MES NO STRESS? A DISPETTO DELLE POLEMICHE QUOTIDIANE L'ACCORDO POTREBBE ARRIVARE CON UN ''TRUCCO'' POLITICO: "FARANNO UN UNICO DOSSIER, SI DIRÀ DI SÌ AL MES MA METTERANNO IL VETO SULL'UNIONE BANCARIA. COSÌ IL PD POTRÀ DIRE CHE SUL FONDO SALVA-STATI NON CI SONO STATI PASSI INDIETRO E CHE LA CREDIBILITÀ DELL'ITALIA IN EUROPA È SALVA E I 5STELLE POTRANNO DIRE DI AVER DIFESO GLI INTERESSI DEGLI ITALIANI..."

-

Condividi questo articolo

 

Marco Antonellis per Dagospia

 

roberto gualtieri giuseppe conte roberto gualtieri giuseppe conte

Pierluigi Castagnetti, uno dei padri nobili del Pd da sempre ritenuto vicinissimo al Colle non le manda a dire: "E' oggettivamente sempre piu' difficile continuare a governare in questo modo, dove i 5S rimettono in discussione ogni cosa ogni giorno, pensando solo a un molto ipotetico vantaggio elettorale e disinteressandosi dell'interesse e della credibilita' del paese. Caliamo il sipario?".

 

In realtà, spiegano ambienti istituzionali, è soltanto un modo per dare una mano a Conte in una giornata cruciale agitando lo spauracchio delle elezioni anticipate in faccia ai grillini. Perché sebbene dalle parti del Quirinale rimangono perplessità per come è stata gestita nelle scorse settimane la vicenda del "salva Stati", nelle ultimissime ore gli sherpa della tre parti (Conte, PD e 5Stelle) stanno lavorando alacremente per trovare la "quadra" da portare alla riunione di maggioranza di stasera.

 

zingaretti di maio zingaretti di maio

 A dispetto dei toni pessimistici che troneggiano anche stamattina sui giornali, l'accordo potrebbe essere più vicino di quanto non sembri, come rivelano ambienti vicinissimi alla trattativa: "Si va verso un colpo al cerchio e una alla botte. Fanno un unico dossier, dicono di si al Mes ma metteranno il veto sull'Unione bancaria. Così il Pd potrà dire dire che sul Mes non ci sono stati passi indietro e che la credibilità dell'Italia in Europa è salva e i 5Stelle potranno dire di aver difeso gli interessi degli italiani...". Insomma, tanto rumore per nulla?

Castagnetti e Del Rio Castagnetti e Del Rio

 

Condividi questo articolo

politica

SALVINI INDAGATO PER I VOLI DI STATO: "POSSIBILE ABUSO D’UFFICIO". VERIFICHE SU 35 VIAGGI – ARRIVA UN ALTRO MESSAGGIO AL “CAPITONE” DOPO L’INCHIESTA SUL TESORO DELLA LEGA E L’IPOTESI DEI PM DI GENOVA DI OPERAZIONI SOSPETTE ANCHE CON SALVINI SEGRETARIO - LA CORTE DEI CONTI AVEVA GIUDICATO ILLEGITTIMI I VOLI DI STATO (MA AVEVA ARCHIVIATO LA PRATICA NON RAVVISANDO ALCUN DANNO ERARIALE) - ORA LA PROCURA DI ROMA TRASMETTE LA RICHIESTA AL TRIBUNALE DEI MINISTRI PROPONENDO DI SVOLGERE APPROFONDIMENTI

VE LA RICORDATE LA REGOLETTA ''CHI DESTABILIZZA QUESTO GOVERNO, SARÀ DESTABILIZZATO''? È IL PRINCIPIO SU CUI SI FONDA IL CONTE-BIS, E RENZI NE STA AVENDO UNA BELLA CUCCHIAIATA, AMARA E INDIGESTA. ORA PERDE LA TESTA CONTRO I GIORNALISTI, MA IL SUO PROBLEMA È IL ''DEEP STATE'', E IN PARTICOLARE QUELLE SEGNALAZIONI DELL'ANTIRICICLAGGIO DI BANKITALIA CHE HANNO SVELATO I DETTAGLI DEI SUOI PRESTITI E BONIFICI. LA STESSA BANKITALIA GUIDATA DA QUEL VISCO CHE LUI VOLEVA CACCIARE IN MALO MODO - PS: PER SALVINI LE COSE NON VANNO MEGLIO. L'INCHIESTA SU GALLI E' COINVOLTO…