MARINE, AU REVOIR! – NON BASTA RINNEGARE LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD PER RIPULIRSI L’IMMAGINE! URSULA VON DER LEYEN TUMULA L’IPOTESI DI UN ALLARGAMENTO DELLA MAGGIORANZA UE ALLA VALCHIRIA FRANCESE: “RASSEMBLEMENT NATIONAL IN FRANCIA, AFD IN GERMANIA. POSSONO AVERE NOMI E PRINCIPI DIVERSI, MA HANNO UNA COSA IN COMUNE: SONO AMICI DI PUTIN E VOGLIONO DISTRUGGERE LA NOSTRA UE…” – UNA PESSIMA NOTIZIA ANCHE PER LA DUCETTA MELONI, CHE SOGNA DI SPOSTARE IL BARICENTRO DELL’UE A DESTRA…

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1. VON DER LEYEN, 'LE PEN E AFD VOGLIONO DISTRUGGERE L'UE'

giorgia meloni ursula von der leyen kiev giorgia meloni ursula von der leyen kiev

(ANSA) - "Se guardate al Rassemblement National" in Francia, "ad AfD in Germania o a Konfederacja in Polonia, possono avere nomi diversi e principi diversi, ma hanno una cosa in comune: sono amici di Putin e vogliono distruggere la nostra Ue. Noi non lo permetteremo".

 

Lo ha detto la candidata di punta del Partito popolare europeo (Ppe), Ursula von der Leyen, nel corso del dibattito in Eurovisione tra gli Spitzekandidaten alla presidenza della Commissione Ue.

 

2. DIVISI TRA GUERRA E PANDEMIA IL SONDAGGIO SULLE PAURE DELLA UE CHE VON DER LEYEN USA PER IL BIS

Estratto dell'articolo di Claudio Tito per “la Repubblica”

 

salvini le pen salvini le pen

Un’Europa spaccata in due. Schiacciata da due allarmi diversi: la guerra e la salute. Ma con una sola preoccupazione: la sopravvivenza. Per capire lo stato d’animo dei cittadini europei a meno di un mese dal voto, bisogna leggere uno studio effettuato il mese scorso su incarico della Commissione europea. Una ricerca [...] che sta guidando la campagna elettorale di Ursula von der Leyen. E anche quella di alcuni dei leader europei che puntano ad un’alleanza con la presidente uscente dell’esecutivo europeo.

 

giorgia meloni a mattino 5 giorgia meloni a mattino 5

Un sondaggio mostra un’Unione dicotomica: il Nord Est del Vecchio Continente da una parte, il Sud e l’Ovest dall’altra. «Qual è la principale preoccupazione degli europei», è la domanda che ha guidato lo studio. E le risposte prevalenti, sono appunto, solo due: guerra e salute. Con una sola eccezione, la Francia: il 40 per cento dei transalpini è invece concentrato sul potere d’acquisto degli stipendi.

 

Dall’Italia (43 per cento degli intervistati) alla Spagna (47), dal Portogallo (54) all’Irlanda (58), dalla Bulgaria (56) alla Grecia (61), gli elettori hanno in prevalenza in mente un solo obiettivo: la sanità. Superare le malattie. E quindi un sistema sanitario efficiente. È evidente che i segni della pandemia Covid hanno lasciato nella memoria un ricordo indelebile.

 

MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE

Se ci si sposta a Nord Est, invece, la paura è la guerra. Lo spauracchio, insomma, è la Russia. Il timore che dopo l’Ucraina il conflitto si allarghi nei loro territori è una sensazione quasi palpabile. Dalla Germania (il 44 per cento dei tedeschi) alla Polonia (59 per cento), dalla Finlandia (43 per cento) alla Lituania (56 per cento) lo sguardo della popolazione è rivolto verso Mosca. Verso l’incubo di un Terza Guerra mondiale.

 

Ma quel che colpisce, ad eccezione della Francia, è che gli europei vivono complessivamente una condizione di precarietà che probabilmente non si era mai riscontrata in passato in questi termini. Sembra soprattutto mancare la speranza di una vita migliore ed emerge il desiderio di tutelare solo la vita.

 

giorgia meloni ursula von der leyen vertice italia africa giorgia meloni ursula von der leyen vertice italia africa

Sulla base di queste indicazioni anche Ursula von der Leyen sta modulando Paese per Paese la “corsa” al secondo mandato. Ne ha pure parlato con alcuni dei leader di governo del Ppe e con alcuni di quelli con cui spera di costruire un accordo dopo le elezioni.

 

L’idea dunque di concentrare l’attenzione sulle spese per la difesa, su come organizzare la protezione dei territori europei e sull’obiettivo di un esercito comune sta accompagnando il dibattito con i partner nord-orientali.

 

[...] La presidente della Commissione sta dunque misurando i suoi interventi proprio in base a queste due sensibilità (tre con l’eccezione francese e infatti lì preferisce discutere di occupazione e delle proteste degli agricoltori). [...]

salvini le pen salvini le pen Manfred Weber e Ursula von der leyen Manfred Weber e Ursula von der leyen MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ