MELONI E SALVINI SI RICORDANO DEGLI AMICI – LE DELEGAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA E LEGA HANNO VOTATO CONTRO LA RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO CHE CHIEDE ALLA COMMISSIONE DI RESISTERE ALLE PRESSIONI DELL’UNGHERIA SULLO SBLOCCO DEI FONDI EUROPEI A BUDAPEST. DUE EURODEPUTATE DEL CARROCCIO SI SONO SMARCATE, MENTRE FORZA ITALIA HA VOTATO A FAVORE

-

Condividi questo articolo


VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI

(ANSA) - Le delegazioni di Fratelli d'Italia e Lega hanno votato contro la risoluzione dell'Eurocamera che chiede alla Commissione di resistere alle pressioni dell'Ungheria sullo sblocco dei fondi europei a Budapest.

 

Gli eurodeputati di Fdi hanno votato compatti 'no' mentre nella delegazione della Lega, a quanto si vede dai tabulati, Cinzia Bonfrisco ha votato a favore, Gianna Gancia si è astenuta e gli altri hanno votato contro. La delegazione di Fi, ad eccezione di Massimiliano Salini (astenuto), ha votato invece a favore della risoluzione.

VIKTOR ORBAN MATTEO SALVINI VIKTOR ORBAN MATTEO SALVINI giorgia meloni con viktor orban giorgia meloni con viktor orban viktor orban incontra matteo salvini a roma viktor orban incontra matteo salvini a roma GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN viktor orban incontra matteo salvini a roma viktor orban incontra matteo salvini a roma giorgia meloni e viktor orban giorgia meloni e viktor orban

 

Condividi questo articolo

politica

DUE RENZI, DUE MISURE – I TABULATI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA DI “REPORT”, ACQUISITI DALLA PROCURA DI ROMA, FINIRANNO NELLE MANI DEL SENATORE SEMPLICE DI RIGNANO, IN QUANTO PERSONA OFFESA. È LO STESSO CHE FRIGNA PERCHÉ I SUOI MESSAGGI SONO FINITI NEL FASCICOLO DI INDAGINE, A FIRENZE, SULLA FONDAZIONE OPEN? - L’OBIETTIVO DELLA PROCURA ROMANA ERA DARE UN NOME ALLA DONNA CHE AVEVA INVIATO AI CRONISTI IL VIDEO DELL’INCONTRO DI RENZI CON LO SPIONE MANCINI, DOPO LA DENUNCIA DELL'EX PREMIER. PECCATO CHE, INSIEME A QUELLO, I PM (E RENZI) ABBIANO RASTRELLATO TUTTI I CONTATTI DEI DUE GIORNALISTI. E BYE BYE ALLA LIBERTÀ DI STAMPA E ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI…

COME SO STE INTERCETTAZIONI? SO’ GRECHE! – IN GRECIA SI ALLARGA LO SCANDALO SULLA RETE DI SPIONAGGIO DI STATO : IL SETTIMANALE “DOCUMENTO” HA ELENCATO ALTRI NOMI DELLA LUNGA LISTA DI PERSONE SPIATE CON IL SOFTWARE PREDATOR. TRA QUESTI CI SAREBBE ANCHE L’EX CAPO DELLA POLIZIA KARAMALAKIS E LA PROCURATRICE CHE SUPERVISIONA I SERVIZI, VASILIKI VLACHOU – L’OPPOSIZIONE DI SYRIZA AZZANNA IL PREMIER, MITSOTAKIS: “DEVIAZIONE COSTITUZIONALE SENZA PRECEDENTI.SE NON DARÀ RISPOSTE CONVINCENTI SI DIMETTA"