DI MAIO A PEZZI – PERCULATO PER STRADA, SBEFFEGGIATO SUI SOCIAL, INGHIOTTITO DAL BUCO NERO DELLA DEPRESSIONE, HA DECISO DI CHIUDERSI IN CASA E CASSARE I SUOI ACCOUNT – MA IL POVERINO NON VUOLE LASCIARE LA POLITICA: VUOLE LAVORARE AL NUOVO PARTITO DEI SINDACI - DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO L’EX BIBITARO NON DOVREBBE AVERE PROBLEMI NELL'IMMEDIATO FUTURO VISTO CHE OLTRE AD AVER PERCEPITO GENEROSI STIPENDI DA PARLAMENTARE PER QUASI 10 ANNI, DI CUI 5 DA VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, POTRÀ CONTARE SULL'ASSEGNO DI FINE MANDATO DA MONTECITORIO CHE AMMONTA A CIRCA 100 MILA EURO, OLTRE AD UN ALTRO ANNO DI STIPENDIO DA MINISTRO DEGLI ESTERI

- -

 

-

Condividi questo articolo


Caris Vanghetti per "Il Messaggero"

 

LUIGI DI MAIO LUIGI DI MAIO

La carriera politica dell'ex leader del Movimento 5 Stelle e attuale, anche se ancora per pochi giorni, ministro degli Esteri del Governo Draghi, Luigi Di Maio, non sembra destinata a fermarsi con la disfatta appena riportate alle elezioni politiche del 25 settembre, dove il suo partito, Impegno Civico, ha raccolto un misero 0,6 per cento. 

Una percentuale che non ha consentito la rielezione dell'ex enfant prodige di Beppe Grillo. Il ragazzo è giovane (ha compiuto da poco 36 anni) e combattivo e, di esperienze di tutto rispetto ne ha fatte molte; vicepresidente della Camera, ministro del Lavoro, ministro dello Sviluppo Economico nei Governi Conte e ministro degli Esteri con Mario Draghi.

 

meme luigi di maio prossimo concorrente del gf vip meme luigi di maio prossimo concorrente del gf vip

L'interrogativo su quale sarà il futuro di Di Maio è diventato oggetto di dibattito pubblico quando, poche ore fa, ha cancellato il suo profilo Facebook da 2,4 milioni di follower e quello su Tik Tok. Una volta giunta dal suo staff la rassicurazione che non si è trattato di un attacco hacker, si sono aperte le ipotesi di cosa farà tra qualche giorno l'attuale capo della nostra diplomazia quando dovrà lasciare il posto alla Farnesina al suo successore. 

E così è emerso che l'ex leader dei 5 Stelle ha iniziato a contattare riservatamente diversi giovani e promettenti politici di tutti gli schieramenti, principalmente sindaci ed ex sindaci, che nel corso dell'ultima campagna elettorale non si sono spesi troppo, o affatto, per i rispettivi partiti. 

 

L'idea, secondo diverse fonti, sarebbe sulla falsa riga di quel partito dei sindaci, tante volte annunciato e mai nato, che non sarebbe dispiaciuto neppure al Quirinale, ma che a causa della rapidità con cui si è consumata la crisi del governo Draghi non è stato possibile mettere in piedi. 

di maio meme di maio meme

D'altronde tra la debacle del Partito Democratico e quella della Lega, senza contare un astensionismo ormai giunto al 40%, lo spazio teorico per una nuova formazione, in cui far confluire giovani amministratori locali di varie estrazioni che vivono quotidianamente a contatto con gli elettori, c'è ed è ampio. 

 

di maio meme 5 di maio meme 5

Comunque dal punto di vista economico Di Maio non dovrebbe avere problemi nell'immediato futuro visto che oltre ad aver percepito generosi stipendi da parlamentare per quasi 10 anni, di cui 5 da vicepresidente della Camera, potrà contare sull'assegno di fine mandato da Montecitorio che ammonta a circa 100 mila euro, oltre ad un altro anno di stipendio da ministro degli Esteri. 

 

di maio meme 1 di maio meme 1

E comunque, benché fonti vicine al numero uno della Farnesina assicurino che ancora non ha iniziato a pensare a un nuovo lavoro da intraprendere, certamente i contatti di alto livello che Di Maio ha potuto creare in questi 10 anni potranno essere benissimo messi a frutto nel mondo della consulenza e delle relazioni istituzionali.

LUIGI DI MAIO MEME LUIGI DI MAIO MEME luigi di maio noccolinaro by mauro anelli luigi di maio noccolinaro by mauro anelli LUIGI DI MAIO MEME LUIGI DI MAIO MEME luigi di maio a porta a porta luigi di maio a porta a porta LUIGI DI MAIO LUIGI DI MAIO LUIGI DI MAIO E ENRICO LETTA LUIGI DI MAIO E ENRICO LETTA

 

Condividi questo articolo

politica

ETICA E COTICA – URSULA VON DER LEYEN HA GLISSATO DI FRONTE ALLE DOMANDE SUL SUO ABITO BLU NOTTE: A CHI LE CHIEDEVA CHI FOSSE LO STILISTA, HA RISPOSTO CANDIDAMENTE DI NON RICORDARSI IL NOME, A DIFFERENZA DI GIORGIA MELONI, CHE HA SUBITO URLATO “ARMANI” A QUANTI LE FACEVANO LA STESSA DOMANDA. MORALE DELLA FAVA? LA DIMENTICANZA DI URSULA SIGNIFICA CHE QUEL VESTITO SE L’È COMPRATO. CHI INVECE TENDE A RIVELARE CON ECCESSIVA FOGA (E POCA ELEGANZA) IL MARCHIO DELL’ABITO CHE INDOSSA, DI SOLITO LO FA PERCHÉ SI TRATTA DI UN REGALO…

FLASH! – IL “BORIS GODUNOV” ALLA SCALA HA “SCONGELATO” IL RAPPORTO BRUXELLES-ROMA: FONDAMENTALE L’INCONTRO TRA VON DER LEYEN E MATTARELLA, NEL QUALE I DUE HANNO PARLATO A LUNGO DEL PNRR - ENTRO DOMANI SARÀ COMUNICATO IL NUOVO ACCORDO SULLA SOGLIA MINIMA PER I PAGAMENTI CON IL POS. L’EUROPA GRADIREBBE CHE IL LIMITE NON SUPERI DIECI EURO, MENTRE IL GOVERNO, COME NOTO, LO VUOLE ALZARE A 60. SI ANDRÀ A UNA MEDIAZIONE E SI TROVERÀ UN COMPROMESSO. NESSUNA INTESA INVECE (PER IL MOMENTO) SUL TETTO AL CONTANTE…

COSE CHE POSSONO SUCCEDERE SOLO IN ITALIA: I MASSONI DIFENDONO IL REDDITO DI CITTADINANZA! – IN POCHI HANNO FATTO CASO ALLA VISITA DI GIUSEPPE CONTE AGLI ASILI NOTTURNI UMBERTO I DI TORINO, STORICA ISTITUZIONE LEGATA ALLA MASSONERIA. AD ACCOGLIERE PEPPINIELLO APPULO C’ERA IL GRAN MAESTRO ONORARIO DEL GRANDE ORIENTE D’ITALIA, SERGIO ROSSO, CHE SI È SPERTICATO IN UNA DIFESA DEL SUSSIDIO GRILLINO: “SENZA QUESTO STRUMENTO MOLTE PERSONE NON POTREBBERO SOPRAVVIVERE”. E TANTI SALUTI A UN ALTRO TABÙ GRILLINO: GLI STRALI CONTRO GREMBIULI, COMPASSI E CAPPUCCIONI. NON A CASO TRA LE REGOLE PER LE AUTOCANDIDATURE DEL MOVIMENTO SPUNTA IL DIVIETO PER CHI È ISCRITTO AD ASSOCIAZIONI MASSONICHE. IL MELENCHON CON LA POCHETTE AVRÀ CAMBIATO IDEA?

SALVINI COME AL SOLITO NON C’HA CAPITO UNA MAZZA – IL “CAPITONE” ESULTA PERCHÉ L’UE HA FISSATO UN TETTO MASSIMO A 10MILA EURO PER I PAGAMENTI IN CONTANTI. MA LA DECISIONE NON C’ENTRA NIENTE CON LA MANOVRA ITALIANA, CHE VUOLE ALZARE IL TETTO AL CASH FINO A 5MILA EURO – LA MISURA COMUNITARIA È UN PASSO IN DIREZIONE OPPOSTA ALL’AUMENTO DELLA CIRCOLAZIONE DELLE BANCONOTE, VISTO CHE IN GERMANIA NON C’ERA ALCUN LIMITE. E COMUNQUE, ROMA NON È BERLINO, E NEPPURE PARIGI O MADRID. IL NOSTRO TASSO DI EVASIONE È IL PIÙ ALTO D’EUROPA (26 MILIARDI DI IVA NON RISCOSSA…)