MA NON ERA IL PARTITO DI BIBBIANO? ALLA FINE DI MAIO VERRA’ CANDIDATO NELLA LISTA PD: LA MOSSA DEM DOPO L'ACCORDO CON CALENDA - IN VIRTÙ DELL'INTESA, IL MINISTRO DEGLI ESTERI, CHE HA APPENA FONDATO IMPEGNO CIVICO, NON POTRÀ ESSERE CANDIDATO IN UN COLLEGIO UNINOMINALE. L'IDEA DEL "DIRITTO DI TRIBUNA" SOTTO LE INSEGNE DEI DEMOCRATICI, NEL LISTINO PROPORZIONALE - LA POLEMICA AL CALOR BIANCO DELL'ALLORA PENSTALLATO DI MAIO CONTRO IL PD SUI PRESUNTI CASI DI AFFIDAMENTI ILLECITI A BIBBIANO

-

Condividi questo articolo


Lorenzo De Cicco per repubblica.it

 

DI MAIO CONTRO IL PD DI MAIO CONTRO IL PD

Luigi Di Maio candidato nel Pd. A nemmeno 24 ore dal lancio del suo nuovo cartello "Impegno Civico", in asse con Bruno Tabacci, il ministro degli Esteri viaggia veloce verso una candidatura inattesa, sotto le insegne dem (lontanissimi i tempi in cui lo chiamava il partito di Bibbiano). L'offerta è stata appena formulata da Enrico Letta: il Partito democratico, fanno sapere dal Nazareno, "nelle prossime liste elettorali offrirà diritto di tribuna in Parlamento ai leader dei diversi partiti e movimenti politici del centrosinistra che entreranno a far parte dell’alleanza elettorale". A cominciare dall'ex capo politico del M5S.

 

 

La mossa dei democratici arriva dopo l'accordo con Carlo Calenda e i radicali di +Europa. Nel testo dell'intesa elettorale appena siglata, c'è scritto che nei collegi uninominali non saranno candidati politici considerati divisivi. Quindi "i leader delle forze politiche che costituiranno l’alleanza, gli ex parlamentari del M5S (usciti nell’ultima legislatura), gli ex parlamentari di Forza Italia (usciti nell’ultima legislatura)". Per Di Maio sarebbe stato game over. Il partito appena lanciato, con appena 50 giorni di campagna elettorale, difficilmente riuscirà a raggiungere il 3%, soglia minima per ottenere seggi nel prossimo Parlamento. L'unica via era puntare tutto su qualche collegio uninominale, per Di Maio e forse per un paio di fedelissimi. Ipotesi archiviata dal patto Letta-Calenda.

MEME SUL SIMBOLO DI IMPEGNO CIVICO MEME SUL SIMBOLO DI IMPEGNO CIVICO

 

 

Ecco allora l'exit strategy, l'offerta del Pd: candidare nelle proprie liste, sotto l'insegna Democratici e Progressisti, i leader delle formazioni minori che faranno parte dell'alleanza. Potrebbero essere indicati in posizioni eleggilibili, nella quota proporzionale. Con un filo d'imbarazzo forse, dati i trascorsi tra Di Maio e i dem, ma gli incastri del Rosatellum e le condizioni di Calenda non lasciano aperte altre strade.

L APE MAIO L APE MAIO BRUNO TABACCI LUIGI DI MAIO MEME BRUNO TABACCI LUIGI DI MAIO MEME

 

Condividi questo articolo

politica

“MARIE THERESE MUKATSINDO AVEVA TRASFORMATO SE STESSA IN UNA SPECIE DI WANNA MARCHI DELL’ACCOGLIENZA” – “LA VERITÀ”: “LA KARIBU NON SAREBBE STATA UNA COOPERATIVA, MA UNA DITTA A CONDUZIONE FAMIGLIARE O AL MASSIMO UN'ASSOCIAZIONE. CHE NEL GIRO DI POCHI ANNI AVREBBE GESTITO PIÙ DI 60 MILIONI DI EURO DI FONDI PER L'ACCOGLIENZA. UN FIUME DI DENARO EROGATO SENZA CHE NESSUNO SI ACCORGESSE DELLA REALE NATURA DELLE DUE COOP. UNA PICCOLA HOLDING CHE HA POTUTO NON PAGARE OLTRE 1 MILIONI DI EURO DI TASSE E PIÙ DI 100.000 EURO DI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI” – LO STIPENDIO DA 4.500 EURO E LETTERE CHE SMENTISCONO LA MOGLIE DI SOUMAHORO

AVETE VOLUTO LA BREXIT? MO’ V’ATTACCATE! – ANCHE LA BANCA D’INGHILTERRA AMMETTE CHE L’USCITA DEL REGNO UNITO DALL’EUROPA È STATA UNA COLOSSALE CAZZATA – IL CAPO ECONOMISTA DELLA BOE, HUW PILL: “ALCUNE DELLE CARENZE OCCUPAZIONALI CHE ABBIAMO ADESSO IN PASSATO VENIVANO RICOPERTE DAL FLUSSO DI LAVORATORI EUROPEI. QUESTA OPPORTUNITÀ ORA NON C’È PIÙ” – LO STUDIO DELLA LONDON SCHOOL OF ECONOMICS: LA BREXIT À COSTATA AI BRITANNICI SEI MILIARDI IN PIÙ SOLO DI SPESA ALIMENTARE”

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

“CON JOHN KERRY RISOLVEREMMO I PROBLEMI” – IL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO, SERGEI LAVROV, LODA L’EX SEGRETARIO DI STATO AMERICANO, ATTUALMENTE INVIATO SPECIALE DI BIDEN PER IL CLIMA. NON LO DIREBBE MAI SE NON FOSSE STATO AUTORIZZATO DALLO STESSO KERRY: È LA PROVA CHE I DUE SI STANNO MUOVENDO, E POTREBBE ESSERE UN OTTIMO SEGNALE PER IL NEGOZIATO SULLA GUERRA IN UCRAINA – I DUE SI CONOSCONO BENE, SI SONO INCONTRATI PIÙ DI 50 VOLTE E VANTANO UN RAPPORTO PERSONALE DI FIDUCIA RECIPROCA…