MATTEO, STAI SERENO – RENZI STREPITA E MINACCIA DI CORRERE DA SOLO, MA NON LO FARÀ MAI: RISCHIA DI NON PRENDERE MANCO UN SEGGIO! LETTA SI GODE LA VENDETTA, E GIOCA A LOGORARLO: L’OBIETTIVO È OFFRIRGLI UNA RESA MA SOLO QUANDO LA PARTITA SULLA COALIZIONE SARÀ CHIUSA. A QUEL PUNTO GLI OFFRIRÀ UN PUGNO DI SEGGI E IL SENATORE SEMPLICE DI RIGNANO DOVRÀ DECIDERE SE PRENDERE O LASCIARE – DAL NAZARENO SE LA RIDONO: “ALLA FINE L’ACCORDO SI FARÀ, MA RENZI SARÀ COSTRETTO A TRATTARE DA UNA POSIZIONE DI DEBOLEZZA…”

-

Condividi questo articolo


Pasquale Napolitano per “il Giornale”

 

LETTA RENZI LETTA RENZI

L'obiettivo di Enrico Letta è portare Matteo Renzi allo sfinimento. Offrirgli la resa. Ma solo quando la partita sull'alleanza nel centro-sinistra sarà già chiusa. Prendere (due seggi) o lasciare? È questa la strategia del Nazareno, che considera in cassaforte l'intesa con Carlo Calenda. E che nel frattempo vuole mettere Renzi spalle al muro. Si lavora a questo obiettivo.

 

Al Giornale fonti dem di primo piano confermano: «Alla fine l'accordo tra Pd e Italia viva si farà. Ma Renzi sarà costretto a trattare da una posizione di debolezza». E in effetti la manovra di accerchiamento produce i primi risultati.

 

MATTEO RENZI ENRICO LETTA MEME MATTEO RENZI ENRICO LETTA MEME

Renzi fiuta il pericolo e cerca di uscire dall'angolo: «Corriamo da soli. Non mi faccio umiliare», ha ribadito mercoledì sera durante la riunione con i gruppi parlamentari. Italia Viva è attestata all'1,9 per cento. Per portare a casa una decina di parlamentari bisogna arrivare almeno al 3. Impresa complicata.

 

Lo sfogo renziano è plastico nell'ultima E-news, che si trasforma in un appello disperato: «C'è qualcuno che mette il veto su di noi in coalizione, per antichi rancori personali. E va bene. Chi fa questa scelta si assume una bella responsabilità in caso di sconfitta. Chi vuole costruire una coalizione vera, sui contenuti, sa dove trovarci. Chi pensa di comprarci con tre posti, non ci conosce», scrive il rottamatore.

 

L ARMATA BRANCALEONE DI LETTA L ARMATA BRANCALEONE DI LETTA

Renzi grida. Letta ascolta e gode. Il senatore di Scandicci spera che si apra un varco al Nazareno. C'è un ostacolo: è in corso la composizione delle liste. Il potere è nelle mani del segretario. Anche i renziani rimasti ne Pd se ne stanno buoni, in attesa della candidatura. Col passare delle ore in casa di Italia Viva svanisce l'ipotesi di un terzo polo con Calenda. Il leader di Azione sta trattando sui collegi.

 

Renzi prova a sabotare la trattativa: «Per noi fare politica significa chiedere un voto per portare avanti delle idee. Non nascondersi in una finta coalizione per recuperare una poltroncina di consolazione. Il 25 settembre è la sfida più bella che potevamo chiedere. I greci dicevano che un momento come questo è un kairos, un tempo di grazia e opportunità. Loro saranno alleati nelle urne, ma divisi già in campagna elettorale. Noi saremo liberi di poter fare un discorso di verità al Paese».

 

MATTEO RENZI BY ANNETTA BAUSETTI MATTEO RENZI BY ANNETTA BAUSETTI

Si aggrappa a Draghi, sperando di trovare terreno fertile nei draghiani del centro-sinistra: «A destra sono sicuri di vincere e già litigano su chi deve andare a Palazzo Chigi. Io lavoro perché non abbiano i numeri e siano costretti a tornare a bussare alla porta di Mario Draghi. Ma perché ciò accada bisogna mandare in Parlamento gente capace, non chi diceva Conte o morte».

 

La corsa solitaria o l'umiliazione? Il bivio è questo. Per la corsa solitaria servono candidati in tutti i collegi e soldi per la campagna elettorale. L'ex premier prova a motivare la base: «Chi vuole darci una mano per fare questa campagna elettorale sappia che noi non offriamo seggi ma solo tanta fatica. Abbiamo bisogno di arrivare a diecimila volontari. Diecimila persone che si iscrivano a questa piattaforma.

 

LETTA DRAGHI LETTA DRAGHI

Saranno il nostro valore aggiunto. Si tratta molto semplicemente di dedicare del tempo ogni settimana per iniziative sul territorio, sui social, per coinvolgere amici e per lavorare assieme. Chi vuole dedicarci del tempo, anche un'ora a settimana a settembre (anche ad agosto per chi c'è), lo faccia.

 

Questa non è la mia sfida, questa è la vera sfida di tutti quelli che vogliono far crescere l'area del buon senso. Abbiamo bisogno di fare una grande Leopolda. Abbiamo bisogno di contributi economici, come sempre trasparenti. L'obiettivo è raccogliere 100mila euro in contributi da 5, 10, 50 euro, da più persone possibili». Carica i suoi. Ma spera in una resa onorevole.

letta renzi letta renzi enrico letta matteo renzi enrico letta matteo renzi

 

Condividi questo articolo

politica

"SE DINO GIARRUSSO VUOLE ENTRARE NEL PD PRIMA CHIEDA SCUSA A CHI HA FERITO IN PASSATO" - STEFANO BONACCINI FRENA SULL’INGRESSO DELL’EX GRILLINO NEL PARTITO DEMOCRATICO - LE EVENTUALI SCUSE DI GIARRUSSO POTREBBERO NON BASTARE PERCHÉ LA COMMISSIONE CONGRESSO DEL PD STA VALUTANDO L'AMMISSIBILITÀ DELLA RICHIESTA DI ISCRIZIONE: LO STATUTO PD VIETA IL TESSERAMENTO DI CHI È GIÀ ISCRITTO A UN ALTRO PARTITO (E L’EX IENA HA FONDATO UN MOVIMENTO POLITICO NEI MESI SCORSI CON CATENO DE LUCA) - ALESSANDRO GASSMANN SI UNISCE AL CORO DI CRITICHE E SCAPOCCIA: “NON VOTO PIU’ PER IL PD”

“PUTIN MI DISSE 'NON VOGLIO FARTI MALE, MA CON UN MISSILE CI VORREBBE SOLO UN MINUTO” – BORIS JOHNSON RACCONTA UNA TELEFONATA PIUTTOSTO TESA CON “MAD VLAD”, AVVENUTA PRIMA DELL’INVASIONE RUSSA DELL’UCRAINA, IN CUI IL PRESIDENTE RUSSO MINACCIÒ DI BOMBARDARE IL REGNO UNITO -  OVVIAMENTE, ERA UNA BATTUTA (LA RUSSIA NON BOMBARDEREBBE MAI UN PAESE NATO COSÌ, D'EMBLEE, RISCHIANDO DI FINIRE INCENERITA), MA SERVE ALL’EX PREMIER PER FAR VEDERE QUANTO È DURO LUI RISPETTO A QUELLE PAPPEMOLLI DEI SUOI SUCCESSORI... - VIDEO