilo cui affidare la guida della commissione.

 

lorenzo guerini foto di bacco (2) lorenzo guerini foto di bacco (2)

La partita si gioca tra Pd e M5s, anche se per i Dem è fuori discussione che la presidenza vada a loro, visto il risultato elettorale. Il candidato più quotato è Guerini, già presidente del Copasir e poi ministro della Difesa, ma in partita fino all'ultimo resta anche Borghi. Dipenderà dal confronto con i Cinque stelle, che hanno in Scarpinato il loro naturale candidato. La convinzione degli ex alleati è che abbiano ritardato la costituzione del Copasir, temporeggiando sui loro nomi, per poter votare la presidenza in contemporanea con quella della Vigilanza Rai.

 

Il timore del Movimento è che alla bicamerale sulla tv pubblica, con un accordo trasversale con la maggioranza, Matteo Renzi riesca a far eleggere Maria Elena Boschi. Ecco perché servirà un accordo tra Dem e M5s sulle due presidenze per sbloccare l'elezione. "Noi votiamo il nome che ci indicheranno, non vogliamo trovarci a scegliere tra i loro", dice una fonte di maggioranza.

 

Ma Giuseppe Conte, interpellato sulla possibilità di votare un esponente del Pd al Copasir, si fa sibillino: "Dipende da chi propongono", risponde a chi lo interpella. E se fosse Guerini? "Vediamo", ribatte. Si vedrà. […]

MANIFESTI DI CONTE E LETTA SUGLI AUTOBUS MANIFESTI DI CONTE E LETTA SUGLI AUTOBUS giuseppe conte enrico letta 1 giuseppe conte enrico letta 1 ROBERTO SCARPINATO ROBERTO SCARPINATO GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA

 

ROBERTO SCARPINATO ROBERTO SCARPINATO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…